Category: ALZHEIMER

Sportello informativo Alzheimer e Demenze correlate ASPIS

L’ASSOCIAZIONE ASPIS Onlus ed Alzheimer Italia vi aspetta il 18 Maggio 2017 alle ore 20,00 presso la PARROCCHIA SAN PASQUALE (corso Umberto, Taranto) con la Compagnia ” MAGAZZINI TEATRALI”  presenta “VOCI NELLA NOTTE”, monologhi su vari temi, un viaggio nella realtà: gioie, paure, ossessioni, violenza e amore.
Regia di Chicco Passaro e Federico Passariello Jr.

E’ ripartito da Marzo  il
GRUPPO DI POTENZIAMENTO COGNITIVO
La palestra per la mente — Attività utile ad incrementare le funzioni residue e rallentare la perdita funzionale

L’attività prevede 5 incontri e si svolge ogni lunedì
dalle 16.00 alle 17.30
Sede : Parrocchia San Pasquale Baylon
Via Pitagora n° 32 —Taranto

Il corso sarà tenuto dall’Equipe dell’Associazione ASPIS
Per info: cell. 334 9662325
Email: associazioneaspis@libero.it; aalba.taranto@libero.it

L’ASSOCIAZIONE ASPIS vi aspetta il 26/1/2017 alle ore 20,00 presso la PARROCCHIA SAN PASQUALE (corso Umberto, Taranto) con la Compagnia teatrale “ONDA ANOMALA” del centro Basaglia di Spazi Nuovi che presenta: “IO RICORDO”, opera teatrale sulla Shoah in occasione della Giornata della Memoria

L’associazione A.S.P.I.S. ONLUS
(Associazione per il Sostegno e l’ Inclusione Sociale)
Giovedì 3/11/2016 ha dato il via al
GRUPPO DI POTENZIAMENTO COGNITIVO
La palestra per la mente
Attività utile ad incrementare le funzioni residue e rallentare la perdita funzionale
L’attività prevede 5 incontri e si svolge
ogni giovedì dalle 16.00 alle 17.30
Sede : Parrocchia San Pasquale Baylon
Via Pitagora n° 32 —Taranto
Il corso sarà tenuto dall’Equipe dell’Associazione ASPIS
Per info: cell. 334 9662325
Email: associazioneaspis@libero.it; aalba.taranto@libero.it
locandina-potenziamento-cognitivo-aspis-taranto
ASPIS-ALZHEIMER-incontro-presentazione-28-aprile-2015Presentazione Sportello informativo Alzheimer e Demenze correlate

L’associazione A.S.P.I.S. ONLUS (Associazione per il Sostegno e l’ Inclusione Sociale) in collaborazione con l’associazione ALZHEIMER ITALIA il giorno 28/4/2015 presso la Provincia di Taranto nella “Sala Giunta” (4°piano in Via Anfiteatro 4, 74100 Taranto), presenterà l’apertura di un nuovo SPORTELLO INFORMATIVO SULL’ ALZHEIMER E LE DEMENZE CORRELATE.

All’evento interverranno :

Dott.ssa Katia Pinto – Vicepresidente Alzheimer Italia
Dott. Pietro Schino – Presidente Alzheimer Italia sede di Bari
Dott.ssa Simona Semeraro – Assesore ai Servizi Sociali del Comune di Taranto
Dott. Vincenzo Baio – Assesore alla Salute ed Ambiente del Comune di Taranto
Padre Tonino Nisi – Parroco della chiesa San Pasquale che offrirà gli spazi per la sede dello sportello informativo
Dott.ssa Daniela Battaglia – Presidente A.S.P.I.S. Onlus

Lo sportello avrà luogo nei locali della prestigiosa PARROCCHIA SAN PASQUALE, in Via Pitagora 32 – 74123 Taranto (TA).

SERVIZI DELLO SPORTELLO
– Colloqui di accoglienza e informativi sulla demenza
– Rilevazione della domanda
– Informazioni sulla rete dei servizi presente sul territorio
– Invio centri specializzati
-Parere Giuridico

SERVIZI SU RICHIESTA
– Valutazione neuropsicologica
– Consulenze specialistiche
– Assistenza domiciliare
– Riabilitazione cognitiva
– Consulenza legale

---ASPIS alzheimer sportello locandina completa zinzi 2015

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’Associazione A.S.P.I.S. Onlus chiamando il numero 334.9662325
oppure
scrivendo ad associazioneaspis@libero.it

Rassegna stampa:

  • LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO del 27/04/2015

gazzetta-sportello-alzheimer-taranto-aspis-28-4-15

  • LA GAZZETTA DI TARANTO del 6-5-2015

aspis - Alzheimer Italia 6-5-2015

  • NUOVO DIALOGO 12 giugno 2015 Taranto

nuovo dialogo 12 giugno 2015 taranto ASPIS alzheimer

  • NUOVO DIALOGO 3 febbraio 2017 Taranto

 

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2015/04/25/sportello-informativo-alzheimer-e-demenze-correlate/

Demenza e disturbi dell’umore e del comportamento

Con l’aggravarsi della degenerazione cognitiva, il processo dementigeno coinvolge le aree del comportamento e dell’umore, con conseguenze devastanti sulla vita dell’individuo.

cancellamente-demnza-zinzi-ettore-www.psicologo-taranto.com

Si assisterà alla progressiva insorgenza in forma sempre più aggravata di disturbi dell’umore e del comportamento:

  1.  disturbi d’ansia
  2.  disturbi del sonno
  3.  turbe del comportamento
  4. aggressività
  5. allucinazioni
  6. deliri
  7. irritabilità,
  8. ripetitività
  9. eccessivo attaccamento
  10. disinibizione
  11. alterazione del ciclo sonno-veglia
  12. disturbi dell’umore in senso depressivo fino ad arrivare a possibili tentativi di suicidio

I tentativi di suicidio risultano più frequenti nella prima fase della malattia e spesso con una raggiunta consapevolezza della malattia ma senza alcuna capacità di pianificazione della richiesta di aiuto.
All’inizio del processo degenerativo i tentativi di nascondere la malattia riescono, ma progressivamente con l’acutizzarsi dei sintomi, i bisogni di aiuto diventano sempre più marcati, fino ad arrivare ad una grossa compromissione della vita autonoma.
A causa del fatto che la malattia intacca le aree nelle quali si sviluppa la consapevolezza del sé, il paziente non riesce a dare una visione reale dei propri disturbi spesso minimizzando.
Diversi pazienti grazie all’uso delle abilità residue, sono abili nel continuare a dimostrarsi efficienti nelle abilità lavorative, svolgendole in modo meccanico ed automatico e trovandosi però spesso in stati confusionali nei quali ci si dimentica tutto ciò che si stava facendo.
Molti clienti spesso giungono al primo screening neuro cognitivo soli, riferendo di non aver detto nulla a nessuno dei propri famigliari circa le proprie difficoltà, questo evidenzia quanto sia difficoltoso riuscire ad ammettere prima a se stessi e successivamente all’esterno la possibilità di avere dei disturbi che inficiano le normali abilità della vita quotidiana.
Più la malattia avanza e maggiormente l’area frontale viene intaccata compromettendo sempre più le capacità di critica e giudizio (intendere e volere).

 

Aggressività

I comportamenti aggressivi dei malati portatori di un disturbo di Alzheimer (AD), possono essere sia verbali che fisici, anche se solitamente sono di carattere verbale.
Le persone che si curano del malato demente, quindi i caregiver, sono coloro che più degli altri subiscono questa aggressività, l’eteroaggressività è accentuata proprio quando il caregiver non è quello abituale, questo avviene poiché il malato sentirà maggiormente di non essere compreso.
E’ molto raro che il paziente rivolga verso se stesso l’aggressività (auto aggressività).
È molto importante per il caregiver rimanere lucido, ricordando che il comportamento aggressivo è dovuto alla malattia più che all’individuo, infatti questi disturbi non risparmiano alcun malato: anche persone con un carattere molto dolce possono talvolta comportarsi in modo aggressivo. Per questa ragione spessi le figure di accudimento e maggiormente i famigliari rimangono sconvolte e sconcertate, non aspettandosi tali reazioni.
Diverse sono le cause che possono scatenare l’aggressività, ma soprattutto la frustrazione e l’ansia. Tuttavia, la causa più comune è la paura; si tratta quindi di una naturale reazione difensiva contro la falsa percezione di un pericolo o di una minaccia. Non sempre si riesce a prevenire l’aggressività, bisogna però cercare di ridurre al minimo le conseguenze per sé e per gli altri.
Sia nel caso di etero che di auto aggressività, il comportamento del soggetto non è agito intenzionalmente ed in modo del tutto consapevole, spesso è il risultato di una sua errata valutazione, disorientamento o errate interpretazioni, determinate da amnesia o da incapacità di tenere sotto controllo tutti gli elementi di una situazione. Il fatto di non comprendere la situazione nella quale si trova, in determinate circostanze disorienta il paziente, determinandogli gravi livelli di ansia e conseguente spavento.
Ogni paziente ha il suo modo di reagire e le reazioni esagerate sia di tipo catastrofico che aggressivo per il caregiver sono comprensibili considerando queste sensazioni. Quando i malati di demenza sono in ottima salute fisica, possono avere molta forza e quindi risultare talvolta pericolosi. In questi casi è molto importante innanzitutto non lasciarsi suggestionare da un comportamento aggressivo, in virtù del fatto che la capacità di coordinazione del soggetto demente nell’effettuare la sequenza motoria aggressiva è molto compromessa, quindi limitata, molto probabilmente non riuscirà ad essere veramente pericoloso, per cui è più utile concentrarsi sulle tecniche più efficaci per estinguere l’episodio. Questo comportamento può metterci in grave difficoltà emotiva e pratica. Quindi sono molto importanti le reazioni del caregiver, che in base a come reagisce può aggravare o alleggerire la situazione.
Specialmente se il caregiver è un familiare, facilmente egli può interpretare la reazione del paziente come diretta nei suoi confronti, anche in considerazione di precedenti conflitti. È importante che i familiari diano la giusta interpretazione agli episodi di aggressività, evitando così di soffrire per quella che è invece una conseguenza diretta della malattia, è poco utile peggiorare il disagio del paziente con risposte improprie.
Come già detto le reazioni aggressive esprimono paura, confusione, disagio, incomprensione, disorientamento. Riuscire ad individuare la causa scatenante esatta aiuterà a trovare la soluzione ottimale per il comportamento aggressivo. Ma non sarà sempre possibile trovare la causa. In tal caso è comunque importante mantenere una grande tranquillità, parlare con tono di voce pacato ed essere rassicuranti nei gesti. È molto indicato avere delle buone capacità di ascolto, mostrare di volere innanzitutto sentire quale sia il suo problema, e solo successivamente rispondere (Boccardi M., 2007). Il tentativo di calmare a tutti i costi il paziente agitato, viene immediatamente respinto dal paziente aggressivo, il quale crede che ci sia nei suoi confronti ostilità e contrasto. In alcuni casi abbandonare la stanza quando l’aggressività è in atto, può dare il tempo al demente di calmarsi ed elaborare meglio la situazione.
Spesso il proprio caro risponde con aggressività al fatto di sentirsi smarrito, non ascoltato e soprattutto non rispettato nei suoi bisogni. Spesso sarà solo utilizzando il linguaggio del paziente stesso (si veda la gestione dei deliri descritta paragrafo omonimo) che si potrà risolvere una reazione catastrofica, senza dover ricorrere ad alcun altro tipo di altro intervento.
Una buona conoscenza e gestione del paziente permette un’ampia prevenzione dei comportamenti aggressivi.

Allucinazioni

Le allucinazioni sono percezioni di un qualcosa che non esiste e tuttavia chi le ha, le ritiene reali. Esse sono involontarie e non criticate ed hanno i caratteri della sensorialità e della proiezione spaziale (Galimberti U., 1999). Esse possono essere di vario tipo a seconda dell’organo di senso coinvolto (uditive, visive, olfattive, tattili ecc.). Certi comportamenti inspiegabili dei pazienti affetti da demenza possono essere ricondotti ad una loro allucinazione. Le allucinazioni sono più frequenti nella demenza con corpi di Lewy e molto rare nell’Alzheimer (Boccardi M., 2007).
Proprio in virtù del fatto che le allucinazioni sono rare negli AD, spesso, comportamenti strani non sono ad esse riconducibili ma piuttosto collegate a dei deliri (vedi paragrafo successivo). Il delirio è facilmente verbalizzabile da parte del paziente e quindi questo facilita il compito dell’operatore, in quanto fornisce gli elementi per la sua stessa elaborazione.
Alcuni sintomi, appartenenti alla categoria dei disturbi della percezione quindi, disturbi di elaborazione secondaria del percetto o allucinatori, sono piuttosto considerabili dei deliri (Boccardi M., 2007). Spesso infatti emerge che il paziente in alcune situazioni tratta appropriatamente gli stimoli problematici, pur continuando a delirare.
Boccardi (2007) sostiene che a volte può essere molto difficile distinguere con esattezza fra allucinazioni, misidentificazioni (vedi in seguito) e deliri, ma questi fenomeni sono generalmente accomunati da una medesima caratteristica, cioè dal fatto che il paziente li ritiene reali. Durante gli episodi di allucinazione è estremamente inutile contrastare il malato, poiché egli è completamente convinto che le sue percezioni siano vere tanto da disconoscere la realtà circostante.
A causa delle allucinazioni il demente arriva ad avere la convinzione che visitatori immaginari vivano nella propria casa, a volte non riconosce la sua immagine allo specchio e la scambia con quella di qualcun altro, altre volte ha l’impressione che le immagini televisive siano reali.
In questi casi è di estrema inutilità contrastare questa convinzione del cliente, bisogna altresì provare a consolarlo e guidarlo (ciò verrà meglio discusso nel paragrafo sui deliri).
Anche se spesso la consapevolezza di avere allucinazioni è assente, a volte quando la malattia è al primo stadio non è così, il demente è consapevole: quindi potrà sentirsi molto spaventato e angosciato tanto da necessitare un enorme supporto sarà opportuno aiutare il paziente a superare questa esperienza rendendogliela più accettabile descrivendogliela come fenomeno dell’invecchiamento e soprattutto spostando la sua attenzione ad altre aree di funzionamento più integre, in modo da riuscire a valorizzare i suoi punti di forza.

 

 

Deliri

Come riporta la dottoressa Boccardi M. nel suo manuale per la riabilitazione cognitiva e comportamentale nella demenza (2007), i deliri sono idee non corrispondenti al reale, ma fermamente ritenute vere dal paziente. E’ quasi impossibile convincere il paziente della loro falsità. Infatti il carattere di immodificabilità è ciò che caratterizza il delirio. L’autrice aggiunge che quando un paziente mostra un comportamento delirante, è inutile cercare di modificarlo provando a riportarlo nella realtà. Si può chiaramente fare un tentativo per capire quanto si possa intervenire su questa idea, ma se ci si accorge che si tratta di idee deliranti ed è inutile impiegare ulteriori energie per riportare il paziente alla realtà. Boccardi afferma che i deliri sono fra i problemi comportamentali più disturbanti sia per il paziente che per il caregiver. L’autrice sottolinea la necessità di offrire al paziente interventi di vario genere che vanno dal contenimento delle reazioni aggressive che ne possono conseguire, alla necessità di placare le ansie del paziente. Si evidenzia quanto in questi casi l’ideazione di un intervento efficace è una delle più grandi difficoltà del caregiver, il quale spesso si trova a dover fronteggiare il proprio vissuto di impotenza.
È possibile intervenire sui deliri ad altri livelli: per ottenere risultati discreti bisogna in prima analisi cercare di capire quale sia la loro origine, conseguentemente c’è bisogno di definire con chiarezza e coerenza quale obiettivo sia necessario ed etico perseguire.

Qui di seguito verranno riportate delle tipologie di deliri, in modo da poter aiutare il caregiver nel capire come considerare tali disturbi man mano che si presentano, anche qualora i contenuti specifici siano notevolmente diversi:

  • – Delirio come tentativo di ricostruzione di una realtà solo parzialmente percepita, ricordata e rappresentata, a causa dei disturbi cognitivi.
    È chiaro come talvolta il delirio, può nascere da un’errata interpretazione della realtà, situazione che spesso si verifica nei malati di Alzheimer, che sono cognitivamente compromessi su almeno tre livelli di elaborazione cognitiva necessari per la comprensione della realtà:
    la percezione, il ricordo e la rappresentazione.
    La realtà viene “percepita” in modo parziale da questi pazienti, principalmente a causa dei disturbi dell’orientamento dell’attenzione e di working memory (Baddeley A.D., 1986). Gli elementi percepiti vengono “ricordati” male a causa dei disturbi di memoria. Infine, perché gli elementi cognitivi possano essere elaborati dalla persona è necessario che vengano mentalmente “rappresentati”, e come si è visto i malati di Alzheimer hanno difficoltà di astrazione che compromettono anche questa fase di elaborazione.
    Con i pochi elementi rimasti, questi malati cercano comunque di ricostruire quale potrebbe essere la realtà. La “costruzione” della realtà è l’unico modo che l’uomo ha per relazionarsi con essa. Anche la ricostruzione della realtà effettuata dalle persone senza processi degenerativi in atto è sempre parziale e sostanzialmente “falsa”, ma è la migliore possibile per l’uomo nel pieno delle sue facoltà, perciò essa è generalmente socialmente condivisa (Boccardi M., 2007). Le persone affette da processi degenerativi, effettuano un’operazione di costruzione-ricostruzione della realtà del tutto analoga al processo che avviene nelle persone “normali”, ma gli elementi di cui questi malati dispongono sono così lacunosi che il risultato finale è decisamente e visibilmente deficitario.
    La chiave di lettura di questo tipo di disturbi è il saper distinguere tra una cattiva e sbagliata percezione della realtà ed un delirio; questo è molto importante ai fini del trattamento riabilitativo. Spesso infatti vi è grossa confusione nel distinguere questi due processi, anche perché l’avvio dei deliri molte volte trae origine dalla distorsioni percettive della realtà che risulta difficile da organizzare in modo coerente.
  • – Delirio come metafora usata dal paziente per rappresentare se stesso e la sua situazione, sia agli altri che a sè.
    Generalmente, la sola parzialità della percezione della realtà non basta per far emergere un vero e proprio delirio. Infatti, se si trattasse solo di un’erronea interpretazione da parte del paziente, basterebbe che una persona fornisse gli elementi per un’interpretazione adeguata e si risolverebbe l’apparente delirio. Questo è infatti ciò che avviene, quando il problema è veramente un’interpretazione erronea. Tuttavia, come abbiamo già detto prima quando l’idea è delirante, qualsiasi spiegazione è inutile. In questi casi il delirio non è unicamente la conseguenza di un’errata interpretazione di fatti parzialmente percepiti o ricordati, ma ha una funzione difensiva e risponde ad un insieme complesso di esigenze da parte del paziente, e quindi viene da lui attivamente costruito, mantenuto e alimentato, anche se in modo non consapevole. Il fatto che il malato abbia a disposizione elementi solo parziali della realtà, non preclude che egli in qualche modo “scelga” gli elementi da ricordare ed utilizzare. Naturalmente questa scelta non è consapevole, ma è funzionale alle sue esigenze. Proprio come le persone sane ricordano meglio le informazioni che hanno una certa importanza emotiva, lo stesso accade per i malati di demenza, i quali ricordano meglio quegli elementi della realtà che poi scatenano il delirio che hanno un certo peso emozionale, cioè ciò che li coinvolge emotivamente al momento o che comunque ha determinato in loro una chiara reazione emotiva (non è raro sentirli rievocare con grande esattezza anche semplici gesti, per loro offensivi, fatti da altre persone anche parecchi minuti prima).
    Quando questo si verifica, il delirio evidenzia quali sono gli elementi emotivamente rilevanti per la persona, questo fornisce un utile linguaggio per comunicarli. Con gli elementi di un delirio, la persona esprime e quindi rappresenta i propri disagi, così come il lupo delle fiabe permette al bambino di dare una rappresentazione alle sue paure. Le emozioni fluttuanti e senza nome sono più difficili da gestire e risultano molto più angoscianti delle medesime emozioni di cui noi stessi conosciamo un nome ossia una forma mentale. Il malato di demenza non ha sufficienti risorse cognitive per fare un accurato esame della realtà e quindi ricordare esattamente quale sia il suo disagio.
    Il delirio quindi offre il modo per rappresentare comunque le proprie emozioni, anche quando non sono cognitivamente a disposizione tutti gli elementi per identificarle in modo realistico (anche se un paziente non ricorda un fatto, ne mantiene comunque l’emozione corrispondente). Questa caratteristica del delirio impone agli operatori di cambiare strategia, passando dal punto di vista del paziente piuttosto che aspettandosi che egli si adegui alla realtà per lui difficilmente comprensibile.
    Pur fornendo al paziente tutti gli elementi per una corretta interpretazione della realtà, si trascurerebbe la vera funzione che ha assunto in questo caso il delirio, cioè quella di comunicare all’esterno e a se stesso la condizione di svantaggio e disorientamento (Boccardi M., 2007). In questo caso il delirio deve essere considerato in funzione di questa necessità. La persona che si prende cura del malato lo dovrà ascoltare in modo da poter capire i significati che sono stati veicolati con linguaggio del delirio. Una volta capiti i significati dovrà a sua volta rispondergli con lo stesso linguaggio con il quale il delirio si è manifestato, proprio come ad uno straniero bisogna parlare nella sua lingua.
  • – Delirio come meccanismo di difesa
    Il delirio può infine avere anche un ruolo diverso da quello dell’autorappresentazione e della comunicazione. Esso si offre anche come strumento per approfittare, in modo non consapevole ma funzionale, dei problemi di memoria per coprire realtà angoscianti che il paziente altrimenti non saprebbe affrontare, poiché ormai carente delle sufficienti risorse mentali per far fronte a realtà particolarmente dolorose (Boccardi M., 2007). Questa funzione del delirio, può in qualche modo configurarsi come “vantaggio secondario della malattia”, in quanto essa offre un’ottima scusa per non ricordare e non sapere, non solo gli elementi inutili, ma a maggior ragione quelli dolorosi.
    Come da un lato in modo automatico ed esterno alla coscienza il soggetto demente effettua una selezione delle cose da ricordare in modo che avvenga la rappresentazione del se attraverso il delirio, dall’altro effettua con lo stesso automatismo la scelta delle memorie molto spiacevoli che metterebbero in crisi la persona compromettendo il suo senso di integrità.
    Proprio per il fatto che il contenuto dei deliri riesce a mantenere l’integrità dell’individuo non facendolo cadere nell’angoscia, è importante che i caregiver non cerchino di correggere e contrastino queste convinzioni del malato, anzi loro dovranno saper accettarle e rispettarle.
    Come la letteratura scientifica suggerisce (Boccardi M., 2007), gli elementi del delirio costituiscono il linguaggio che l’operatore stesso dovrà usare rispondendo al paziente, con l’obiettivo di risolvere i suoi timori e volgere in positivo un vissuto sgradevole, condividere le sue gioie e mantenere integre le sue difese.
  • – Deliri a contenuto specifico possono essere:
    • La misidentificazione è un caratteristico tipo di delirio che spesso viene confuso come allucinazione in cui la persona percepisce delle fotografie, immagini televisive, bambole, ed altri oggetti comunque non viventi come se fossero realmente esistenti. In alcuni casi il demente scambia dei perfetti estranei come se fossero dei famigliari o persone significative della propria vita. Allo specchio potrebbero credere di avere a che fare con un’altra persona anziana anziché con la propria immagine. Tali atteggiamenti vengono generalmente considerati dagli esperti come veri e propri deliri invece che di disturbi cognitivi e quindi allucinatori, proprio perché spesso capita che le stesse misidentificazioni a volte vengano interpretate in modo corretto. Quindi sarà possibile che se in un momento il malato considerava la persona in televisione come realmente, nel successivo potrebbe riconoscerla correttamente e quindi come immagine televisiva.
    • L’anosognosia è la mancata consapevolezza della propria condizione di malattia e quindi dei propri disturbi. Non si tratta infatti di un semplice disturbo cognitivo, quanto di una mancanza di memoria riguardo a disturbi cognitivi, di cui peraltro il paziente è ben consapevole nel momento in cui si manifestano. Più precisamente, il paziente non è consapevole del suo stato di malattia, manifestando invece la ferma convinzione di possedere ancora le capacità che in realtà ha perso in seguito a lesione cerebrale. Se messo a confronto con i suoi deficit, il paziente attua delle confabulazioni oppure delle spiegazioni assurde, incoerenti con la realtà dei fatti. È possibile che l’abitudine al comportamento difensivo di negazione e camuffamento del disturbo, tipico delle fasi iniziali, rafforzi in modo particolare l’amnesia per la propria malattia, in modo analogo a quanto avviene per i deliri con funzione difensiva.

 

 

Irritabilità, ripetitività, eccessivo attaccamento

Spesso i malati di demenza mostrano disturbi del comportamento di vario tipo: si spazia dalla ripetizione continua della stessa domanda nonostante gli si risponda, ad un attaccamento morboso al caregiver, spesso vi è un’eccessiva sensibilità verso le sollecitazioni e una irritabilità molto frequente. I pazienti sono molto diversi fra loro, per tanto ciò che può meglio indirizzare l’atteggiamento e il comportamento giusto per arginare queste reazioni sarà di volta in volta la conoscenza approfondita del paziente.
Quando è il familiare a fronteggiare il disturbo comportamentale, spesso sarà piuttosto difficile prenderne le distanze in quanto egli sarà troppo invischiato nella relazione ed il comportamento disturbante non farà altro che aggravare il suo carico di stress. Tuttavia, per il caregiver spesso l’unico metodo per evitare che si verifichino questi fenomeni comportamentali disturbanti è quello di astrarsi, prendendo le distanze in modo da non esserne disturbato immediatamente; successivamente dovrà trovare il modo di far prendere in considerazione al malato anche un altro punto di vista, in cui egli stesso dovrà valutare il fatto che il proprio comportamento non è del tutto appropriato. Il senso dell’umorismo e l’ironia spesso sono ancora compresi dal malato, che può essere talvolta in grado di ridere di sé e modificare il proprio atteggiamento almeno temporaneamente (Boccardi M., 2007). Ma la condizione principale affinché questo possa avvenire è che il caregiver riesca a prendere emotivamente le distanze dal comportamento disturbante anziché subirlo direttamente nei suoi effetti stressanti e quindi di conseguenza attuare risposte sbagliate. Con questa strategia si previene anche un altro genere di errore: il rinforzo della dipendenza del paziente. Spesso credendo di risolvere più velocemente i problemi del malato, il caregiver agisce in modo complementare ad egli. Ma in realtà agendo in questo modo, erroneamente si rinforza nel malato il suo fare disadattivo, facendogli mantenere il problema tale e quale nel tempo e rendendolo dipendente; quindi, impegnarsi ad uscire dal circolo vizioso della complementarietà anche se inizialmente sembrerebbe più difficile, è il modo migliore per assistere e riabilitare il demente.
È anche essenziale ricordarsi che il paziente, nonostante possa considerare se stesso in modo più oggettivo, non è in grado di fare questo autonomamente, ed il suo comportamento non è del tutto volontario. Spesso infatti i portatori di AD sembrano apparentemente relativamente integri tanto che il caregiver possa leggere comportamenti di questo tipo come un volontario tentativo del paziente di infastidirlo. Questo errore è ancora più frequente quando coloro che si curano del malato sono persone della famiglia (figli, nuore, ecc.), che facilmente possono cadere nell’errore di collegare i disturbi a conflitti realmente accaduti nel passato essendo essi stessi stuzzicati da sentimenti ambivalenti che sono normalmente suscitati dalla gestione di questi malati.

Disturbi dell’umore (depressione e ansia)

Depressione e ansia sono sintomi non cognitivi frequenti nelle fasi iniziali di questa malattia, in quanto essi sono reazioni alla consapevolezza dei disturbi. Ma ansia e depressione possono riscontrarsi anche in fasi più avanzate del processo degenerativo nonostante il malato non sembri molto consapevole della sua malattia. Bisogna a tal proposito ricordare che il paziente, pur non ricordando di essere malato, è spesso consapevole dei propri insuccessi, inoltre se istituzionalizzato, e quindi lontano dalla sua casa e dai suoi cari. Può risentirne avendo conseguenze sul tono dell’umore, ciò si verifica anche nel caso in cui il paziente non ricordi sempre con precisione la causa del suo malessere. Ansia e depressione spesso possono essere curati con dei farmaci, ma questi interventi devono essere visti come ausilio per i casi più gravi, come via per migliorare la partecipazione attiva del paziente ad una riabilitazione psicologica e psico-sociale che abbia poi esiti che durino oltre la somministrazione del farmaco. Erroneamente ed in modo non del tutto professionale da parte di chi prescrive e di chi somministra tali farmaci, succede che considerando che hanno carattere sedativo, non lasciano emergere la reattività, vengono spesso abusati, rendendo il malato più controllabile.
Naturalmente intervenire con interventi psico-sociali che riescano a riempire di significato la vita di pazienti anche molto compromessi può aiutare a prevenire e risolvere queste condizioni. Ma è importante tener presente che, ridare significato alla vita di persone che hanno subito molte e gravi perdite è forse la sfida più ardua nel compito dell’assistenza a questo tipo di utenza.
È naturalmente molto opportuno cercare di inserire l’intervento di uno psicoterapeuta nel trattamento di un anziano con disturbi dell’umore.
È utile tenere in considerazione che in base ai risultati di ricerche recenti relative al tono dell’umore, si raccomanda di svolgere un’accurata diagnosi differenziale fra depressione e apatia. Infatti, l’apatia, comunemente osservata nella sindrome depressiva, è causata anche da danno ai lobi frontali (si ricordi che il circuito sistema limbico-lobi frontali è alla base della motivazione), ma non è sinonimo di depressione. L’apatia semplice è una condizione di marcato e generalizzato disinteresse, mentre nella depressione il paziente diventa apatico conseguentemente ad una serie di idee e vissuti negativi di incapacità, colpa, mancanza di speranza, impotenza ecc. vissuti che difficilmente si riscontrano nei pazienti apatici per un danno focale ai lobi frontali. Sono disponibili strumenti testistici per la valutazione dell’apatia, inoltre le normali terapie farmacologiche per la depressione non sono applicabili nei casi in cui non ci sia comorbilità con la sindrome depressiva.
E’ opportuno cercare di mantenere un clima emotivo familiare sereno per fare sì che gli affetti da AD si sentano più sicuri e il meno possibile a disagio, essendo essi particolarmente sensibili a questa variabile ambientale.

 

 

Disinibizione

La disinibizione è un disturbo comportamentale tipico dei pazienti affetti da lesioni fronto-temporali, ma presente anche nei portatori di morbo di Alzheimer.
Per disinibizione si intende la riduzione o scomparsa della funzione inibitoria esplicata dal sistema nervoso centrale. In psicopatologia il termine designa un aumento dell’attività psichica accompagnato da un eccesso di impulsi affettivi e aggressivi, nonché da un’iperattività motoria.
I pazienti affetti da lesione fronto-temporale spesso si spogliano in pubblico e si esibiscono in modo inappropriato nelle situazioni più differenti. Nel momento in cui questi pazienti attuano comportamenti disinibiti hanno la totale mancanza di consapevolezza di quello che fanno, tanto che non si accorgono di essere inadeguati, in tal caso nonostante gli operatori abbiano per istinto la spinta a rimproverare essa non risulta la migliore risposta. È più utile convincere il malato a rivestirsi o a interrompere il comportamento inadeguato in altri modi, per esempio distraendolo in qualche modo come ad esempio offrendogli una pietanza di suo gradimento.
Lo spogliarsi in un luogo inadeguato può avere tanti significati, potrebbe significare che ha caldo e non sappia come fare o che deve andare in bagno. In questo caso quindi è opportuno che si faccia una veloce e lucida analisi dei suoi bisogni, in modo da agevolarlo nella loro risoluzione.

Alterazione del ciclo sonno-veglia

Una delle conseguenze della malattia di Alzheimer è la disorganizzazione dei normali ritmi circadiani, cioè di quei ritmi fisiologici che, nel corso della giornata, indicano all’individuo se è ora di mangiare, di dormire, di essere attivi, ecc. La disorganizzazione di questi ritmi risulta molto evidente negli affetti da AD date le sue grosse conseguenze sul sonno, che appare caratterizzato da un andamento irregolare, da continui risvegli, ed eccessi di sonno nei momenti meno opportuni o anche difficoltà nell’avvio dello stesso. Spesso, nelle ore notturne, il paziente non assonnato si dedica alle più insolite attività girovagando in casa come se fosse pieno giorno e non sentisse stanchezza alcuna. Il fatto di non dormire di notte, provoca poi particolare stanchezza di giorno ed il paziente può dormire per larga parte della giornata quindi essendo per nulla sintono all’andamento della vita famigliare. Anche questo disturbo è particolarmente pesante per il caregiver.
Oltre alle ormai varie possibilità di intervento attraverso una terapia farmacologica, il caregiver deve fare in modo di tenere sveglio il paziente di giorno, a tale scopo è utile impegnarlo in varie attività di suo gradimento cosi che si stanchi e la sera si addormenti. Un’altra utile strategia è quella di mantenere una buona illuminazione ambientale di giorno, possibilmente con luce naturale. Se questo non fosse possibile è consigliato portare spesso il paziente in ambienti esterni o addirittura si può accessoriare la casa con particolari lampade adatte alla Light Therapy in modo da stimolare il funzionamento di quei nuclei (il nucleo soprachiasmatico in particolare) responsabili nella generazione dei neurotrasmettitori che regolano il ritmo sonno-veglia. Se il paziente assume medicinali che danno sonnolenza come effetto collaterale, appare utile considerare la possibilità di somministrarli di sera piuttosto che durante le ore del giorno.

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2014/09/15/demenza-disturbi-umore-comportamento/

Demenza e funzioni cognitive compromesse

Demenza e funzioni cognitive.

cancellamente-demnza-zinzi-ettore-www.psicologo-taranto.com

La demenza è una malattia a carattere degenerativo del sistema nervoso, in cui le cellule del sistema nervoso centrale vengono colpite progressivamente morendo (Galimberti U., 1999). Con l’avanzare della malatia viè una massiccia e progressiva compromissione delle funzioni cognitive, comportamentali e dell’umore. Conseguenza di tale processo sono le modificazioni comportamentali e le modificazioni nell’uso delle abilità cognitive quali:

  1.  la memoria
  2. l’orientamento spazio-temporale
  3.  la percezione
  4.  l’attenzione
  5.  la capacità di giudizio
  6.  il linguaggio

La compromissione di tali deficit è graduale, la progressiva degenerazione di determinate aree cerebrali interessa il conseguente declino funzionale.

1.1 Deficit mnesici (memoria)

Nel libro “l’operatore e il paziente Alzheimer, manuale per prendersi cura del malato” di Raffaella Galli e Mariarosria Liscio, viene riportato questo colloquio tra un paziente e la persona che si occupa di lui (caregiver):

“Se vai in cantina, mi prenderesti anche il detersivo dei piatti e i tovaglioli?” E immancabilmente una buona oretta dopo ti presentavi senza uno o l’altro o tutte e due o qualcos’altro, e sostenevi (anche arrivando a litigare) che nessuno ti aveva detto niente!
Quante volte sarà successa questa scena? Non lo so, ma sicuramente talmente tante da diventare ormai scontato che se dovevi ricordarti più di una cosa, andavi in confusione.
Le prime volte ci arrabbiavamo: sembrava lo facessi apposta. Insomma, dovevi fare due rampe di scale, arrivare in cantina e prendere qualcosa che avevi proprio sotto il naso: possibile che fosse tanto difficile? All’inizio pensavamo di no. Poi, quando abbiamo iniziato a comprendere qualcosa di più di quello che ti stava succedendo, abbiamo capito: sì, nel tuo caso fare due rampe di scale, arrivare in cantina e prendere qualcosa che avevi proprio sotto il naso poteva davvero essere troppo difficile.”(Galli R.,Liscio M., 2007, p.27).

Come si nota leggendo il dialogo, lentamente ci si capacita dei danni del sistema limbico, con progressivi cambiamenti nella qualità della vita.
La frequenza delle piccole dimenticanze (dimenticarsi di un appuntamento, dimenticarsi la macchinetta del caffè sul fuoco, un nome, perdersi per strada ecc.) che ha un malato di Alzheimer è assolutamente distinguibile dalla frequenza con la quale le stesse dimenticanze interessano le persone sane.
Il processo degenerativo interessa la persona in modo progressivo e marcato, si arriva infatti a non riconoscere un proprio familiare, perdere l’abilità nello svolgere determinate azioni anche automatiche come farsi la barba, allacciarsi le scarpe …
Spesso a seguito di questi episodi e quindi quando è ormai in uno stato avanzato della malattia, il paziente o i suoi familiari decidono di rivolgersi ad un medico con richiesta di aiuto, inconsapevoli di cosa stia accadendo.

Secondo il modello di Atkinson e Shiffrin (1968), la memoria va distinta in due tipi:
1. memoria a breve termi¬ne (MBT)
2. memoria a lungo termine (MLT).
Con la MBT noi ricordiamo piccole quantità di informazione utili nell’immediato, per esempio il ricordo di un indirizzo da scrivere su un bigliettino, oppure il ricordo di un numero di telefono da digitare immediatamente. La caratteristica della memoria a breve termine è che una volta che queste informazioni vengono utilizzate, esse vengono immediatamente cancellate.
Per evitare che questo tipo di informazioni rimangano in traccia e quindi allungare i tempi di “delete” è molto utile l’esercizio della reiterazione, cioè la ripetizione continua dell’informazione da mantenere vivo in memoria.
La MLT è divisa in due canali:
– memoria dichiarativa che rappresenta tutto quell’insieme di tracce mnesiche che possono essere verbalizzate. Essa, a sua volta, è distinta in :

  • memoria semantica, che “immagazzina” simboli, regole e formule; la così detta “conoscenza generale del mondo”,
  • memoria episodica, la quale contiene le informazioni riguardanti tutti gli eventi di vita. Spesso viene anche chiamata memoria autobiografica, in quanto è quella parte della MLT che ci permette di ricordare le esperienze significative di vita ed anche il loro intreccio temporale.

La memoria semantica e la memoria episodica, pur essendo parte della stessa memoria dichiarativa, vengono localizzate in due aree cerebrali differenti, quindi avranno differenti tempistiche degenerative.
Per essere fissate nella MLT, alcune informazioni devono essere elaborate o anche “salvate” attraverso la tecnica della reiterazione (ad esempio come avviene quando si imparano le poesie) rendendole permanenti in memoria. Frequentemente le difficoltà maggiori consistono nel riuscire a fare emergere dalla memoria a lungo termine l’informazione archiviata.
L’invecchiamento degenerativo delle varie zone del cervello, crea (così come accade con l’avanzare della senescenza), l’attraversamento di varie fasi.
Accade infatti che, si hanno buoni ricordi degli eventi e fatti del passato, ma poi si ha difficoltà a ricordare eventi più recenti, ad esempio cosa si è appena mangiato.
Per fronteggiare questa difficoltà, cioè mancanza di memoria degli episodi appena accaduti, l’uomo crea una copertura del vuoto mnesico trasponendo ricordi immagazzinati dalla memoria a lungo termine in tempi presenti. Così l’anziano a tratti avrà momentanee modificazioni del sè, infatti spesso si assiste ad anziani che si catapultano in tempi remoti della memoria, credendo di essere bambini …

– Memoria procedurale: è quella parte della MLT implicita cioè costituita da processi non consapevoli. Grazie a questa memoria noi siamo in grado di svolgere compiti automatici che una volta appresi è difficile modificare. Questo tipo di memoria è impiegata ad esempio quando guidiamo un automobile, una bici, anche quando magari non ricordiamo il come e il dove abbiamo appreso queste abilità.
La malattia di Alzheimer intacca per ultima questo tipo di memoria.

È evidente come i disturbi a carico della memoria compromettano in modo massiccio la qualità di vita del soggetto che non è più in grado di avere delle buone autonomie, delle adeguate relazioni interpersonali, ha dei disturbi emotivi, visuo-spaziali, fino a non riconoscere il proprio caro. Spesso il malato di Alzheimer minimizzando i suoi deficit potrebbe imbattersi in situazioni nelle quali metterebbe in pericolo la propria vita ed anche quella d’altri.
Mano a mano tutte le capacità del soggetto si invalidano rendendolo completamente dipendente da un aiuto.
È proprio in questa fase che assume grande importanza la persona che si curerà di lui, il caregiver. Non è semplice infatti riuscire a mantenere la calma di fronte a continue dimenticanze del malato, spesso il caregiver è frustrato e nervoso quindi, è assolutamente inutile che si adiri pensando di cambiare la situazione perché purtroppo è il danno organico che crea questi disturbi, e senza memoria non c’è apprendimento.

I farmaci esistenti non riescono a curare la malattia ma solo a rallentarla se presa in tempo.
Il compito del caregiver è quello di aiutare il malato anche attraverso l’ausilio di procedure scritte su foglietti (post-it) a svolgere i normali compiti quotidiani (mangiare, lavarsi i denti, le mani ecc.), fino ad aiutarlo anche fisicamente negli ultimi stadi degenerativi.
È condiviso che il caregiver, debba essere vigile sul proprio stato dell’umore, riuscendo a consapevolizzare in modo più efficace la propria frustrazione elaborandola, tanto da rivolgersi ad un psicoterapeuta qualora sentisse di avere bisogno di un supporto, per meglio evitare un eventuale burn-out.

 

 

1.2 Deficit Spazio-temporali

Con l’avanzare della malattia, la degenerazione delle cellule del sistema nervoso intacca la zona della corteccia parieto-temporale e si assiste ad una sempre più grave compromissione delle funzioni controllate in quella particolare area del cervello: la dimensione spazio-tempo.
Con i deficit mnesici il paziente subisce un disorientamento multidimensionale, avviene che all’improvviso non sa dove si trova, come e da quanto tempo.
Il paziente non è in grado di ricordare in che mese, giorno ed anno si trova, confondendo spesso il presente con il passato e viceversa, il dove e i vari nessi di casualità tra gli eventi.
In concomitanza di situazioni-stimolo nuove, il paziente avverte ansia poiché non riconosce luoghi, tempi e modalità di svolgimento.
Anche in casa spostamenti di oggetti, mobili, possono destabilizzare il malato.
Grossi disagi emotivi invadono gli ultimi stadi del degrado cognitivo: disagio, ansia, paura dell’abbandono.
Poiché è ancora impossibile arrestare l’avanzamento della malattia, l’unica cosa da fare resta agevolare e favorire in tutti i modi che il paziente si trovi in un ambiente che riconosce, evitando di fare grossi cambiamenti in casa.
Quando è impossibile lasciare il malato nella propria abitazione, potrebbe essere utile permettergli di arredare i luoghi nei quali andrà a vivere con oggetti che lo aiuterebbero a sentirsi a casa.
È molto utile preparare dei fogli e cartelloni su cui scrivere i compiti e le attività da svolgere durante la giornata, ovviamente dovranno anche essere appesi un calendario ed un orologio, in modo ben visibile.

 

1.3 Deficit percettivi (agnosie)

Se per quanto riguarda i deficit puramente mnestici il paziente non riesce a ricordare i nomi delle cose, quando invece subentrano i deficit percettivi, il soggetto non riesce proprio a dare un senso a quello che percepisce.
In questo caso i danni cerebrali, riguardano le aree dell’elaborazione e integrazione del percetto.
Le informazioni provenienti dagli organi di senso raggiungono la corteccia cerebrale ma non vengono elaborati; per questo si avranno agnosie uditive, tattili e visive e disturbi nel riconoscimento olfattivo.
Spesso la persona affetta da demenza non sarà in grado di riconoscere volti, voci di familiari ecc. arriverà a non riconoscere addirittura la propria immagine riflessa allo specchio, la riorganizzazione dello spazio di vita in questi casi è l’unica soluzione possibile, quindi sarà opportuno eliminare dalla casa del malato gli specchi in modo che si eviti in lui la comparsa di sentimenti di paura e frustrazione.
Sarà spesso utile aiutare la persona affetta da demenza nell’avvio di azioni stimolandolo, si potrà quindi porgergli le posate quando si nota che egli non mangia spontaneamente.
Una tecnica molto utile per favorire il malato quando la sua memoria ormai è molto compromessa, è quella di creare un cartellone con le foto e i rispettivi nomi delle persone significative della sua vita in modo che egli sia facilitato nel loro riconoscimento.

 

1.4 Deficit aprassici

L’aprassia (dal greco a- prefisso di negazione, e praxía fare, quindi incapacità di fare) è un disturbo neuropsicologico del movimento volontario. Deficit relativo alla capacità di elaborare un progetto d’azione: il paziente non riesce a rappresentarsi mentalmente il gesto da compiere, tanto meno ad organizzare sequenze motorie idonee a raggiungere lo scopo di una particolare azione. Nonostante la volontà del soggetto e le sue capacità motoria siano intatte, egli non riesce ad eseguire la sequenza combinata di azioni. Come in molte malattie neurologiche, le persone affette da tale disturbo non se ne accorgono.
Questo deficit crea un grosso e generale decadimento delle funzioni motorie, spesso si sbaglia e si fa confusione sull’ordine dei movimenti da fare in ogni singola azione;
In base al livello di elaborazione dell’atto motorio, si distingue:

  • – L’aprassia ideativa (AI), in cui la disfunzione è nel processo di rappresentazione mentale del gesto o sequenza di movimenti da compiere. E’ proprio un’incapacità di formulare un piano d’azione complesso, anche se non è compromessa la capacità di eseguire singole azioni. Sembra causata da una lesione del crocicchio temporo-parieto-occipitale dell’emisfero di sinistra, solitamente ad eziologia vascolare. Nelle prove d’uso di oggetti si osservano frequenti errori di omissione, uso erroneo, errata localizzazione, goffaggine, perplessità e errori di sequenza.
  • – L’aprassia ideomotoria o idiocinetica (AIM), in cui lo schema della memoria è conservato, ma non è accessibile al richiamo volontario, per cui non è possibile eseguire sequenze di movimenti su comando o per imitazione bensì sia possibile esguirli in automatico (Galimberti U. 1999). La lesione riguarda in genere l’emisfero cerebrale sinistro, in particolare una lesione del lobo parietale causa più di frequente AIM anche grave, rispetto a una lesione frontale dell’area premotoria laterale. Una lesione del corpo calloso può causare AIM degli arti omolaterali all’emisfero dominante.
  • L’aprassia acrocinetica (AAC): in cui il paziente gesticola in modo goffo e bizzarro, quasi cristallizzato, vi è mancanza di fluidità nel muoversi; inoltre, i movimenti, sempre disorganizzati, sono privi di coordinazione spontanea nonostante vi sia una conservata ideazione. E’ dovuta a lesioni nelle aree premotorie. In questo tipo di aprassia è impossibile effettuare movimenti spontanei e volontari, le difficoltà aumentano in base alla complessità del compito, ma non variano in base alla tipologia di oggetto o su imitazione.
  • L’aprassia costruttiva o amorfosintesi (AC): è caratterizzata dall’incapacità di comporre le parti per ottenere un tutto (Galimberti U. 1999). Il suo portatore non è in grado di produrre correttamente costruzioni tridimensionali o disegni bidimensionali, sia a memoria che su imitazione. Essa è causata da lesioni cerebrali sia dell’emisfero destro che del sinisto. Spesso, quando la lesione interessa la parte sinistra dell’encefalo il soggetto tende a semplificare il disegno e rimpicciolirlo; quando la lesione è destra invece, si osservano disegni prodotti con grave disorganizzazione spaziale e perdita dei dettagli nella parte controlaterale alla lesione, quindi a sinistra. L’aprassia costruttiva può dipendere da deficit a carico dei sistemi di analisi visuo-spaziale (lobo parietale destro), di pianificazione e monitoraggio dell’azione (lobi frontali), di sensibilità tattile e propriocettiva, di memoria semantica.
  • L’aprassia motoria o cinetica (AM): è dovuta alla perdita degli schemi mnestici di origine cinestesica necessari per l’esecuzione di atti corretti, soprattutto di quelli fini (Galimberti U., 1999). Questa aprassia quindi crea una disorganizzazione del movimento caratterizzata da una riduzione della spontaneità motoria.

 

 

1.5 Deficit dell’attenzione e delle funzioni di esecuzione

Accade spesso che se si chiede ad un malato di Alzheimer di eseguire un compito, ci si rende conto che lui non è in grado di eseguirlo; le ragioni possono essere tante, come il non discriminare un oggetto tra tanti, non riuscire a prestare attenzione su chi parla e quindi sintonizzarsi sul messaggio.
Per poter aiutare il malato, è opportuno impegnarsi nel mantenere un contatto oculare e stare attenti che non ci siano elementi di disturbo che possano interferire.
La compromissione delle funzioni esecutive è causata da degenerazione dell’area della corteccia frontale che, coinvolge diverse abilità cognitive come: pensiero astratto, abilità di programmazione dei movimenti e selezione degli obiettivi .
Anche in questo caso è opportuno lasciare il malato in un ambiente più stabile possibile, è inoltre utile minimizzare i suoi deficit, evitando di sottolineare i suoi vari impedimenti e incapacità , tutto questo ha la funzione di evitare la frustrazione.

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2014/09/13/demenza-e-funzioni-cognitive-compromesse/

ALZHEIMER

La demenza è una malattia a carattere degenerativo del sistema nervoso, in cui le cellule del sistema nervoso centrale vengono colpite progressivamente morendo (Galimberti U., 1999).

Vari cambiamenti e modificazioni nell’uso delle abilità cognitive avvengono a causa delle demenze:

  • deficit mnesici
  • deficit spazio-temporali
  •  deficit percettivi (agnosie)
  • deficit aprassici
  •  deficit dell’attenzione e delle funzioni di esecuzione.

Varie modificazioni di carattere comportamentale ed emotivo:

  • aggressività
  • allucinazioni
  • deliri
  • irritabilità
  • ripetitività
  • eccessivo attaccamento
  • disturbi dell’umore (depressione ed ansia)
  • disinibizione
  • alterazione del ciclo sonno-veglia
  • memoria
  • emozione
  • linguaggio
  • pensiero
  • orientamento.

Non bisogna dimenticare come spesso diverse malattie vengono confuse con la demenza e viceversa:

il delirium, la depressione, la demenza multi-infartuale, la demenza vascolare sottocorticale, la demenza frontotemporale.

Per offrire un quadro concreto delle variabili demografiche e della loro correlazione consultare “la ricerca Alzheimer”:una ricerca pilota di “Analisi statistico descrittiva effettuata su di un campione di 801 pazienti afferenti nell’arco di anni che và dal 2001 al 2008 per valutazione neurocognitiva (per sospetta demenza) all’Azienda Sanitaria Locale D.S.M. Servizio di Psicologia dell’età adulta ed evolutiva di Taranto (Chiloiro D., Scapati F., Battaglia D., Cetera N., Zinzi E. 2010,138-140) .

Anche se sin ad oggi non si è ancora riusciti a trovare una vera e propria cura per questa malattia, svariati tentativi sia in campo farmacologico che riabilitativo “cercano” di rallentarne il suo decorso.

Per questo si cercherà di agire sulla riabilitazione delle varie funzioni.

I metodi utilizzati sono il frutto di una integrazione tra tecniche pure di riabilitazione e quelle di natura Psicoterpeutica, con un approccio “centrato sulla persona” (Carl Rogers 1997).

Ci sono anche difficoltà affrontate dalla famiglia del malato per fronteggiarne i cambiamenti dementigeni e ci sono suggerimenti utili per riuscire ad affrontare al meglio la malattia, oltre che padroneggiare in modo più abile ed adeguato con i propri ed altrui vissuti emozionali.

La demenza rappresenta una delle emergenze sanitarie del prossimo futuro (The italian Longitudinal Study on Anging Working Group, 1997; Solfrizzi et al., 2004; Di Carlo et al., 2002). Nell’ultimo decennio stanno aumentando le evidenze a favore del valore della riabilitazione neurocognitiva che riguardano: l’orientamento, la memoria e la gestione del comportamento.  Una nuova era sta iniziando. Attraverso studi controllati come nel caso della  Reality Orientation Therapy tradizionale (ROT) si potrà acquisire una nuova identità attraverso la quale la persona viene posta al centro dell’attenzione nella sua globalità, nella convinzione che competenza cognitiva e fattori psicosociali contribuiscano alla realizzazione del malato come persona.

BIBLIOGRAFIA (ricerca alzheimer)

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2011/06/28/morbo-di-alzheimer/

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2011/05/19/bibliografia-ricerca-alzheimer/