Category: dipendenza

La dipendenza da GAP (gioco d’azzardo patologico) è correlata a delle alterazioni cerebrali

La dipendenza da gioco d’azzardo patologico (GAP) sembra essere correlata a delle alterazioni cerebrali in aree che gestiscono l’elasticità cognitiva.

E’ questo quanto si afferma un nuovo studio pubblicato il 4 Aprile 2017 sulla rivista Translation Psychiatry, condotto presso l’Università di Kyoto dal team del Dottor Hidehiko Takahashi, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche di Inage-Ku (Giappone).

A Fujimoto1,2, K Tsurumi1, R Kawada1, T Murao1, H Takeuchi1, T Murai1 and H Takahashi1,2

  1. Department of Psychiatry, Kyoto University Graduate School of Medicine, Kyoto, Japan
  2. Department of Functional Brain Imaging, National Institute of Radiological Sciences, National Institutes for Quantum and Radiological Science and Technology, Chiba, Japan

Correspondente: Professor H Takahashi, Department of Psychiatry, Kyoto University Graduate School of Medicine, 54 Shogoin-Kawara-cho, Sakyo-ku, Kyoto 606-8507, Japan. E-mail: hidehiko@kuhp.kyoto-u.ac.jp
Received 27 November 2016; Revised 19 January 2017; Accepted 10 February 2017
http://www.nature.com/tp/journal/v7/n4/full/tp201755a.html

I vari giochi in denaro attirano ormai nella loro dannosa rete migliaia di persone. E’ risaputo ormai che questi giochi sono creati proprio per creare dipendenza. Chiunque può rischiare di diventare dipendente ma soprattutto i soggetti tendenti alla compulsione i quali anche quando stanno palesemente compromettendo la loro vita con le perdite continuano a giocare.

Il disturbo d’azzardo (GAP) è spesso considerato come un problema di tipo prettamente psicologico. Tuttavia, i sintomi di GAP non possono essere completamente compresi in questa visione.

Nello studio è stato ipotizzato che i pazienti affetti da GAP abbiano anche avuto problemi di discontrollo degli impulsi con una non adeguata valutazione del rischio causata da un diverso funzionamento della corteccia cerebrale.

I ricercatori hanno studiato 50 soggetti di cui 29 erano il gruppo di controllo (HC) quindi persone con alcun disturbo di dipendenza da gioco e 21 erano il gruppo (GD) ossia soggetti che in base al DSM-IV-TR sono classificati come dipendenti da gioco d’azzardo (addicted).

Tutti i coinvolti nello studio hanno partecipato ad un gioco multistep, quindi a più livelli, nel quale lo scopo era di guadagnare punti facendo scelte di gioco graduali.

Per la valutazione del desiderio compulsivo di gioco ai giocatori sono stati somministrati due questionari di autovalutazione GACS (Gambling Craving Scale) e il BIS/BAS (Behavioral Inhibition/Avoidance Scales) e contemporaneamente è stato condotto un esperimento di imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Dall’analisi comportamentale dei giocatori è emerso che il gruppo di “gambling addicted” ha la tendenza rigida al rischio infatti tutti i giocatori d’azzardo hanno preferito scelte rischiose anche quando queste erano scelte non ottimali nella riuscita del gioco.

Dall’analisi fMRI  è  emerso un diminuito funzionamento della corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC), che è fortemente implicata nell’adattamento cognitivo.

 Questo studio quindi lascia dedurre che i comportamenti di tipo compulsivo dei giocatori d’azzardo sono correlati anche a una scarsa valutazione del rischio non riuscendo quindi ad adattarsi in modo ottimale alla realtà, e questa alterazione appare evidente dalle indagini di neuroimaginging; infatti esse evidenziano alterazioni in quelle

 

Fonte:

  1. Takahashi et al., “Deficit of state-dependent risk attitude modulation in gambling disorder”, articolo pubblicato su Translational Psychiatry, 04 Aprile 2017

www.nature.com/tp/journal/v7/n4/full/tp201755a.html

Bibliografia della ricerca

  • Hodgins DC, Stea JN, Grant JE. Gambling disorders. Lancet 2011; 378: 1874–1884. | Article | PubMed |
  • Shaffer HJ, Martin R. Disordered gambling: etiology, trajectory, and clinical considerations. Annu Rev Clin Psychol 2011; 7: 483–510. | Article | PubMed |
  • APADiagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5®). American Psychiatric Association Publishing: Arlington, VA, USA, 2013.
  • Potenza M. Perspective: behavioural addictions matter. Nature 2015; 522: S62. | Article | PubMed | CAS |
  • Holmes D. Addiction: 4 big questions. Nature 2015; 522: S63. | Article | PubMed |
  • Brevers D, Bechara A, Cleeremans A, Noel X. Iowa Gambling Task (IGT): twenty years after – gambling disorder and IGT. Front Psychol 2013; 4: 665. | Article | PubMed |
  • Cavedini P, Riboldi G, Keller R, D’Annucci A, Bellodi L. Frontal lobe dysfunction in pathological gambling patients. Biol Psychiatry 2002; 51: 334–341. | Article | PubMed |
  • Potenza MN. The neural bases of cognitive processes in gambling disorder. Trends Cogn Sci 2014; 18: 429–438. | Article | PubMed |
  • Clark L, Averbeck B, Payer D, Sescousse G, Winstanley CA, Xue G. Pathological choice: the neuroscience of gambling and gambling addiction. J Neurosci 2013; 33: 17617–17623. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Van Holst RJ, van den Brink W, Veltman DJ, Goudriaan AE. Brain imaging studies in pathological gambling. Curr Psychiatry Rep 2010; 12: 418–425. | Article | PubMed |
  • De Ruiter MB, Veltman DJ, Goudriaan AE, Oosterlaan J, Sjoerds Z, van den Brink W. Response perseveration and ventral prefrontal sensitivity to reward and punishment in male problem gamblers and smokers. Neuropsychopharmacology 2009; 34: 1027–1038. | Article | PubMed | ISI |
  • Reuter J, Raedler T, Rose M, Hand I, Glascher J, Buchel C. Pathological gambling is linked to reduced activation of the mesolimbic reward system. Nat Neurosci 2005; 8: 147–148. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Kessler RC, Hwang I, LaBrie R, Petukhova M, Sampson NA, Winters KC et al. DSM-IV pathological gambling in the National Comorbidity Survey Replication. Psychol Med 2008; 38: 1351–1360. | PubMed |
  • Lorains FK, Cowlishaw S, Thomas SA. Prevalence of comorbid disorders in problem and pathological gambling: systematic review and meta-analysis of population surveys. Addiction 2011; 106: 490–498. | Article | PubMed |
  • De Wilde B, Goudriaan A, Sabbe B, Hulstijn W, Dom G. Relapse in pathological gamblers: A pilot study on the predictive value of different impulsivity measures. J Behav Addict 2013; 2: 23–30. | Article | PubMed |
  • Caraco T, Martindale S, Whittam TS. An empirical demonstration of risk-sensitive foraging preferences. Anim Behav 1980; 28: 820–830. | Article |
  • Inagaki HK, Panse KM, Anderson DJ. Independent, reciprocal neuromodulatory control of sweet and bitter taste sensitivity during starvation in Drosophila. Neuron 2014; 84: 806–820. | Article | PubMed | CAS |
  • St Onge JR, Floresco SB. Dopaminergic modulation of risk-based decision making. Neuropsychopharmacology 2009; 34: 681–697. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Kolling N, Wittmann M, Rushworth MF. Multiple neural mechanisms of decision making and their competition under changing risk pressure. Neuron 2014; 81: 1190–1202. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Symmonds M, Bossaerts P, Dolan RJ. A behavioral and neural evaluation of prospective decision-making under risk. J Neurosci 2010; 30: 14380–14389. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Fujimoto A, Takahashi H. Flexible modulation of risk attitude during decision-making under quota. Neuroimage 2016; 139: 304–312. | Article | PubMed |
  • Rushworth MF, Noonan MP, Boorman ED, Walton ME, Behrens TE. Frontal cortex and reward-guided learning and decision-making. Neuron 2011; 70: 1054–1069. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Wager TD, Jonides J, Reading S. Neuroimaging studies of shifting attention: a meta-analysis. Neuroimage 2004; 22: 1679–1693. | Article | PubMed | ISI |
  • Buckley MJ, Mansouri FA, Hoda H, Mahboubi M, Browning PG, Kwok SC et al. Dissociable components of rule-guided behavior depend on distinct medial and prefrontal regions. Science 2009; 325: 52–58. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Okasha S, Binmore K. Evolution and Rationality: Decisions, Co-operation and Strategic Behaviour. Cambridge University Press: Cambridge, UK, 2012.
  • Stephens DW, Krebs JR. Foraging Theory. Princeton University Press: Princeton, NJ, USA, 1986.
  • Ma N, Liu Y, Li N, Wang CX, Zhang H, Jiang XF et al. Addiction related alteration in resting-state brain connectivity. Neuroimage 2010; 49: 738–744. | Article | PubMed | ISI |
  • Hu Y, Salmeron BJ, Gu H, Stein EA, Yang Y. Impaired functional connectivity within and between frontostriatal circuits and its association with compulsive drug use and trait impulsivity in cocaine addiction. JAMA Psychiatry 2015; 72: 584–592. | Article | PubMed |
  • Limbrick-Oldfield EH, Mick I, Cocks RE, McGonigle J, Sharman SP, Goldstone AP et al. Neural substrates of cue reactivity and craving in gambling disorder. Transl Psychiatry 2017; 7: e992. | Article | PubMed |
  • Young MM, Wohl MJ. The Gambling Craving Scale: psychometric validation and behavioral outcomes. Psychol Addict Behav 2009; 23: 512. | Article | PubMed |
  • Carver CS, White TL. Behavioral inhibition, behavioral activation, and affective responses to impending reward and punishment: the BIS/BAS scales. J Pers Soc Psychol 1994; 67: 319. | Article | ISI |
  • McLaren DG, Ries ML, Xu G, Johnson SC. A generalized form of context-dependent psychophysiological interactions (gPPI): a comparison to standard approaches. Neuroimage 2012; 61: 1277–1286. | Article | PubMed | ISI |
  • Goudriaan AE, Oosterlaan J, de Beurs E, van den Brink W. Neurocognitive functions in pathological gambling: a comparison with alcohol dependence, Tourette syndrome and normal controls. Addiction 2006; 101: 534–547. | Article | PubMed | ISI |
  • Leppink EW, Redden SA, Chamberlain SR, Grant JE. Cognitive flexibility correlates with gambling severity in young adults. J Psychiatr Res 2016; 81: 9–15. | Article | PubMed |
  • Naqvi NH, Rudrauf D, Damasio H, Bechara A. Damage to the insula disrupts addiction to cigarette smoking. Science 2007; 315: 531–534. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Droutman V, Read SJ, Bechara A. Revisiting the role of the insula in addiction. Trends Cogn Sci 2015; 19: 414–420. | Article | PubMed |
  • Clark L, Bechara A, Damasio H, Aitken MR, Sahakian BJ, Robbins TW. Differential effects of insular and ventromedial prefrontal cortex lesions on risky decision-making. Brain 2008; 131: 1311–1322. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Clark L, Studer B, Bruss J, Tranel D, Bechara A. Damage to insula abolishes cognitive distortions during simulated gambling. Proc Natl Acad Sci USA 2014; 111: 6098–6103. | Article | PubMed |
  • Schacter DL, Addis DR, Buckner RL. Remembering the past to imagine the future: the prospective brain. Nat Rev Neurosci 2007; 8: 657–661. | Article | PubMed | CAS |
  • Barbey AK, Krueger F, Grafman J. Structured event complexes in the medial prefrontal cortex support counterfactual representations for future planning. Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci 2009; 364: 1291–1300. | Article | PubMed |
  • Balaguer J, Spiers H, Hassabis D, Summerfield C. Neural mechanisms of hierarchical planning in a virtual subway network. Neuron 2016; 90: 893–903. | Article | PubMed | CAS |
  • Miedl SF, Peters J, Buchel C. Altered neural reward representations in pathological gamblers revealed by delay and probability discounting. Arch Gen Psychiatry 2012; 69: 177–186. | Article | PubMed |

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2017/05/18/la-dipendenza-gap-gioco-dazzardo-patologico-correlata-delle-alterazioni-cerebrali/

Documentario sul gap. ZER0PER. Rimettersi in gioco.

Un documentario sul gioco d’azzardo, la sua attuale evoluzione in GAP (gioco d’azzardo patologico) e sulla sua cura.

Zeroper. Rimettersi in gioco.

zeroper Regia: Francesco Russo
Montaggio: Valeria Fabris
Fotografia: Tiziano Casanova
Colonna sonora: Free Music Archive
Produzione: Indimage Film, Animado Film
Lingua Originale: Italiano
Anno: 2013 Durata: 52 minuti

Come lo stesso Psicoterapeuta Rolando De Luca riferisce nel documentario, una volta caduti vittime della dipendenza da gioco d’azzardo compulsivo è necessario intervenire con percorsi di psicoterapia di gruppo e individuale. Sono spesso i famigliari i primi a rivolgersi ad uno psicoterapeuta.
E’ necessario informare ed essere informati tutti sui rischi (compusioni) ai quali si incorre dedicandosi ai vari giochi d’azzardo che ormai sono presenti nella vita di tutti i giorni; in ogni dove e ogni quando, sia nel mondo reale che virtuale (on-line) è possibile imbattersi in: casinò, sale slot, poker, enalotto, super enalotto, 10&lotto, gratta e vinci, aste al centesimo e chi più ne ha più ne metta…

Il GAP ormai è una vera emergenza sociale che distrugge singoli e famiglie, in un gioco statale perverso fatto di strategie che invitano a “giocare con moderazione” adescando individui di qualsiasi fascia di età, tutto questo in un mondo dove ormai vedere anche bambini grattare biglietti “della fortuna” è culturalmente accettato.

Nelle stesse Note di Regia del documentario si legge:
“Credo sia importante lanciare un messaggio positivo, far conoscere il più possibile non solo gli allarmanti dati sul fenomeno, ormai sotto gli occhi di tutti, ma anche gli spazi e i modi per contrastarlo.”

Nella Sinossi scritta dagli autori si legge:
“Un volume d’affari tale da collocarlo al terzo posto dopo aziende come Eni e Fiat. Un business annuo sedici volte superiore a quello di Las Vegas. Leggi di mercato e istituzioni che ne hanno agevolato, invece che arginare, la diffusione indiscriminata. Questo è oggi il gioco d’azzardo in Italia.
Che fare, dunque, per controllare il numero sempre crescente di giocatori compulsivi? Come intervenire sulle nuove forme di dipendenza patologica che tocca oggi tassi epidemiologici? L’idea di questo documentario si sviluppa proprio intorno a queste domande, ma vuole anche raccontare la significativa esperienza di A.GIT.A., che dal 2000 a Campoformido (UD) opera nella prevenzione e nella cura del gioco d’azzardo patologico: questo lavoro è dedicato a quanti sono passati di lì.”

Continuiamo ad inforare e informarci !!! SMETTI E VINCI!!!SMETTI E VINCI GAP dipendenze da gioco dr Ettore Zinzi gioco d'azzGUARDA il DOCUMENTARIO ZEROPER

 

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2016/11/24/zeroper-rimettersi-gioco/

Trucco per “vincere” alle aste al centesimo MadBid, PrezziPazzi, Bidoo, Wellbid, Vincycorporation, Quibids, Swoggi…

NUOVE DIPENDENZE
Le aste “al centesimo”/“(gu)Aste (A)Sociali”/” “shopping compulsivo”
Trucco per “vincere” alle aste al centesimo MadBid, PrezziPazzi, Bidoo, Wellbid, Vincycorporation, Quibids, Swoggi…
Sistemi per vincere alle ASTE AL CENTESIMO pur non giocando.

"SMETTI E VINCI" è infallibile! pur non giocando, avremo già vinto i nostri soldi non giocati, in questo modo potrà avere la possibilità di metterli da parte e utilizzarli per la concreta realizzazione dei nostri sogni.

“SMETTI E VINCI” è infallibile! Sistema per vincere alle ASTE AL CENTESIMO pur non giocando, avremo già vinto i nostri soldi non giocati, in questo modo potrà avere la possibilità di metterli da parte e utilizzarli per la concreta realizzazione dei nostri sogni.

Nuove esche per i compulsivi.
Come dimostrato da tempo divagano i modi in internet, per sfruttare le debolezze e sogni di qualcuno, vedi ad esempio, il poker online, le slot, i Gratta e VINCI, l’illusione della vincita, il bombardamento dei media che lo hanno reso anche, una modalità comportamentale seppur nociva lecitamente accettata.
Oggi a questa lunga sfilza di siti che offrono la possibilità di “sognare” si è aggiunto MadBid, PrezziPazzi, Bidoo, Wellbid, Vincycorporation, Quibids, Swoggi
Queste aziende, hanno trovato un nuovo modo per fare spendere compulsivamente soldi alle persone. Il modo in cui funzionano queste aste, induce alla compulsività, quindi slatenetizza i tratti compusivi in soggetti con discontrollo degli impulsi.
L’interazione Uomo-Macchina, le continue puntate scandite da un timer con conto alla rovescia, il marketing pubblicitario, effettuato sulle maggiori testate giornalistiche, sono la perfetta esca per “allevare” consumatori con la compulsione al “click”.
Facendo qualche calcolo emerge che, queste aste al centesimo, su ogni oggetto hanno elevatissimi margini di guadagno e potere di controllo delle aste. In alcuni casi, le aste vengono bloccate in una fase di stallo e non sono più visibili nel sito, o comunque il gestore ha il potere di ritirare gli oggetti dall’asta senza risarcire chi ha già puntato diversi centesimi. L’unico vincitore può risparmiare, ma gli utenti che hanno perso, hanno finanziato anche circa 5 volte il valore reale dell’oggetto. Questo significa che se “vinco” un telefonino del valore di 100 euro il sito ne guadagna anche 500 (circa 4000 puntate).
A differenza delle aste classiche nelle quali l’utente non spende niente per fare una offerta, nelle aste al centesimo ogni offerta viene pagata, c’è chi vince e c’è chi perde, si potrebbero quindi paragonare ad un gioco d’azzardo.
Come già provato con il GAP, gioco d’azzardo patologico gli ingredienti che inducono dipendenza sono: Condizionamento con rinforzo casuale, la pubblicità e la tendenza dell’individuo al discontrollo degli impulsi, ansia ecc.
Essi hanno grande influenza nello sviluppo della compulsione al gioco.
Con il condizionamento con rinforzo casuale e/o intermittente, come dimostrato in laboratorio, è possibbile indurre comportamenti compulsivi in cavie da laboratorio, le quali sono indotte a ripetere un comportamento (es. premere una leva) al fine di vincere un premio, il quale però è offerto in modo casuale (tanto da spingere la cavia a premere sempre la leva sperando che prima o poi cada il cibo). Ecco qui di seguito un riadattamento del diagramma di Giovanni Serpelloni (Dipartimento Politiche Antidroga), diponibile on line dal febbraio 2013, modificato dal dr E.Zinzi.:

impulsività-e-gap-riadattamento-zinzi-genesi-del-gap2Uno dei vari siti su citati di aste al centesimo recita:

Punta Responsabilmente.
I siti di aste online sono un modo divertente ed entusiasmante per acquistare prodotti. Noi vogliamo fornire esattamente questo tipo di esperienza, positiva e divertente, a tutti i nostri clienti. E’ per questa ragione che incoraggiamo sempre tutti i nostri clienti a puntare responsabilmente.
Rischio di Dipendenza
Noi consapevoli che c’e il rischio, sebbene remoto, che prendere parte a delle aste a tempo puó portare alla dipendenza e creare sofferenza per se stessi e per gli altri. Questo puó accadere se l’Utente spende troppo tempo sul sito, riducendo contestualmente il tempo speso con amici e parenti. E’ nostro dovere quindi informare tutti i nostri utenti per fare in modo che abbiamo la migliore esperienza possibile con il sito.
Linee Guida
Prenditi il tempo di leggerti queste linee guida:
1. Prendi delle pause tra un’asta o l’altra. Usa l’autopuntata piuttosto che concentrarti unicamente sul timer dell’asta.
2. Decidi in anticipo il tuo budget mensile che intendi spendere, e attieniti a quello.
3. Prima di partecipare a qualsiasi asta, decidi in anticipo il numero di crediti che intendi utilizzare puntando, e attieniti a questo limite.
4. Mai partecipare alle aste sotto l’effetto di alcol o medicinali o quando ci si trova in uno stato depressivo.
5. Punta manualmente solamente quando si é pienamente svegli e concentrati.

Il trucco per vincere al MadBid, PrezziPazzi, Bidoo, Wellbid, Vincycorporation, Quibids, Swoggi… dopo questa lettura è ormai evidente? Vero?
Questo trucco era stato già svelato in precedenza, nell’articolo “Trucco per vincere in modo matematico al gioco Sisal “VinciCasa”, trucco che attualmente fa stare bene tante persone.
Ormai, sono palesi le probabilità di vincita e PERDITA ed anche i meccanismi che tendono a patologizzare i giocatori, il trucco matematico per vincere è alla portata di tutti.
Il sistema, per essere forse sicuri di “vincere” al 99% dei casi, ci è stato, da diverso tempo, suggerito da un genio, Albert Einstein, Ideatore della Teoria della Relatività. Parlando di gioco con vincite in denaro disse:
“Non puoi mai battere un tavolo da roulette, a meno che non rubi i soldi da questo”.

Come Albert Einstein ha svelato, l’unico modo per vincere a questi giochi di fortuna è levare direttamente i soldi dal banco, quindi, ci sono due modi per vincere:
1. Rubare i soldi del banco, attenzione è illegale ed altamente sconsigliato, da non fare mai, in nessun caso;
2. Levare “i nostri” soldi dal banco, per fare questo basta non giocare, così noi “vinceremo” i soldi non giocati.

Il “sistema” SMETTI E VINCI !! è il miglior modo per non sperperare soldi, sentirci indipendenti e non sentirci anestesizzati dal sistema delle vincite a premi che spesso, cattura migliaia di persone lasciandole inermi di fronte alle avversità della vita, lasciandole speranzose di poterla cambiare guardando uno schermo, grattando dei biglietti, giocando numeri, pigiando bottoni ecc.

“SMETTI E VINCI” è infallibile!
pur non giocando, avremo già vinto i nostri soldi non giocati, in questo modo si potrà avere la possibilità di metterli da parte e utilizzarli per la concreta realizzazione dei nostri sogni.
SMETTI E VINCI GAP dipendenze da gioco dr Ettore Zinzi gioco d'azz
Ovviamente dopo diversi tentativi personali non fruttuosi, quindi senza riuscire da soli a smettere di spendere soldi, è consigliato rivolgersi ad uno psicoterapeuta specializzato.

Filippo Petruccelli, docente di Psicologia della Comunicazione ed esperto di dipendenze patologiche, recita: “la capacità del web di offrire una risposta rapida e illimitata a ogni richiesta rende particolarmente vulnerabili i soggetti incapaci di una sana gestione degli impulsi”. Petruccelli conclude: “la coazione al gioco d’azzardo online può essere paragonata a una raffica di piccoli reati d’impeto nei confronti di se stessi: non è altro che un’inadeguata strategia individuale per lenire l’ansia.”
Nicola Boccola – 12 gennaio 2012 (Tratto da Il Fatto Quotidiano)

——————————————————————————————————-

 

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2015/07/08/trucco-per-vincere-alle-aste-al-centesimo-madbid-prezzipazzi-bidoo-wellbid-vincycorporation-quibids-swoggi/

Workaholism, il lavoro come ossessione. La dipendenza dal lavoro.

work-addiction, sindrome maniacale da lavoro, ossesione da lavoro, workaholism….https://i2.wp.com/www.psicologo-taranto.com/wp-content/uploads/2014/11/workaholism-zinzi-ettore1.jpg?resize=421%2C112

Il termine workaholism fu coniato per la prima volta nel 1971 da un medico psicologo americano di nome Wayne Edward Oates (1917-1999). Egli stesso si accorse della sua dipendenza dal lavoro, proprio dopo aver spinto il figlio a prenotare un appuntamento nel suo studio per riuscire a trovare il tempo di parlargli.
Oates ha coniato il termine workaholism pensando proprio al termine Alcoholism (alcolismo), sostenendo che la dipendenza da lavoro ha diversi elementi comuni alla dipendenza dall’alcol. Gli iniziali studi di Oates pubblicati nel suo libro autobiografico del 1971 “Confessions of a Workaholic: The Facts about Work Addiction” si sono estesi in tutto il mondo, anche se in Italia la sindrome non è alla maggior parte della popolazione del tutto ancora nota.
Che si chiami work-addiction, sindrome maniacale da lavoro, ossesione da lavoro o workaholism, il disturbo è quindi definito come dipendenza dal lavoro. Quella continua e necessaria pulsione ad impegnare la maggior parte del proprio tempo lavorando, trascurando la vita intima e personale, quindi il proprio benessere psicofisico, la famiglia, gli amici, il sesso ecc.

La dipendenza da lavoro è costituita da due componenti principali: 

  1. Comportamentale. Quindi la compulsione a lavorare eccessivamente

  2. Psicologica. Essere ossessionati da pensieri che riguardano il lavoro non riuscendosene a distaccare, sentendosi appagati solo quando si lavora.

Dopo uno studio effettuato nel 2001 Bryan E. Robinson, Jane J. Carroll, Claudia Flowers (2001) hanno affermato che la compulsione al lavoro è un fenomeno progressivo, potenzialmente fatale, caratterizzato da esigenze autoimposte, superattività compulsiva, incapacità di regolare le proprie abitudini di lavoro, abuso del lavoro a danno delle relazioni intime e delle attività quotidiane più importanti.
Il profilo del “workaholist” sembra essere caratterizzato da difficoltà a rilassarsi durante il tempo libero che comunque è poco appetibile in quanto crea quasi un senso di colpa visto che lo allontana dal lavoro. Il dipendente si isola distaccandosi dalla famiglia, che suscita tensioni mentali, non coltiva la relazione con il partner e i figli portando il lavoro anche a casa. Non ha relazioni amicali significative fatta esclusione di quelle finalizzate alla produttività lavorativa. Spesso pensa di essere superiore agli altri in quanto lavora di più. Soffre spesso di ansia e cambiamenti di umore.

La cosa interessante di questo disturbo è il fatto che a differenza di quanto si possa pensare il dipendente dal lavoro non è un poi un buon lavoratore e non è poi cosi produttivo, in quanto il suo stato psichico non è al massimo delle sue potenzialità anzi a lungo andare rischia di esaurire le risorse sia fisiche che mentali e si stressa finendo in Burn-out. Inoltre il “workaholist” ha difficoltà a delegare il lavoro creando evidenti problemi tra i colleghi in ufficio e nei workgroup, diffondendo stress.

Così come accade in tutti i tipi di dipendenza ci sono principalmente tre stadi che portano alla dipendenza conclamata:

  1.  nascosta – vi è meno contatto sociale ed umore sempre più flesso in senso depressivo, più irritabilità e nervosismo, mal di testa e dolori allo stomaco;

  2. manifesta – si passa facilmente dal nervosismo all’ aggressività, pressione alta, disturbi cardiaci e ulcera;

  3. cronica – il lavoro satura la vita privata, con tutte le conseguenze del caso.

 Secondo Arnold Bakker dell’università di Rotterdam i sintomi principali della dipendenza da lavoro sono:

  •  Dolore fisico
  • Difficoltà nella vita relazionale
  • Solitudine
  • Scarso rendimento professionale
  • Esaurimento
  • Disturbi del sonno

Come liberarsi dalla dipendenza da lavoro?

Il problema principale che ci ostacola dal riuscire ad accorgersi di essere ossessionati dal lavoro in maniera compulsiva è il fatto che nella società odierna essere produttivi è un obbligo sociale, pertanto spesso è facile non riuscire a comprendere subito quale è la linea di confine tra patologia e normalità. Nella maggior parte dei casi i primi ad accorgersi dell’esistenza di questo problema sono i famigliari, i quali si sentono sempre più esclusi, e vedono il proprio caro isolarsi. La maggior parte degli impegni vengono spesso disdetti a causa del lavoro quindi i famigliari iniziano a lamentarsi e magari sono proprio loro ad effettuare le prime richieste di aiuto.
Quando ci si accorge di essere dipendenti dal lavoro è utile cercare conferme autosomministrandosi un

test di valutazione dipendenza da lavoro:

  1. anteprima-test-KFG-petry-azzardo-dr-ZinziDa collaborazioni tra la facoltà di psicologia dell’università di Bergen (UiB), la Bergen Clinics Foundation e la Nottingham Trent University, un team di ricercatori coordinati dal dott. Cecilie Schou Andreassen ha sviluppato uno strumento per misurare la dipendenza dal lavoro, workaholism chiamato Bergen Work Addiction Scale (BWAS). Il test si basa su sette criteri diagnostici, che sono presenti anche in altri tipi di dipendenza, vedi alcolismo, dipendenza da gioco d’azzardo (GAP), net addictions, dipendenze da facebook ecc. Lo strumento è molto utile in quanto è autosomministrabile e discrimina bene la dipendenza da lavoro. La scala, che è stata costruita testando dipendenti norvegesi provenienti da 25 diversi settori, gli indici di consistenza interna del BWAS sono superiori a 0,80 quindi riesce a distinguere in modo affidabile tra maniaci del lavoro e non.
  2. anteprima-test-KFG-petry-azzardo-dr-ZinziWART – Work Addiction Risk Test. Traduzione e riadattamento di Zinzi Ettore da: Bryan E. Robinson “Work Addiction – Hidden Legacies of Adult Children”, Ph.D., Health Communications,Inc, Dearfield Beach, Florida,1989 è un utile strumento in grado di discliminare in tre range quali: assenza di dipendenza da lavoro; possibile rischio con tendenza alla dipendenza da lavoro (non allarmante) e dipendenza da lavoro.In questo stadio potrebbe essere utile chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta.
  3. Oppure prova la Scala di 20 item in lingua inglese dei workaholics anonymus

Una volta che anche i test ce lo confermano e siamo sicuri di avere questa difficoltà è molto consigliato distaccarsi dagli oggetti tecnologici multimediali come smartphone, tablet, pc ecc. visto che questi sono ormai efficaci strumenti di lavoro e data la loro essenza inducono l’utente “all’iper-utilizzo”. Monitorare la propria attività lavorativa controllandosi e imponendosi delle regole come ad esempio mai lavorare durante i pasti, le festività, i momenti di famiglia ecc. Purtroppo è ormai riscontrato che non sempre da soli si riesce a uscire da questa dipendenza, in questi casi la via regia per la guarigione da questo problema è la capacità di prendere consapevolezza del problema, rivolgendosi subito ad un professionista psicoterapeuta che attraverso un intervento di ricostruzione psicologica aiuti il cliente a riappropriarsi della propria vita, riuscendo a trovare attraverso l’analisi dei conflitti interiori più sane forme di gratificazione professionale invece che la semplice soddisfazione di una pulsione.

Film sul tema Workaholism, work-addiction, dipendenza da lavoro

Workaholic,
1996
,
regia di Sharon von Wietersheim.
È il workaholism di una coppia non sposata e senza figli, dove l’agiatezza economica di entrambi riesce in qualche modo a mascherare la distortura della loro relazione.
Tratta comunque un workaholism di bassa gravità.
No reservation (Sapori e dissapori),
2007
,
regia di Scott Hicks. Kate Armstrong interpretata da Catherine Zeta-Jones è una chef newyorkese apparentemente normale, conduce invece una vita da workaholic.

Bibliografia su Workaholism, work-addiction, dipendenza da lavoro

• Andreassen, C. S., Griffiths, M. D., Hetland, J. & Pallesen, S. (2012). Development of a work addiction scale. Scandinavian Journal of Psychology. DOI: 10.1111/j.1467-9450.2012.00947.x
• Astakhova, M. and Hogue, M. (2013). A Heavy Work Investment typology: A biopsychosocial framework. Journal of Managerial Psychology , 29(1). [Early cite article]
• Bakken, B. and Torp, S. (2012). Work engagement and health among industrial workers. Scandinavian Journal of Organizational Psychology, 4(1), 4–20.
• Baruch, Y. (2011). The positive wellbeing aspects of workaholism in cross cul- tural perspective: The chocoholism metaphor. Career Development Interna- tional, 16(6), 572–591.
• BRYAN E. ROBINSON, JANE J. CARROLL. (2011) ASSESSING THE OFFSPRING OF WORKAHOLIC PARENTS: THE CHILDREN OF WORKAHOLICS SCREENING TEST. Perceptual and Motor Skills 88:3c, 1127-1134. . Pubblicazione Online: 1-Jun-1999. Citation | PDF (334 KB) | PDF Plus (372 KB)
• Bryan E. Robinson, Lisa Kelley. (1999) School Age Workaholic Children: Type A Behaviors, Self-esteem, Anxiety and Locus of Control∗. Early Child Development and Care 158, 43-50. Pubblicazione Online: 1-Genn-1999.Cross Ref Read More: http://www.amsciepub.com/doi/abs/10.2466/pms.1999.88.1.199
• CLAUDIA FLOWERS, BRYAN E. ROBINSON, JANE J. CARROLL Marital Estrangement, Positive Affect, and Locus of Control Among Spouses of Workaholics and Spouses of Nonworkaholics: A National Study . The American Journal of Family Therapy Volume 29, Issue 5, 2001
• WAYNE E. OATES “Confessions of a Workaholic: The Facts about Work Addiction ” . Wolfe, New York, World Publishing 1972

Permalink link a questo articolo: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/28/workaholism-dipendenza-dal-lavoro/