Tag: ilva

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/16/ipotesi-sugli-effetti-psicologici-dellinquinamento-a-taranto/

Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

Ambiente e identità.
Gli effetti psicologici dell’inquinamento
Data la complessità dell’argomento verranno affrontati le seguenti tematiche:

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
sulla fisiologia
sulle relazioni interpersonali
sui compiti cognitivi
sui comportamenti
sulla psiche
7. -adattamento allo stress
8. -percezione del rischio

Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

“Il pensiero ecologico (…) rivela un sé nobilitato ed esteso, in quanto parte del paesaggio e dell’ecosistema, la bellezza e la complessità della natura sono in continuità con noi (…), dobbiamo affermare che il mondo è un essere, una parte del nostro proprio corpo” (Shepard, 2006). Per approfondire al meglio gli effetti psicologici dell’Ambiente inquinato, e, quindi, la connessione diretta che c’è tra psiche e ambiente, è opportuno conoscere prima la “psiche”, quindi i Processi di identità e successivamente comprendere i disturbi psicologici che l’inquinamento crea su di noi.
La maggior parte degli studi empirici sull’identità condotti fino ad ora hanno evidenziato l’importanza di tre principali aspetti dell’identità:

  1. Identità di Se’ (Teoria dell’identità, Stryker & Burke, 2000). I comportamenti che hanno maggiore probabilità di essere messi in atto sono quelli che hanno con l’identità in questione, una serie di significati sociali (Sparks & Shepherd, l992). L’identità delle persone infatti è legata anche agli ambienti che si “sperimentano”, poiché i processi psicologici che la strutturano e definiscono comprendono anche le relazioni con gli oggetti, le persone, i luoghi e i simboli.
    Es.: è molto probabile che chi “ama la vita”, se informato e quindi consapevole del male che l’ambiente sta subendo, assuma posizioni contrastanti con un grosso polo siderurgico che non rispetta le prescrizioni legislative italiane ed europee, che limitano le emissioni di inquinanti nell’ambiente.
  2. Identità sociale (Teoria dell`identità Sociale, Tajfel, 1981; Tajfel & Turner, 1979; Capozza & Brown, 2005). L’identificazione con un gruppo può predire la messa in atto di comportamenti volti a perseguire o a difendere gli interessi di tale gruppo (Terry, Hogg & White, 1999).
    Es. Se nel mio gruppo/famiglia ci sono casi di tumore io cercherò di difendere la salute combattendo le cause di tali incidenze.
  3. Identità di luogo. (Proshansky, Fabian & Kaminoff, 1983; Bonaiuto, Twigger & Breakwell 2004). Quando il comportamento pro-ambientale, connesso con un certo luogo, acquisisce un valore positivo per il gruppo, esso potrebbe essere visto come funzionale al mantenimento di un‘identità di luogo (e sociale) positiva (Uzzel et al. 2002).
    Le persone si dovrebbero impegnare per proteggere il proprio ambiente, in quanto parte integrante della propria identità.
    Secondo Proshansky, Fabian e Kaminoff (1983), l’identità di luogo è un costrutto centrale della Psicologia Ambientale, che recentemente è stato contemplato anche all’interno delle teorie dell’identità sociale (Bonaiuto et al., 2004). Con identità di luogo si intende una sub-struttura cognitiva dell’identità, che favorisce le funzioni integrative del Sé e che si alterna tra dimensione individuale e sociale. L’esperienza riguarda sempre ambienti fisici connotati da significati e credenze sociali A livello psicologico, riferendoci alla “Teoria dell’Attaccamento” di Bowlby (1969), che ha catalizzato l’interesse della Psicologia Ambientale sulla natura affettivo-emozionale del rapporto uomo\ambiente, possiamo parlare di “attaccamento di luogo” riferendoci a quei condizionamenti positivi, a volte inconsapevoli, che si acquisiscono nel tempo, grazie ai legami comportamentali, affettivi e cognitivi tra gli individui e/o i gruppi e i loro ambiente socio-fisico (Brown e Perkins, 1992). Dunque, i sentimenti che noi sentiamo nei riguardi dei “nostri” luoghi (e delle relative comunità di cui facciamo parte) definiscono meglio la nostra identità, e danno un significato alla nostra esistenza (Giuliani, 2003).
    L’ attaccamento di luogo ha importanti funzioni, come dare stabilità, sicurezza e difesa all’identità personale; questo è un processo dinamico, in quanto le trasformazioni dei luoghi, delle persone e delle attività causano cambiamenti nelle modalità di attaccamento, le quali si creano e ricreano continuamente.
    L’ambiente residenziale è tra i luoghi con cui una persona sviluppa una relazione di attaccamento, senza subbio il più importante (e quindi il più studiato), per la sua salienza relazionale e temporale nell’arco di vita di una persona. Cosi come per la soddisfazione residenziale, anche l’attaccamento residenziale, può riferirsi ad un continuum su scala territoriale sempre più esteso, andando dalla propria abitazione alla propria città e assume significati sempre più sociali quando investe territori di scala più ampia (la propria regione e il proprio stato; cfr. Mura, 2005).
    L’identità di luogo ha un effetto di attenuazione sulla percezione della pericolosità di una fonte inquinante locale, infatti ci sono studi empirici che hanno messo in evidenza come l’ identificazione regionale (un`identità di luogo specifica) sia in grado di mediare la percezione dell’inquinamento del proprio ambiente: i soggetti più identificati con la propria regione hanno una minore percezione di inquinamento, mostrando una tendenza simile a quella dell’identità sociale, percependo soprattutto gli aspetti positivi del proprio gruppo, per mantenere un livello elevato di autostima (Bonaiuto et al., 1999).
    Identificarsi fortemente o essere particolarmente attaccati ad un determinato luogo porta le persone a mettere in atto comportamenti protettivi verso quel luogo… A livello psicologico si può parlare anche di difesa, al fine di rendere meno terrificante la realtà e difenderci quindi dalle “somatizzazioni”. Le persone si impegnerebbero a proteggere il proprio ambiente in quanto parte integrante della propria identità (Bonnes, Carrus & Passafaro, 2006; Carrus et al. 2005; Stedman, 2002). Da quanto detto si può quindi ipotizzare che la popolazione di Taranto sottostimi l’inquinamento prodotto dai grossi insediamenti come ILVA, Cementir, Inceneritori, Cantieri Navali della Marina Militare, Eni ecc., non ribellandosi a questa ingiusta situazione, anche a causa dell’effetto delle “difese interne” che agiscono per mantenere una adeguata identità di luogo e proteggono l’individuo dalla “frantumazione dell’io”.
    Nonostante i cittadini mettano in atto delle difese, comunque l’inquinamento atmosferico può effettivamente causare uno stato ansioso e di paura, in quanto esso attacca i processi di percezione “sana” dell’identità. La percezione di una minaccia, che non è ben chiara o che non viene adeguatamente spiegata pubblicamente, può determinare alcune malattie psicosomatiche e forme maniacali. Queste malattie, tra 1’altro, dovrebbero avere maggiore frequenza (a causa dell’effetto “impotenza appresa” che approfondiremo in seguito) in città in cui, soprattutto per scelta politica od economica, si tende a nascondere un eventuale pericolo o addirittura dei dati di fatto, al fine di tutelare la posizione di pochi piuttosto che l’intera comunità. Questo avviene perché tali scelte politiche, sbagliate, mettono il cittadino nella condizione di avvertire maggiore senso di “malessere” a causa della sua impotenza. Vedi il caso il caso ILVA: nonostante gli elevati valori degli inquinanti emessi, si tende ad insabbiare la reale situazione del territorio. A tal proposito appare emblematico ricordare come lo stesso dirigente dell’azienda ILVA, Emilio Riva, in una intercettazione telefonica abbia definito il suo addetto alle pubbliche relazioni, Girolamo Archinà, “maestro degli insabbiamenti”.
  4. E’ ormai di uso comune parlare di stress ambientale, per definire una “condizione ambientale fisica e sociale che la persona percepisce come attualmente o potenzialmente rischiosa dannosa o deprivante” (Lepore & Evans, 1996, p.350).Esempi di stressors sono l’Inquinamento cronico dell`aria, il rumore, l’affollamento, il cambiamento climatico, gli incidenti, i disastri ambientali (Lepore & Evans, 1996).Peron e Saporiti, nel 1995 individuano 5 stressori principali dovuti all’ambiente urbano:1. rumore2. affollamento3. traffico4. variazioni di temperatura5. inquinamento dell’ariaSi stanno diffondendo nei paesi industrializzati e nelle grandi città, manifestazioni di panico da parte delle persone che si trovano costrette ad inalare area rarefatta, sostanze tossiche ecc. Basta immaginare luoghi molto affollati come metro, autobus, treni ecc. In queste situazioni la causa degli attacchi di panico è da attribuire senza dubbio a tanti fattori, ma soprattutto all’inquinamento atmosferico, in particolare alla presenza di anidride carbonica e polveri sottili in quantità eccessive, che influisce sui chemiorecettori cerebrali, responsabili dell’eccessiva stimolazione del sistema nervoso attraverso i sensi e quindi degli attacchi di panico.Lo stress ambientale ha diversi effetti psicologici negativi.
  5. Seligman già nel 1975 parlava di “Stress e impotenza appresa” proprio per descrivere quella situazione in cui, persone o animali sperimentano un evento che non sono in grado di controllare e quindi sviluppano l’aspettativa di una mancanza di controllo in situazioni analoghe.
    Oggi è possibile parlare di “frustrazione”: essa viene definita come reazione a quelle situazioni in cui viene a trovarsi una persona quando è ostacolata, temporaneamente o in modo permanente, rispetto alla possibilità di soddisfare i suoi bisogni. Le caratteristiche fisiche del contesto di vita possono influenzare la soddisfazione dei bisogni di singoli individui o di interi gruppi. L’incontrare ostacoli al soddisfacimento dei bisogni è solitamente da considerarsi la normalità nel corso dell’esistenza, ma esistono dei casi, vedi l’inquinamento di Taranto che causa continui decessi, in cui tale condizione non può essere definita “normale”.
    Riveste un ruolo fondamentale quindi la percezione di controllo o la self efficacy. Per self efficacy si intende la convinzione che le persone hanno circa la loro efficacia personale di organizzare e dirigere le loro abilità e risorse per mettere in atto un`azione che li condurrà alla conseguenza desiderata (Bandura, 1977).
    Se il rischio è quindi imposto dall’esterno, vedi l’inquinamento di Taranto, esso è percepito come più intollerabile e grave, rispetto ad un rischio a cui ci si espone volontariamente (per esempio il fumare sigarette).
    L’impotenza appresa assume quindi il significato di Incapacità acquisita (Learned helplessness), cioè esposizione incontrollata agli stimoli negativi. L’andamento dei fenomeni non desiderati viene considerato del tutto indipendente dalle azioni, quindi vi è un abbassamento nella motivazione, con evidenti ripercussioni a livello di stress cognitivo e quindi con conseguenti effetti (Seligman, 1975) sull’umore.
  6. In base a quanto teorizzato e spesso rilevato sino ad oggi in letteratura e ricerca sul campo, si possono ipotizzare, e in molti casi confermare, diversi

    effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale:

    sui compiti cognitivi
    • diminuzione dell’attenzione nei compiti di vigilanza (Hockey,1979; Herzog, 1997);
    • diminuzione della memoria nei compiti cognitivi che coinvolgono l’attenzione, la memoria a breve termine, la memoria incidentale (Hockey,1979);
    sulle relazioni interpersonali
    • altruismo e cooperazione (unirsi per difendere la causa);
    • aggressività (Herzog, 1997). Le conseguenze dello stress si estendono poi anche alle relazioni interpersonali e agli affetti. In particolare è stato dimostrato che in condizioni di stress spesso recede il livello di altruismo e di cooperazione tra gli individui e si registra un incremento delle condotte aggressive (Cohen,1980);
    sulla fisiologia:
    • mutazioni genetiche;
    • cambiamento dei livelli ormonali a causa di sostanze tossiche o come semplice conseguenza del1’alterazione del benessere psicofisico (aumento delle catecolamine e corticosteroidi, sviluppo di cellule tumorali);
    • attivazione del sistema nervoso autonomo (aumento della pressione sanguigna, della conduttanza cutanea, della frequenza respiratoria, della tensione muscolare, variazione del battito cardiaco) (Evans e Cohen,1987);
    • malattie respiratorie acute e croniche, neoplasie, compromissione di altri organi (vedi tabella 2,3,4), disfunzioni varie all’apparato cardiovascolare, apparato gastroenterico, sistema neuro-immunoendocrino, sistema nervoso centrale, apparato respiratorio, altri organi e apparati;
    • aumento di probabilità nel contrarre il raffreddore, l’influenza, e le infezioni batteriche (Cohen,Tyrrell e Smith, 1991; Cohene Williamson, 1991);
    sui comportamenti:
    • comportamenti malsani;
    • riduzione delle ore di sonno;
    • mancanza di attività fisica;
    • poca attenzione e rispetto della natura (grazie all’acquisizione del “modello negativo”);
    sulla psiche:
    la sintomatologia psicosomatica conseguente si sviluppa per stadi progressivamente sempre più gravi, mano a mano che si è sottoposti agli stressors ambientali;
    • disturbi dell’attenzione e della memoria, quindi autopercezione di non essere all’altezza delle situazioni;
    • stress;
    • sindrome da impotenza;
    • rabbia/paura (nervosismo, ansia, attacchi di panico…);
    • nevrosi e idee ossessive;
    • depressione, rassegnazione;
    Il tempo di durata e l’intensità dello stress ambientale fanno sì che, cosi come accade con tutti gli stimoli continui ed incontrollabili subiti dall`uomo/bersaglio, a seconda delle qualità dello stimolo, si tende ad avere risposte differenti.

  7. Abbiamo infatti visto la reazione di “impotenza appresa”, ma si potrebbe anche avere una risposta di adattamento allo stress. L’effetto di adattamento è comunemente riscontrabile in tutte le ricerche che si sono occupate di rischio tecnologico (nelle ricerche sul nucleare, per esempio effettuate da Melber, Nealey, Hammersla e Rankin, 1977; Van der Pligt, 1992). E’ di estrema importanza sottolineare che nelle specifiche ricerche sul nucleare questo effetto è spiegato in termini di assenza di esperienze negative immediatamente riscontrabili come conseguenti all’installazione della centrale, quindi di riduzione della dissonanza cognitiva o di adattamento cognitivo. In breve, l’adattamento è molto più difficile quando si assiste alla presenza di esperienze negative, come tumori conseguenti ad esposizione prolungata agli inquinanti (vedi il caso di Marghera in Veneto o l’Ilva a Genova e Taranto). Nella ricerca di Lima (2004), sull’installazione di un inceneritore, si osserva l’effetto di adattamento sul livello di percezione del rischio, ma allo stesso tempo un aumento dei sintomi psicologici (ansia, depressione e stress) riportati dai residenti. Questi risultati sono interpretati dall’autrice come conseguenza delle continue “suggestioni” prodotte da danni derivanti dal vivere nei pressi dell’istallazione nucleare.
    Pensando al caso Taranto, quindi, è possibile ipotizzare che le persone, essendo consapevoli che l’aria che respirano non è sana, quindi consapevoli di essere continuamente sottoposti ad inquinanti, presentino un aumento di sintomi psicologici, come stress e depressione.
    Riassumendo schematicamente, l’adattamento allo stress, che spesso ha effetti di conservazione della specie, ha in questi casi conseguenze negative, quali:
    abitudine. Quindi abbassamento della sensibilità allo stress e relativa conseguente esposizione agli stressors, senza corretta valutazione del rischio, sottostimando il pericolo;
    generalizzazione della risposta. L’individuo adotta la modalità di adattamento (per es. abbassa la sensibilità a quello stress) anche in altre situazioni, per esempio in assenza dello stimolo o difronte a stimoli simili anche se nocivi;
    disturbi fisici e psichici a lunga durata quindi sensibilità alle malattie e abbassamento delle difese immunitarie;
    comportamenti aggressivi e vandalici (Moser, 1992) a causa del senso di impotenza nel controllo della fonte di inquinamento, processo di pensiero altamente frustrante a livello psichico.
  8. Bisogna anche considerare, in questo panorama di effetti e cause dell’inquinamento atmosferico, l’importante influenza che ha livello psicologico la percezione del rischio.
    Lazarus e Folkman (1984) hanno osservato che, in generale, le conseguenze sulla salute psichica delle persone che vivono in un ambiente stressante dipendono in primo luogo dalla valutazione della minaccia e in secondo luogo dalle risorse che le persone hanno per affrontarla.
    In questa prospettiva, la percezione del rischio delle persone che vivono nei pressi di un impianto industriale è collegata a un basso senso di controllo e a una bassa conoscenza della minaccia esistente. Questo porterebbe, di conseguenza, ad un aumento dello stress psicologico e psicofisico (Lima, 2004) e una modificazione della qualità della vita delle persone (Spedden, 1998). Se prima il concetto di rischio era inteso solo in termini di eventi di origine esclusivamente naturale (inondazioni, terremoti…), sin dal diciassettesimo secolo si include anche la responsabilità umana agli eventi di origine naturale; durante il periodo illuminista il concetto è stato affiancato a quello di probabilità di esiti negativi o positivi (Lupton, 2003). Attualmente il termine rischio viene legato a parole come pericolo, minaccia, azzardo e danno, quindi oggi non è più associato, come in epoca illuminista, ad eventuali esiti positivi, ma quasi esclusivamente a quelli negativi. Deplano G. in “la percezione del rischio” (2011) evidenzia come il rischio è elaborato dal nostro sistema cognitivo attraverso due vie:a) la via analitica (logica);
    b) la via esperienziale (emotiva).a) La via analitica, situata nella neocorteccia, ci permette di elaborare le informazioni in maniera logica. Questa forma di elaborazione è lenta e richiede un grande impegno cognitivo, quindi non è adatta quando si deve prendere una decisione velocemente (come accade nella maggior parte dei nostri comportamenti quotidiani), ma è più indicata quando si vuole valutare e ponderare con calma un rischio che si deve affrontare (per esempio nel caso di impatto ambientale delle industrie nella propria città).b) La via esperienziale è, invece, veloce ed automatica. Secondo alcune ricerche sembrerebbe che questa via funzioni tramite le reazioni emotive che sono associate al rischio; se la reazione è positiva allora l’oggetto non è rischioso. Gli individui creano con l’esperienza una serie di connessioni in memoria; esse sono il frutto del rapporto tra il rischio e le emozioni associate: in questo modo si dà vita ad un processo automatico di reazione al rischio. Spesso queste reazioni sono veicolate da immagini che possediamo nella nostra mente: “le informazioni sul rischio hanno un impatto sul nostro comportamento solo se riescono a creare nella nostra mente immagini cariche di emotività” (Savadori, 2003, pag.233). Questo processo di creazione di immagini è quindi influenzato dalle caratteristiche che il rischio stesso possiede.Sulla base di quanto detto si può affermare che se una tecnologia mette in pericolo la vita a breve termine, in particolare dei bambini, questa è percepita dalla gente comune come più rischiosa rispetto ad una tecnologia che invece può colpire più lentamente, in tarda età.
    Per questa ragione, lo studio di come le persone percepiscono un rischio diventa centrale, al fine di comprendere come gli individui lo affrontano. I primi studi scientifici sulla percezione del rischio sono stati condotti da Starr nel 1969. Slovic e colleghi, a partire dal 1978 (Fischoff et al. 1978, 1983; Slovic et al. 1980, 1985; Slovic et al. 2005; Slovic & Peters, 2006) hanno sviluppato il paradigma psicometrico. Lo scopo principale di questo ambito di ricerca è quello di identificare le strategie mentali, o euristiche, che i cittadini comuni utilizzano per formulare i giudizi sul rischio (Slovic, 1987). Attraverso questo paradigma sono state individuate una serie di caratteristiche variabili del rischio (vedi tabella 1) che esercitano un impatto sui processi di codifica e sui conseguenti comportamenti, come la distinzione fra rischi comuni e terrificanti, oppure cronici e catastrofici.
    TABELLA-le-caratteristiche-del-rischio-de-planoTabella 1 (modificata Deplano G. La percezione del rischio, 2011) (Fischoff et al. 1978, 1983; Slovic et al., 1980, 1985; Slovic et al., 2005; Slovic & Peters, 2006) .
    Approfondendo il concetto di “percezione del rischio” i dati Istat del report “popolazione e ambiente” (si veda successivamente nel capitolo “ricerche”) hanno evidenziato, attraverso percentuali precise, “come e cosa” gli Italiani nel 2012 consideravano pericoloso per la loro salute. La popolazione percepiva come rischioso ai primi posti l’emergenza “inquinamento dell’aria, acqua, suolo, produzione e smaltimento rifiuti, cambiamenti climatici ecc., emergenze queste dovute tutte al comportamento dell’uomo e quindi da esso dipendenti.
    Anche una equipe di studiosi Cinesi e Nederlandesi (per approfondimenti si rimanda a Zhengtao Lia, Henk Folmera, Jianhong Xueb nel capitolo “ricerche”) nel loro costrutto teorico considerano cruciale, per essere felici, una bassa percezione del rischio ambientale.
    Danon (2006) parla di casi di depressione, evidenziandoli come risultato della “sensazione di mancanza del futuro indotta dall’emergenza ambientale” e anche a causa dei “lutti non riconosciuti e non superati, relativi a disastri ambientali: come è successo a volontari in Galizia, dove le spiagge sono diventate nere di petrolio; operatori umanitari in Amazzonia, rimasti sconvolti dallo scempio; operatori antincendio in Liguria: situazioni in cui non si è riuscito ad evitare la distruzione dei territori che si amano (molte persone vivono con sofferenza la sostituzione di boschi, campi e natura incontaminata con distese di cemento) .
    Come afferma quindi anche Perussia:” L’immagine della natura che portiamo dentro di noi influenza le nostre scelte e i nostri comportamenti, determina il nostro stile, si riflette sugli stati d’animo e interagisce con le dinamiche profonde della personalità” (1989, p. 7).
Bibliografia INQUINA-MENTE
_____________________________________________
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/08/ambiente-e-identita-effetti-psicologici-inquinamento/

Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.

La Psicologia Ambientale.
Interdipendenza tra ambiente e uomo.

La scintilla che diede vita alla nascita della “Psicologia ambientale”, che studia le connessioni tra mondo interno (psichico) e mondo esterno (ambiente), sembra essere scoppiata in USA e risale agli anni ’50; ha poi trovato più consenso agli inizi degli anni settanta, venendo definita “environmental psychology”.

Ponendo meno attenzione alla psicologia del profondo e più alla ricerca empirica, si evince che le ricerche di psicologia sociale hanno, soprattutto negli Stati Uniti, indagato sul modo in cui la vita urbana può avere effetti negativi sulle relazioni sociali e sul comportamento degli individui, quindi sul loro benessere. In questa direzione alcuni studiosi, come gli americani Barker e Wright (1951), alla metà degli anni ‘50, hanno messo a punto delle indagini di «psicologia ecologica» incentrate sul modo in cui i diversi contesti di vita, o contesti comportamentali, presenti nello spazio urbano, influenzano il comportamento degli individui.
Nel 1958 a New York è stato avviato uno studio, finanziato dall’US National Institute of Mental Health, sugli effetti dell’assetto spaziale/architettonico dell’ospedale psichiatrico e il relativo comportamento dei Pazienti.
Il pensiero della psicologia ambientale, partendo dagli USA, si è traferito ben presto in Europa, passando dapprima in Svezia e Inghilterra, luoghi in cui, nelle facoltà di architettura, si creano gruppi di lavoro multidisciplinari per lo sviluppo di strumenti da utilizzare nella progettazione urbana, che quindi tengano conto anche del possibile impatto psicologico delle strutture.
Su tale esempio la psicologia ambientale si è fatta sempre più strada soprattutto in Olanda, Unione Sovietica, Germania e Francia.
Molti studiosi hanno concettualizzato diverse teorie sui processi psicologici connessi a determinate situazioni ambientali. In merito possono essere distinti due indirizzi principali, quali la:

  1. psicologia della percezione, vedi Kohler (1929,1940), Koffka (1935), Wertheimer (1945), J.J. Gibson (1950,1966,1979), Ittelson (1974) ecc. Essa ha definito l’ambiente in termini fisico-percettivi;

  2. psicologia sociale, vedi Kurt Lewin (1951), successivamente Roger Barker (1990), Wright (1951), Stokols e Altman (1987) ecc. Questo indirizzo si è interessato non solo delle caratteristiche costituzionali dell’ambiente e dell’uomo, ma anche, e, soprattutto, della loro interconnessione a livello di reciproche relazioni e forze. È proprio dalla psicologia sociale che vengono estrapolati gli strumenti concettuali e metodologici più appropriati per sviluppare gli studi di psicologia ambientale.

Kurt Lewin (1951) sosteneva che l’ambiente possiede sia qualità fisiche che psicologiche. Anche il concetto di “personalità”, che proviene dal termine latino “persona” e il cui significato etimologico è “maschera”, deve essere interpretato come un intreccio dinamico tra fattori costituzionali e fattori esperienziali, che si sviluppano in un ecosistema ambientale e che quindi ha la sua influenza (Zanichelli, 2012). Il paesaggio urbano è il risultato di una ricostruzione percettiva fatta da parte dell`osservatore; questa percezione può quindi essere sostenuta, facilitata o inibita, tanto dagli elementi fisico-spaziali, quanto dagli aspetti psicologici di natura cognitiva e affettiva, che, insieme ai processi comunicativi e simbolici, concorrono a costruire la sua rappresentazione sociale. Quanto detto sin qui avvalora la concezione che la percezione qualitativa dell’ambiente è influenzata sia dal mondo fisico palpabile che dagli aspetti di natura psicologica individuali e di condivisione collettiva. In letteratura esistono diverse concettualizzazioni di tipo fenomenologico-gestaltista che appaiono particolarmente indicate per meglio spiegare il legame tra la percezione e la rappresentazione dell’ambiente. Come sosteneva Kanizsa, (1978, pp. 45-46) “le proprietà del tutto non sono il risultato della somma delle proprietà delle sue parti”, mentre “La proprietà di una parte dipende dal tutto nel quale è inserita”. In “ecopsicologia/psicologia ambientale” i risultati sperimentali sulla percezione e sulla rappresentazione cognitiva dell’habitat e la teoria confluiscono in un principio indicatore generale, secondo il quale si può sostenere che esistono:
Strutture generali e ricorrenti, che tendono a dare una “buona forma” (Gestalt) alle percezioni contemporanee elementari stimolate dall’ambiente fisico. In altre parole: anche nel caso di ‘oggetti’ molto complessi, come le strutture industriali (ma anche nel caso delle città, delle aree regionali, dello stato dell’ambiente nel suo complesso, ecc.), esistono in qualche modo delle “gestalt” percettive e cognitive ricorrenti, che vanno al di là della semplice somma degli stimoli e delle conoscenze elementari che le compongono nelle loro parti. Ad esempio: un’industria a forte impatto ambientale, come l’Ilva S.p.a di Taranto, oltre ad essere percepita dalla somma delle sue parti (operai, altoforni, ciminiere, strade, reparti, rifiuti, scarichi in mare, tubi ecc.) viene percepita anche in base agli aspetti di natura psicologica individuali e di condivisione collettiva (inquinamento, denaro, morte, lavoro, tumore, malcontento, ricoveri, sofferenza, corruzione, manipolazione dell’informazione, ecc.), che poi diventano esperienza.
La preoccupazione ecologica, dagli anni 50 ad oggi, è diventata un tema molto sentito, sia per l’effettiva gravità della compromissione ambientale, che, in base a quanto teorizzato da Kanizsa (1978, pp. 45-46), per la sua forte capacità evocativa (in termini di simbologie psicologiche profonde) e per l’immagine attuale dell’ambiente sul piano culturale. E’ ormai chiaro che gli esseri umani sono influenzati dalle “atmosfere” ambientali, sia a livello simbolico che motivazionale. Molti sono infatti gli studiosi che si occupano della progettazione e costruzione di spazi di vita esteticamente piacevoli e confortevoli, in cui vi siano presenti elementi naturali, privi di forti agenti stressanti. Gli studi relativi a questa dimensione, hanno messo in evidenza la preferenza per ambienti urbani in cui siano presenti spazi e aree verdi, proprio per l’impatto positivo che hanno sulla vita delle persone, aumentando la salubrità dell’aria e permettendo il recupero psicofisiologico dello stress (restorativeness; cfr. Ulrich, 2001, Simons, Losito, Fiorito, Miles e Zelson, 1991. Korpela, Hartig Kaiser e Fuhrer, 2001), favorendo lo sviluppo del sé e facilitando la socializzazione (Taylor, Wiley, kuo, Sullivan, 1998), soprattutto di bambini e anziani (Wells, 2000) Tuttavia uno studio condotto da Carrus, Bonnes e Passafaro (2004) ha individuato due dimensioni di atteggiamento:

  1. dimensione di Integrazione;

  2. dimensione di Opposizione.

Tali dimensioni indicano la presenza di una sostanziale ambivalenza:
all’atteggiamento positivo conservativo dell’ambiente si accompagna, spesso, una avversione, vissuta più come un problema che come un`opportunità. James Hillman, filosofo e psicoterapeuta di formazione junghiana, ha ideato una psicologia “archetipica”, rivendicando la necessita di riportare la riflessione sulla psiche nel suo rapporto con il mondo esterno. Egli evidenzia il legame fra anima e città e individua nella città i luoghi dove maggiormente riecheggiano le dimensioni psichiche dell’interiorità (Milano, 2004). Hillman infatti sostiene fortemente che in psicoterapia il compito di un buon psicoterapeuta è di ricondurre le sofferenze psichiche individuali alla realtà ambientale in cui gli individui sono inseriti. Per offrire un ulteriore e più attuale sostegno a quanto detto sin ora sul condizionamento che l’ambiente ha sul comportamento e la psiche dell’uomo, è utile notare che negli ultimi tempi si sta imponendo il “marketing olfattivo”. I clienti vengono condizionati da odori specifici atti a modificare l’umore, allo scopo di renderli meglio disposti, o meno diffidenti, verso i prodotti da prendere. Passeggiando, mentre si fa shopping, è quindi possibile che una parte degli odori invitanti dei negozi provengano da diffusori elettronici, caricati con sostanze chimiche odorose specifiche. Vale l’esempio di quel che avveniva a Taranto, in una via centrale: veniva diffuso davanti ad una pasticceria “Il Principe” un piacevole odore di cannella, che invitava ad acquistare le sfogliate calde, sfornate in quel momento.
È evidente quindi che l’ambiente condiziona il modo di percepire la realtà, influenzando a sua volta l’assetto psichico dei suoi “fruitori”. Qui la nostra attenzione si sposta agli insediamenti industriali di grosse dimensioni, ormai sparsi in tutto il mondo (vedi Ilva Spa, Eni, Cementir, inceneritori vari ecc…) e ci si domanda quanto essi influiscano sulla psiche dei cittadini. Le città spesso, e a discapito della popolazione, sono molto vicine a tali obsoleti “diffusori ultratecnologici”; sono bombardate da cattivo odore, rumore, emissioni di sostanze tossiche (varie), che spesso sforano i limiti imposti. Barker e Wright, con il concetto di “penetrazione”, distinguono i contesti accessibili da quelli inaccessibili; essi portano la psicologia allo studio dell’esperienza che l’uomo ha del suo ambiente e che quindi influenza le sue rappresentazioni interne, in quanto spazio fisico in cui si muovono e vivono. Si potrebbe ipotizzare che, un territorio come Taranto, da tempo devastato dall’industrializzazione selvaggia, risulti inaccessibile proprio a causa delle rappresentazioni interne originate da tale condizione. Questo condizionerebbe, in senso negativo, anche la percezione delle sue bellezze (mare, archeologia, cittadini, ecc) Lewin (1936), avvicinandosi molto alla psicologia ambientale e quindi al concetto di rappresentazione dell’ambiente, ha sviluppato un modello topologico, identificando lo spazio di vita con il concetto di campo, a sua volta orientato da una struttura cognitiva dinamica, quindi da bisogni, forze, tensioni e spostamenti. Kurt Lewin, formulò la famosa equazione:

C =f`(PxA)

In essa C, cioè il comportamento umano, con i relativi processi psicologici che lo accompagnano, è funzione (f) sia delle caratteristiche della persona (P), che di quelle dell’ambiente (A) in cui si realizza (Lewin, 1951). Tra gli studiosi “classici” che si sono occupati di percezione e psicologia ambientale emerge Ittelson (1973 p.62), che, nonostante riscopra le componenti qualitative gestaltiche, quindi il concetto di spazio di vita, di struttura organizzata e di fisiognomica del campo percettivo, ignora Lewin e gli psicologi gestaltisti. Ittelson afferma che tutti gli ambienti hanno una loro “atmosfera”, ed, anche se essa è di difficile definizione, ha un forte peso ed importanza sull’uomo. Per questo autore l’ambiente e vissuto come parte di un’attività sociale e appare costituito da delle qualità estetiche specifiche e ben determinate; egli infatti sostiene che non esistono ambienti neutri e, soprattutto, che ogni ambiente ha sempre qualità sistemiche, quindi le varie componenti ed eventi sono in relazione reciproca. In breve, uomo ed ambiente non sono mai indipendenti, ma si influenzano reciprocamente e tutte le parti di questa diade sono attive.
Ogni suggestione sensoriale, interessando diversi sensi, ha quindi un effetto di attrazione o repulsione all’interno della psiche; l’ambiente quindi condiziona il campo percettivo, rendendo difficile per l’uomo prendere decisioni realmente autonome (come riportano gli autori Fornara F. e Mura M.). Un allievo di Lewin, Roger Barker, definì le unità ambientali come composte da caratteristiche fisiche e sociali dell’ambiente, infatti egli identifica gli spazi di vita (setting) come strutture semistabili tra comportamento e ambiente in cui sono individuabili attributi sia fisici che comportamentali, frutto dell’adattamento reciproco (Barker, l969).
La struttura fisica degli spazi di vita, è quindi in combinazione con la pressione sociale e al conformismo; attiva la selezione dei frequentatori e il programma comportamentale da applicare in quello specifico contesto. Quindi lo spazio di vita, sia fisico che relazionale, contribuisce nello sviluppo di quell’insieme di sequenze comportamentali prescritte e ordinate nel tempo, utili per le attività e gli scambi tra le persone e gli oggetti che i soggetti vivono nel corso della socializzazione e che riaffermano e modificano la percezione sulla realtà. In conclusione, si sostiene che l’individuo dà forma e modifica l’ambiente, mentre l’ambiente offre vincoli e possibilità che ne influenzano le scelte.
Una volta assodata l’interdipendenza tra ambiente ed individuo, 1’attenzione di alcuni studiosi si è spostata sulla possibilità di distinguere tra percezione vera e propria e processo immaginativo. Masini (1979) evidenzia la continuità tra immagini e percezione in termini costruttivistici, convergendole attraverso il concetto di “sintesi figurale”. Kanizsa (1979) parla di processi percettivi primari e secondari, affermando che i processi immaginativi hanno grossa rilevanza, quasi maggiore dei processi percettivi: sia il “vedere” che il “pensare” vanno al di là della informazione data secondo leggi e modi differenti. Anche Downs, Stea (1973) e Perussia (1986) approfondiscono il concetto di “immagine” utilizzato in ecopsicologia; essi identificano la strutturazione cognitiva del1`ambiente come il frutto di un processo interpretativo dei dati percettivi (Downs e Stea, 1973; Perussia, 1986 b), quindi ciò che percepiamo, essendo interpretato, subisce le influenze dell’esperienza dell’osservatore. Bartlert (1932) definisce l’immagine come il risultato di tutta la conoscenza accumulata con l’esperienza che l’individuo ha di se stesso e del mondo. L’immagine quindi non è costituita dalla sola rappresentazione, ma anche dai valori, dalle relazioni e da tutto ciò che ha costituito l’individuo e i suoi apprendimenti. Gibson nel 1979, riporta che le modalità transattive di base si articolano in quattro dimensioni interconnesse:

  1.  “rappresentazione spaziale“, ossia la percezione dell’ambiente

  2.  “valutazione ambientale”, quindi atteggiamenti o preferenze individuali e condivise

  3.  “reazioni” o risposte al1’impatto dell’ambiente, cioè stress, emozioni ecc.

  4.  “azioni”, quindi il comportamento spaziale

La stessa configurazione fisico-spaziale dei setting (il layout), a livello percettivo-sensoriale, è qualcosa di dotato di specifiche “affordances” (qualità), ovvero di oggetti/caratteristiche le cui proprietà di “invarianza funzionale”, permanenti e specie-specifiche (lo sono solo in relazione ad osservatori appartenenti ad una specie), sono percepite come utili per il soddisfacimento di bisogni specifici, in pratica lo scopo della percezione è l’adattamento (Gibson 1979). Sono tante le evidenze a favore della interdipendenza uomo-ambiente. Tutto questo appare ancora più evidente se si pensa alle grandi “forze di campo” offerte dall’ambiente sull’uomo. Come sostiene Kohler (1947, pp. 160-161) “sono ben pochi i soggetti in grado di udire il rombante “crescendo” di un tuono lontano come un fatto sensoriale neutro; alla massima parte di noi esso suona “minaccioso”. In sede di percezione, le varie condizioni del tempo meteorologico risultano analogamente compenetrate di caratteristiche psicologiche. Allo stesso modo parliamo di giorni tranquilli, agitati, tetri e lieti. Aggettivi consimili si attribuiscono a paesaggi naturali, a vedute di città e via dicendo”. Anche Ash (1952, pp. 195-196) evidenzia quanto l’ambiente porti sempre un “tono espressivo di base”: “il cielo, le montagne e il mare, la terra stessa esprimono gioia, potenza e minaccia. Queste qualità danno un carattere di drammatica realtà alla nostra esperienza ambientale e determinano il nostro modo di affrontare le cose. Parrebbe che le caratteristiche che noi chiamiamo espressive siano tra le prime che osserviamo e alle quali rispondiamo”. Proprio da questa connessione tra uomo ed ambiente l’ecopsicologia ha fatto derivare uno dei più importanti suoi postulati: “noi ci vediamo come radicati nell’ambiente circostante” (Ash, 1952, p. 318). Gli uomini vogliono che il mondo abbia per loro un significato, vogliono sentirsi in rapporto significativo con il loro ambiente.
Come abbiamo già detto, negli ultimi anni la psicologia ambientale ha preso sempre più piede, spostando la sua attenzione dagli interessi per la realizzazione architettonica ad un più globale costrutto di teorie che vanno dalle scienze bio-fisiche a quelle ecologiche, che mirano allo sviluppo umano sostenibile. Quindi che si chiami psicologia ambientale, o anche eco-psicologia, o come la chiama Pol nel 1993 utilizzando il termine di “psicologia verde”, o vedi Bonnes e Bonaiuto, che nel 2002 utilizzano il termine di “psicologia ambientale dello sviluppo sostenibile”, appare evidente quanto importante sia amare e rispettare il proprio ambiente, proprio come estensione di noi stessi.

 

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

 

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
-sulla fisiologia
-sulle relazioni interpersonali
-sui compiti cognitivi
-sui comportamenti
-sulla psiche
7. adattamento allo stress
8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà?

“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Bibliografia INQUINA-MENTE
_____________________________________________
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/05/psicologia-ambientale/

In che misura l’inquinamento atmosferico influisce sulla felicità?

In che misura l’inquinamento atmosferico influisce sulla felicità?
La riduzione dell’inquinamento atmosferico è una importante iniziativa politica per migliorare la felicità.
To what extent does air pollution affect happiness? The case of the Jinchuan mining area, China

Articolo Originale della Ricerca: “Ecological Economics”, Volume 99, March 2014, Pages 88-99    Zhengtao Li (1), , Henk Folmer (1,2), Jianhong Xue (2),

  1. Department of Economic Geography, Faculty of Spatial Sciences, University of Groningen, Landleven 1, 9747 AD Groningen, The Netherlands
  2. Department of Agricultural Economics, College of Economics and Management, Northwest A&F University, 3 Taicheng Road, Yangling, Shaanxi 712100, China.
    Received 23 February 2013, Revised 15 December 2013, Accepted 27 December 2013, Available online 5 February 2014

In che misura l'inquinamento atmosferico influisce sulla felicità.pngIn questo studio ricercatori dell’università del Nederland e della Cina presentano un modello di equazione strutturale della felicità; come questa sia influenzata principalmente da fattori endogeni, come la percezione dell’inquinamento, a sua volta dipendente dalle conoscenze effettive dell’ambiente; dalla sua percezione e da fattori generati dall’esterno, come intensità di esposizione all’aria inquinata e pericolosità degli inquinanti. Inoltre altri fattori determinanti importanti della felicità sono le dimensioni della famiglia, l’età, la vicinanza alla fonte di inquinamento, all’ambiente di lavoro e la condizione di salute attuale personale e familiare (vedi tabella qui di seguito).

In che misura l'inquinamento atmosferico influisce sulla felicità 2 taBELLASulla base dei risultati della ricerca, gli studiosi concludono dicendo che la riduzione dell’inquinamento atmosferico è una importante iniziativa politica per migliorare la felicità. Inoltre la conoscenza dell’ambiente è una importante determinante di rischio percepito, quindi le politiche di riduzione devono essere accompagnate dalla divulgazione dello stato di qualità dell’aria, al fine di aumentare il bene.

Bibliografia INQUINA-MENTE
_____________________________________________
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

 


Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/24/che-misura-linquinamento-atmosferico-influisce-sulla-felicita/

L’inquinamento nuoce gravemente al cervello e alla memoria

L’inquinamento nuoce gravemente al cervello e alla memoria
Q14-pensandoci..-zinzi-psicologia-ambientale-Air pollution impairs cognition, provokes depressive-like behaviors and alters hippocampal cytokine expression and morphology
Fonken LK, Xu X, Weil ZM, Chen G, Sun Q, Rajagopalan S and Nelson RJ: Air pollution impairs cognition, provokes depressive-like behaviors and alters hippocampal cytokine expression and morphology. Molecular Psychiatry 16: 987–995 (2011).

L'inquinamento-nuoce-gravemente-al-cervello-e-alla-memoriaLa ricerca pubblicata su Molecular Psychiatry dai ricercatori della Ohio State University, negli Usa, coordinati dalla dottoressa Laura Fonken, ha dimostrato che l’inalazione delle polveri sottili, PM 2.5, può danneggiare gravemente le normali funzioni celebrali e neurologiche del cervello:Altri studi hanno messo in luce gli effetti dannosi dello smog su cuore e polmoni – ha dichiarato la Fonken – ma questo è il primo lavoro scientifico a mostrare un impatto negativo sul cervello.

Le particelle sottili PM 2.5 danneggiano le funzioni celebrali e neurologiche. L’inquinamento atmosferico, insomma, oltre a danneggiare la salute del corpo, nuoce gravemente al cervello. In particolare colpirebbe l’ippocampo e le ramificazioni dei dendriti, che trasportano il segnale nervoso, provocandone un accorciamento e una riduzione della loro densità. A causa dell’inquinamento, in pratica, si può diventare più ansiosi, più depressi, meno rapidi nell’apprendimento e si possono avere problemi di memoria.

 Il metodo della ricerca e stato quello scientifico di laboratorio. I ricercatori hanno sottoposto all’inalazione di aria inquinata un gruppo di topi per sei ore al giorno per 5 giorni a settimana (lo stesso tempo di esposizione di un normale lavoratore che vive in città), in un arco di tempo di 10 mesi.

I topi sottoposti ai test mostravano comportamenti ansiosi, depressione, un grado di apprendimento piuttosto scarso e deficit di memoria, infatti avevano grosse difficoltà ad uscire dai labirinti che già conoscevano, cosa che in condizioni normali non si verifica.

Questo studio fa parte di una più ampia ricerca in corso, si cerca di conoscere la vera entità dei problemi causati dall’inquinamento. Tra gli studi ne è presente anche uno focalizzato sul particolato fine emesso dai tubi di scarico delle automobili.

Ci allarma immaginare noi italiani, costretti a respirare un’aria piena e densa di particelle sottili, concentrate in quantità superiori ai limiti imposti dall’UE, è anche questa una prova del fatto, che siamo di fronte all’ennesimo allarme sui gravissimi danni provocati dall’inquinamento.

Bibliografia INQUINA-MENTE


Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/16/linquinamento-nuoce-gravemente-cervello-memoria/

Ansia, l’aria inquinata scatena reazioni di paura

Ansia, l’aria inquinata scatena reazioni di paura
(Inhalation of 7.5% Carbon Dioxide Increases Threat Processing in Humans)

Matthew Garner1,2, Angela Attwood3, David S Baldwin1, Alexandra James3 and Marcus R Munafò3

  • 1Clinical Neuroscience Division, School of Medicine, University of Southampton, Southampton, UK
  • 2School of Psychology, University of Southampton, Southampton, UK
  • 3School of Experimental Psychology, University of Bristol, Bristol, UK

Ansia,-l’aria-inquinata-scatena-reazioni-di-pauraCorrespondence: Dr M Garner, Clinical Neuroscience Division, School of Psychology, University of Southampton, Highfield, Hampshire, Southampton SO17 1BJ, UK, Tel: , Fax: +44 (0) 23 8059 4597, E-mail: m.j.garner@soton.ac.uk

Received 9 November 2010; Revised 15 December 2010; Accepted 17 December 2010; Published online 13 April 2011.

L’nquinamento scatena reazioni di ansia e paura.
In uno studio effettuato da un’équipe di ricercatori provenienti dalle due università di Bristol e Southampton, nel Regno Unito, pubblicato a giugno del 2011 dalla rivista di divulgazione scientifica Neuropsychopharmacology, sono emersi dati interessanti sull’impatto dell’inquinamento atmosferico sul benessere della nostra mente.

Respirare aria inquinata, oltre ad avere effetti negativi sul nostro corpo come lo sviluppo di malattie respiratorie, di asma, allergie, e maggiore incidenza di patologie cardiovascolari genera ansia e mette in agitazione il nostro equilibrio psichico.

L’equipe di ricercatori sulla base degli studi effettuati sostiene che:
essere immersi in un ambiente eccessivamente saturo di emissioni di anidride carbonica (dal 7,5% di CO2 in su) genera nella nostra mente degli stati emotivi ansiogeni, generando una serie di comportamenti solitamente associati alla paura.

I nostri sistemi di controllo e autoconservazione a livelli elevati di CO2 ci pongono in una condizione psicologica di allerta da pericolo, alzando i livelli d’ansia sino ad arrivare al Panico e a conseguenti reazioni di difesa da ciò che consideriamo pericolo. I ricercatori hanno calcolato che la percentuale di anidride carbonica capace di creare ansia è pari al 7,5%.

Gli studiosi Britannici asseriscono che i risultati ottenuti dalle loro ricerche, supportano l’evidenza che alti livelli di anidride carbonica scatenano comportamenti che si inseriscono nel circuito di difesa dalla paura.

Questa è l’ennesima prova, di come l’inquinamento ambientale mini la qualità della vita, la salute pubblica, l’equilibrio psicofisico oltre che, ovviamente, procuri ingenti danni agli ecosistemi.

Bibliografia INQUINA-MENTE

______________________________________________________________

Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

 


Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/16/1986-ansia-inquinamento/

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/14/inquinamento-stress-in-gravidanza-effetti-negativi-sui-bambini/

L’esposizione dei neonati all’inquinamento atmosferico può causare Autismo e Schizofrenia.

L’esposizione precoce post-natale al particolato ultrafine causa alterazioni cerebrali: ingrossamento persistente dei Ventricoli e alterazione neurochimica.
Queste alterazioni gliali avvengono soprattutto nelle cavie maschio dei topi (e sono evidenziate nei disturbi di Autismo e Schizofrenia).

https://i1.wp.com/www.rietivirtuosa.it/wp-content/uploads/bonifiche-300x270.jpg?resize=243%2C219

Early Postnatal Exposure to Ultrafine Particulate Matter Air Pollution: Persistent Ventriculomegaly, Neurochemical Disruption, and Glial Activation Preferentially in Male Mice.
Joshua L. Allen,1 Xiufang Liu,1 Sean Pelkowski,1 Brian Palmer,1 Katherine Conrad,1 Günter Oberdörster,1
Douglas Weston,1 Margot Mayer-Pröschel,2 and Deborah A. Cory-Slechta1
1-Department of Environmental Medicine
2-Department of Biomedical Genetics, University of Rochester School of Medicine,
Rochester, New York, USA

Inquinamento atmosferico & rischio di autismo e schizofrenia_Page_1Questo è quanto emerge da una ricerca effettuata da un gruppo di studiosi e pubblicata sulla rivista scientifica “Environmental Health Perspectives” (volume 122, pag 939-945, numero 9, Settembre 2014 http://ehp.niehs.nih.gov/1307984/) qui di seguito la traduzione dell’abstract della ricerca:

Background: L’inquinamento atmosferico è stato associato a effetti negativi sulla salute neurologica e comportamentale nei bambini e negli adulti. Recenti studi collegano l’esposizione degli inquinanti atmosferici a risultati negativi sullo sviluppo neurologico, tra cui un aumento del rischio per l’autismo, declino cognitivo, ictus ischemico, la schizofrenia e la depressione.

Obiettivi: Si è cercato di indagare il meccanismo (s) attraverso il quale l’esposizione in ambienti con alta concentrazione di particelle ultrafini (CAPs) influisce negativamente sullo sviluppo del sistema nervoso centrale (SNC).

Metodi: Sono stati esposti topi a particolati (C57BL6/J) ultrafini( < 100nm) CAPs, utilizzando il sistema “Harvard University Concentrated Ambient Particle System” inserendo le particelle inquinanti nell’aria filtrata nei giorni dopo la nascita [( PND) 4-7 e 10-13] , gli animali sono morti dopo 24 ore o 40 giorni dopo la cessazione dell’esposizione. Un altro gruppo di maschi è stato esposto a “PND270”, e sono state calcolate le concentrazioni nella zona del ventricolo laterale, l’attivazione gliale, le citochine (CNS) del sistema nervoso centrale, le monoamine, gli aminoacidi e i neurotrasmettitori.

Risultati: E’ stata osservata la dilatazione del ventricolo laterale preferenzialmente nei topi maschi esposti a CAPs , tale dilatazione è duratura dalla giovane età sino all’età adulta. Inoltre, l’esposizione di maschi al particolato (CAPs) in generale ha mostrato una diminuzione, evolutivamente significativa, delle citochine del sistema nervoso centrale, mentre l’esposizione delle femmine al particolato (CAPs) ha evidenziato una risposta neuroinfiammatoria come conseguenza dell’aumento delle citochine del sistema nervoso centrale. Si sono rilevati anche cambiamenti nei neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale e nell’attivazione gliale su più regioni cerebrali in maniera sesso-dipendente, inoltre è aumentato anche il glutammato ippocampale in maschi esposti al particolato ultrafine.

Conclusioni: Sono state provate, per zone del cervello, le alterazioni sesso -dipendenti di citochine e neurotrasmettitori , per topi esposti alle particelle ultrafini CAPs sia di sesso maschile che di sesso femminile. La dilatazione del ventricolo laterale (vale a dire, ventricolomegalia) è stata osservata solo nei topi maschi esposti all’inquinante. Da notare che la dilatazione dei ventricoli è una neuropatologia che è correlata a uno scarso sviluppo neurologico che causa l’autismo e la schizofrenia.
I risultati suggeriscono che l’alterazione delle sostanze neurochimiche e la dilatazione laterale del ventricolo creano mutazioni evolutivamente importanti ed esse sono in stretta correlazione all’esposizione ambientale degli inquinanti atmosferici, dimostrando quindi che gli inquinanti inficiano lo sviluppo neurologico.

Bibliografia INQUINA-MENTE
_____________________________________________
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015
_____________________________________________

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
-sulla fisiologia
-sulle relazioni interpersonali
-sui compiti cognitivi
-sui comportamenti
-sulla psiche
7. adattamento allo stress
8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.
3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà?

“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Bibliografia INQUINA-MENTE

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/11/08/lesposizione-dei-neonati-allinquinamento-puo-causare-autismo-schizofrenia/

Bibliografia INQUINA-MENTE

ettore-zinzi-psigologo-taranto.com-_Bibliografia-sitografia
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

______________________________________________________________

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.

2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
sulla fisiologia
sulle relazioni interpersonali
sui compiti cognitivi
sui comportamenti
sulla psiche
7. -adattamento allo stress
8. -percezione del rischiAmbiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)
         – Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

BIBLIOGRAFIA INQUINA-MENTE

  • Altman I. (1976), Environmental psychology and social psychology, in Personalityand Social Psychology Bulletin, 2, pp. 96-113
  • Altman I.; Rogoff B. (1987), World views in psychology: trait, Interactional,organismic, and transactional perspectives, in Stokols D.,Altman I., op. cit., vol.1,pp. 7-40
  • Ash S.E., Psicologia sociale, Sci, Torino, 1974 (edizione originale 1952Bandura, A. (1997). Self-efficacy: The exercise of control. New York: Freeman.
  • Baroni M. R. (1998), Psicologia ambientale, Il Mulino
  • Barker R. G. (1968), Ecological Psychology, Stanford University Press, Stanford.
  • Barker R. G., Schoggen P. (1973), Qualities of community life: methods of measuring environment and behaviour applied to an American and English town, Jossey Bass, San Francisco
  • Barker R. G., Wright H. F. (1951), One boy’s day, Harper and Row, New York
  • Barllett F.C. (1932), Remembering, Cambridge University Press, Cambridge, 1932.
  • Bertollini R, Faberi M, Di Tanno N (eds). Ambiente e salute in Italia. Il Pensiero Scientifico editore, Roma 1997
  • Bateson G., «Effects of conscious purpose on human adaptation» in G. Bateson, Steps to an ecology of mind, New York, Ballantine, 1972 (trad. it. «Effetti della finalità cosciente sull’adattamento umano», in Verso un’ecologia della mente, Milano, Adelphi, 1976.
  • Bateson G., Mind and Nature; a necessary unity, New York, Dutton, 1979 (trad. it. Mente e Natura, Milano, Adelphi, 1976).
    Bianchi E., Perussia F. (1986), Lombardie quotidiane: una ricerca sullo spazio vissuto, Unicopli
  • Bonaiuto, M., Aiello, A., Perugini, M., Bonnes, M., Ercolani, A.P. (1999).
  • Multidimensional perception of residential environment quality and neighbourhood attachment in the urban environment. Journal of Environmental Psychology, 19, 331-52.
  • Bonaiuto, M., Bilotta, E., Fornara, F. (2004). Che cos’è la psicologia architettonica. Roma: Carocci Bonaiuto, M., Bonnes, M., Continisio, M. (2004). Neighborhood evaluation within a multiplace perspective on urban activities. Environment and behaviour, 36, 41-69.
  • Bonaiuto, M., Breakwell, . M. & Cano, I. (1996). Identity processes and environmental threat: The effects of nationalism and local identity upon perception of beach pollution. Journal of Community and Applied Social Psychology, 6,157-175
  • Bonaiuto, M., Fornara, F. (2003). La consulenza psicologico-ambientale nella progettazione architettonica: due casi di studio. In A.M. Nenci (a cura di), Profili di ricerca e intervento psicologico-sociale nella gestione ambientale (pp. 111-142). Milano: Franco Angeli.
  • Bonaiuto, M., Fornara, F., Aiello, A., Bonnes, M. (2002). Qualità urbana percepita. In M. Prezza e M. Santinello (a cura di), Conoscere la comunità. Manuale per l’analisi degli ambienti di vita quotidiana (pp. 133160). Bologna: Il Mulino.
  • Bonaiuto, M., Fornara, F., Bonnes, M. (2006). Perceived residential environment quality in middle- and lowextension Italian cities. Revue Européenne de Psychologie Appliquée, 56, 23-34.
  • Bonaiuto, M., Fornara, F., Bonnes, M. (2003). Indexes of perceived residential environment quality and neighbourhood attachment in urban environments: A confirmation study on the city of Rome. Landscape and Urban Planning, 65, 41-52.
  • Bonaiuto, M., Twigger-Ross, C., Breakwell G. (2004). Teorie dell’identità e psicologia sociale. In M. Bonnes, T. Lee, M. Bonaiuto, (a cura di), Teorie in pratica per la psicologia ambientale (pp. 287-330). Milano: Raffaello Cortina.
  • Bonaiuto, M., Bonnes, M. (2008). Perceptions and uses of urban green as a function of quantity and quality of green areas in the neighbourhood: a study on the city of Rome. Manuscript submitted for publication. di Castri, F.,
  • Balaji, V. (2002). Tourism, biodiversity and information. Leiden: Backhuys.
  • Bonnes, M., Bonaiuto, M. (1995). Expert and layperson evaluation of urban environmental quality: The ‘natural’ versus the ‘built’ environment. In Y. Guerrier, N. Alexander, J. Chase, M. O’Brien (Eds.), Values and the environment: A social science perspective (pp. 151-163). New York: Wiley.
  • Bonnes, M., Bonaiuto, M., Aiello, A., Perugini, M., Ercolani, A.P. (1997). A transactional perspective on residential satisfaction. In C. Despres, D. Piché (Eds.), Housing surveys. Advances in theory and methods (pp. 99135). Quebec (Canada): Crad.
  • Bonnes, M., Secchiaroli, G. (1992). Psicologia Ambientale. Introduzione alla psicologia sociale dell’ambiente. Roma: Nuova Italia Scientifica.
  • Bonnes M., Secchiaroli G. (1992), Psicologia ambientale, Carocci
  • Bonnes, M., Secchiaroli, G. (1983). Space and meaning of the city-centre cognition: An interactional transactional approach. Human Relations, 36, 23-36.
  • Bowlby, J. (1969). Attachment and loss. Vol.1: Attachment. New York: Basic Books.
  • Brown, A.L. (1989). Analogical learning and transfer: What develops? In S. Vosniadou and A. Ortony (Eds.), Similarity and analogical reasoning (pp. 369-412). New York: Cambridge University Press.
  • Brown, A.L., Ash, D., Rutherford, M., Nakagawa, K. Gordon, A., and Campione, J.C. (in press). Distributed expertise in the classroom. In G.Salomon (Ed.), Distributed cognitions. New York: Cambridge University Press.
  • Carrus, G., Bonaiuto, M., Bonnes, M. (2005). Environmental Concern, Regional Identity and Support for Protected Areas in Italy. Environment and Behavior, 37, 237-257. [Impact factor 2005: 0,81; 2008: 1,00].
  • Castro, P., & Lima, M. L. (2003). Discursos sobre a ciencia num debate ambiental [Discourses about science in an environmental debate]. In E.Gonçalves (Ed.), Os portugueses e a Ciàencia: Entre a confiança e a contestaçao (pp. 115–155). Lisboa: D. Quixote.
  • Cirincione E. (1991), Ecologia e psicoanalisi, Muzzio
  • Cohen S. A. (1980), Aftereffects of stress on human performance and socialbehaviour: A review of research and theory, in Psychological Bulletin, 88, pp. 82-108
  • Cohen S. A., Tyrrell D. A. J., Smith A. P. (1991), Psychological stress andsusceptibility to the common cold, in New England Journal of Medicine, 325, pp.606-612
  • Cohen S. A., Williamson G. M. (1991), Stress and infectious diseases in humans,in Psychological Bulletin, 98, pp. 310-357
  • Colombo I. (2005) “L’individuo nel contest, tra criticità e risorse. Il contributo dell’ecopsicologia” tesi di laurea svolta all’Università Psicologia di Pavia.
  • Danon M. (2006 – in fase di stampa), Ecopsicologia. Crescita personale e coscienza ambientale, Apogeo
  • Deplano G., (2011) in La percezione del rischio, 2011 “Quaderni di Moniter” Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità.
  • Douglas M. (1992). Come percepiamo il pericolo, Milano, Feltrinelli, trad. italiana: Risk and Blame: Essays in Cultural Theory, New York, Routledge.
  • Douglas, M. & Wildavsky, A. (1982). Risk and Culture: An essay on the selection of Technical and Environmental Dangers. University of California Press, Berkeley.
  • Downs R.M., Stea D., Image and environment, Arnold, London, 1973.
  • Ester, P., Mindell, C., van der Linden, J., & van der Pligt, J. (1983). The influence of living near a nuclear power plant on the beliefs about nuclear energy. Zeitschrift fur Umweltpolitik, 6, 349-362.
  • Evans G. W., Cohen S. (1987), Environmental Stress, in Stokols e Altman, op. cit., vol. 1, pp. 571-610
  • Fischhoff, B. (1983). Acceptable risk: The case of nuclear power. Journal of Policy Analysis and Management, 2, 559-575.
  • Fischhoff, B., Slovic, P., Lichtenstein, S., Read, S., & Coombs, B. (1978). How safe is safe enough? A psychometric study of attitudes toward technological risks and benefits. Policy Science, 9,127-152.
  • Fonken LK, Xu X, Weil ZM, Chen G, Sun Q, Rajagopalan S and Nelson RJ “Air pollution impairs cognition, provokes depressive-like behaviors and alters hippocampal cytokine expression and morphology”, Molecular Psychiatry 16: 987–995 (2011).
  • Galimberti U. (1983), Il corpo, Feltrinelli
  • Gibson J. J. (1950), The perception of the visual world, Houghton-Mifflin,
  • BostonGibson J. J. (1966), The senses considered as perceptual systems, Houghton-Mifflin, Boston
  • Gibson, J.J. (1979). The ecological approach to visual perception. Boston: Houghton Mifflin.
  • Gibson, T. A. (2005). Nimby and the civic good. City and Community, 4, 381-401.
  • Giuliani, M.V. (2003). Theory of attachment and place attachment. In M. Bonnes, T. Lee, & M. Bonaiuto (Eds.), Psychological theories for environmental issues (pp. 137-170). Aldershot (UK): Ashgate.
  • Gregory, R., Flynn, J., & Slovic, P. (1995). Technological stigma. American Scientist, 83, 220-223.
  • Herzog T. Black A., Fountaine K., Knotts D., (1997), Reflection and attentional recovery as distinctive benefitsof restorative enviroments. Jornal of Enviromental Psychology, 17 pp. 165-170
  • Hillman J. L’anima dei luoghi (con Carlo Truppi), Rizzoli, Milano 2004 ISBN 881700197X
  • Hillman J. L’anima del mondo. Conversazione con Silvia Ronchey, Rizzoli, 2000; 20042 ISBN 8817126063
  • Hillman J. (2001), Il piacere di pensare, Rizzoli
  • Hillman J. (1999), Politica della bellezza, Moretti e Vitali
  • Hockey G. R. J., (1979) Stress and the cognitive components of skil1ed performance. In V.Hamilton & D.M. Warburton (Eds.), Human stress and cognition: An information processing approach. Chichiester, UK, Wiley.
  • Ittelson W. H. (1973a), Environment and cognition, Academic Press, New York, (trad. it. La psicologia dell’ambiente, Franco Angeli, 1978)
  • Ittelson W. H., Proshansky H., Rivlin A., Winkel G. (1974), An introduction to environmental psychology, Holt, Rinehart and Winston, New York
  • James W. (1983), The principles of psychology, Harvard University Press, Cambridge (original work published in 1892)
  • James, W. (1890). The Principles of Psychology. New York: Holt. (tr. it. Principi di Psicologia, Milano: S.E.L., 1983). Korpela, K. M., Hartig, T., Jenni K. E. & Loewenstein, G. (1997). Explaining the identifiable victim effect. Journal of Risk and Uncertainty, 14,135-257
  • Jung C. G. (1997), Gli archetipi e l’inconscio collettivo, Bollati Boringhieri
  • Jung C. G. (1997), Studi sull’alchimia, Bollati Boringhieri
  • Kaiser, F.G., Fuhrer, U. (2001). Restorative experienceand self-regulation in favorite places. Environment and Behavior, 33, 572-589.
  • Kanizsa G. Percezione, linguaggio, pensiero di Gaetano Kanizsa, Paolo Legrenzi, M. Sonino, Bologna, Il Mulino, 1983
  • Kanizsa G. Grammatica del vedere. Saggi su percezione e Gestalt, Bologna, Il Mulino, 1997
  • Kanizsa G. Vedere e pensare, Bologna, Il Mulino, 1991
  • Kanizsa G.I processi cognitivi di Gaetano Kanizsa, Paolo Legranzi, Paolo Meazzini, Bologna, Il Mulino, 1975
  • Kaplan S., Kaplan R. (1989), The experience of nature: a psychological perspective, Cambridge University Press, New York
  • Kasperson, R. E., Renn, O., Slovic, P., & Brown, H. S. (1988). The social amplification of risk: A conceptual framework. Risk Analysis, 8, 177–187.
  • Korpela, K. M., Hartig, T., Kaiser, F.G., Fuhrer, U. (2001). Restorative experienceand self-regulation in favorite places. Environment and Behavior, 33, 572-589.
  • Kohler W. (1929), Gestalt Psychology, Liveright, New York
  • Kohler W. (1940), Dynamics in psychology, Liveright, New York
  • Lazarus, R. S. & Folkman, S. (1984). Stress, Appraisal and Coping. New York: Springer.
  • Lepore,S.J.&Evans, G.W.(1996), Coping With multiple Stressors in the environment. In M. Zeidner & N. S. Endler(Eds.), Handbook Of coping: Theory, research, and applications. (pp. 350-377). New York: Wiley.
  • Lewin, K. (1951). Field theory in social science. New York: Harper & Row (trad. It. Teoria e sperimentazione in psicologia sociale, Bologna: Il Mulino, 1972).
  • Lima, M. L. (1996, June). Individual and social determinants of attitudes towards the construction of a waste inci-nerator: Two case studies. Paper presented at the Annual Meeting of the Society for Risk Analysis (Europe). Guilford (UK): University of Surrey.
  • Lima, M. L. (2000). As controversias publicas nos Estudos de Impacte Ambiental [Public controversies in Environmental Impact Assessment Studies]. In E. Gonçalves (Ed.), Cièencia, Cultura Cientıfica e Participaçao Publica (pp. 139–151). Oeiras: Celta Editora.
  • Lima M.L. (2004). On the influence of risk perception on mental health: living near an incinerator. Journal of Environmental Psychology, 24, 71–84.
  • Lima M.L. (2006). Predictors of Attitudes Towards the Construction of a Waste Incinerator: Two Case Studies, Journal of Applied Social Psychology, 36, 441–466.
  • Lupton, D. (2003). Il rischio. Percezione, Simboli, Culture. Bologna: Il Mulino, trad it. Risk. London and New York. Routledge.
  • Mainardi Peron E., Saporiti S. (1995), Stress ambientale. Un approccio psicologico, La Nuova Italia Scientifica
  • Mari, S., Capozza, D., Hichy, Z., Falvo, R., & Volpato, C. (2007). Salienza delle appartenenze,
    orientamento alla dominanza sociale, effetti del contatto intergruppi. In R. Brown, D. Capozza e O. Licciardello (a cura di) Immigrazione, acculturazione e ipotesi del contatto (pp. 61-85). Milano: Angeli
  • Masini R., Percezione ed immagine dell’ambiente montano: casi particolari, in F. Perussia, a cura di, Immagini ambientali, Unicopli, Milano, 1980, pp 61-101.
    Masini R, Interazioni fra i canali visivo, tattile, uditivo: aspetti percettivi, “Ikon”, n. 7, 1983, pp. 13-45.
  • Masini R, Perussia F., Contrazione ed espansione fenomeniche di oggetti tridimensionali in condizioni di completamento amodale, “Giornale ltaliano di Psicologia”, 9 (3), 1982, pp. 481-489.
  • Melber, B. D., Nealey, S. M., Hammersla, J., & Rankin, W. L. (1977). Nuclear Power and the Public: Analysis of Collected Survey Research. Seattle, Washington: Battelle Memorial Institute, Human Affaire Research Center.
  • Meyerowitz, B. E., & Chaiken, S. (1987). The effect of message framing on breast self-examination attitudes, intentions, and behavior Journal of Personality and Social Psychology, 52, 500-510.
  • Moscovici, S. (1984). The phenomenon of social representations. In R. M. Farr and S. Moscovici (Eds.), Social Representations. Cambridge, England: Cambridge University Press.
  • Mainardi D. (2001), La strategia dell’aquila, Mondadori
  • Moser G. (1992), Les stress urbaines, Armand Colin Editeur, Paris (trad. it. Gli stress urbani, LED, 1995)
  • Mura, M. (2005a). La rappresentazione sociale di Cagliari nei giovani: una ricerca psicologico-ambientale. In Annali della Facoltà di Scienze della Formazione, Nuova serie, Vol. XXVIII, parte II, pp. 155-190.
  • Mura, M. (2005b). Cagliari città turistica? Nuove prospettive di psicologia ambientale. Cagliari: CUEC.
  • Mura, M., Troffa, R. (2006). Aesthetic, perception and preference for historical and modern buildings. Cognitive Processing, 7, 66-67.
  • Nasar, J.L. (1994) Urban design aesthetics. The evaluation qualities of building exteriors. Environment and Behavior, 26, 377-401.
  • Nenci, A.M., (2000). La città immaginata. Cagliari: Tema.
  • Nenci A. M. (2003), Profili di ricerca e intervento psicologico-sociale nella gestione ambientale, Franco Angeli
  • Organizzazione mondiale della sanità, Centro europeo ambiente e salute. Divisione di Roma. Le aree ad elevato rischio di crisi ambientale. In: Bertollini R, Faberi M, Di Tanno N (eds). Ambiente e salute in Italia. Il Pensiero Scientifico editore, Roma 1997.
  • Passafaro, P. (2007). Sustainability and residential satisfaction within exclusive residential complexes in the city of Rome. In D. Shehayeb, H. Turgut Yildiz, P. Kellet (Eds.), Appropriate Home: Can we design ‘appropriate’ residential environments? (pp. 29-40). Cairo (Egypt): HBNRC (Housing & Building National Research Centre).
  • Perera F. P., DrPH, PhDa,b, Shuang Wang, PhDb,c, Virginia Rauh, ScDb,d, Hui Zhou, MSc, Laura Stigter, MAb, David Camann, MSe, Wieslaw Jedrychowski, PhDf, Elzbieta Mroz, MScf, and Renata Majewska, MScf. “Prenatal Exposure to Air Pollution, Maternal Psychological Distress, and Child Behavior”, PEDIATRICS (Volume 132, Number 5, November 2013)
  • Perussia, F. (1991). La ricerca sulle immagini turistiche: metodologie e problemi. In C. Ferrari (a cura di). Psicologia del turismo (pp. 181- 199). Roma: Armando.
  • Perussia F. (1990), Immagini di natura, Guerini Studio
  • Perussia F. (1989), Pensare verde. Psicologia e critica della ragione ecologica, Guerini e Associati
  • Perussia F. (1987), Psicologia ed ecologia, Franco Angeli
  • Petts, J. (1995). Waste management strategy development: A case study in community involvement and consensus building in Hampshire. Journal of Environmental Planning and Management, 38, 519-536.
  • Pieroni O. (2002), Fuoco, Acqua, Terra e Aria. Lineamenti di una sociologia dell’ambiente,
  • Pol E. (1993), Environmental psychology in Europe: from architectural psychologyto green psychology, Book New Press, Averbury
  • Proshansky, H.M., Fabian, A.K., Kaminoff, R. (1983). Place identity: physical world socialization of the self. Journal of Environmental Psychology, 3, 57-83.
  • Proshansky H. M., Ittelson W., Rivlin L. G. (1970), Environmental psychology: man and his physical settings, Holt, Rinehart and Winston, New York
  • Reed E. S. (1996), Encountering the world: toward an ecological psychology,Oxford University Press, New York
    Savadori L. (2007), Comunicare i rischi e i pericoli. In R. Rumiati e L. Lotto (a cura di), Introduzione alla Psicologia della Comunicazione, Bologna: Il Mulino (pp. 221-239)
    Savadori, L. & Rumiati, R. (2005). Nuovi Rischi, Vecchie Paure. Bologna: Il Mulino
  • Seligman M., (1975). Helplessness: On Depression, Development, and Death. San Francisco: W.H. Freeman. ISBN 0-7167-07527. (Paperback reprint edition, W.H. Freeman, 1992, ISBN 0-7167-2328-X)
  • Seligman, M. E. P. (1972). Learned helplessness. Annual Review of Medicine, 23(1), 407 412.doi:10.1146/annurev.me. 23.020172.002203
  • Shepard P. (1982), Nature and Madness, Sierra Club Books
  • Slovic P. (1987). Perception of risk. Science, 236, 280-285.
  • Slovic P. (2000). The Perception of Risk, London, Earthscan.
  • Slovic P., Fischhoff, B., & Lichtenstein, S. (1980). Facts and fears: Understanding perceived risk. In R. Schwing and W. A. Albers, Jr. (Eds.), Societal Risk Assessment: How Safe is Safe Enough? (pp. 181-214). New York: Plenum Press.
  • Slovic P., Fischhoff, B., & Lichtenstein, S. (1985). Regulation of risk: A psychological perspective. In R. Noll (Ed.), Regulatory Policy and the Social Sciences (pp. 241-278). Berkeley: University of California Press.
  • Slovic P., Flynn, J., & Gregory, R. (1994). Stigma happens: Social problems in the siting of nuclear waste facilities. Risk Analysis, 14, 773-777.
  • Slovic P., & Peter, E. (2006). Risk perception and affect. Current Directions in Psychological Science, 15, 322-325.
  • Slovic, P., Peter, E., Finucane, M.L., MacGregor, D.G. (2005). Affect, risk, and decision making. Health Psychology, 24, 35-40.
  • Spedden, S. (1998). Risk perception and coping. In A. Lundberg (Ed.), The Environment and Mental Health: A Guide for Clinicians (pp. 103-114). Hillsdale, NJ: Laurence Erlbaum.
  • Sparks, P. and R. Shepherd (1992), “Self-identity and the Theory of Planned Behavior: Assessing the Role of Identification with “Green Consumerism,” Social Psychology Quarterly, 55, 388-399.
  • Stedman S.J., Donald S. Rothchild, Elizabeth M. Ending Civil Wars: The Implementation of Peace Agreements Cousens Lynne Rienner Publishers, 2002
  • Stryker, S., and Burke, P. J. (2000). The Past, Present, and Future of an Identity Theory. Social Psychology Quarterly Special Issue: The state of sociological social psychology, 63(4), 284-297
  • Tajfel, H. (1981). Human Groups and Social Categories. Cambridge: Cambridge University Press (trad. it. Gruppi umani e categorie sociali, Bologna: Il Mulino, 1985).
  • Tajfel, H., Turner, J.C. (1986). The social identity theory of intergroup behaviour. In S. Worchell, W. G. Austin (Eds.), Psychology of intergroup relations. (pp-7-24), Chicago: Nelson-Hall.
  • Taylor, A.F., Wiley, A., Kuo, F.E., Sullivan, W.C. (1998). Growing up in the inner city: Green spaces as places to grow. Environment and Behavior, 30, 3-27.
  • Terry, D. J., Hogg, M. A., & White, K. M. (1999). The theory of planned behaviour: Self-identity, social identity and group norms. British Journal of Social Psychology, 38, 225-244.
  • Ulrich R. S. (1993), Biophilia, Biophobia, and natural landscapes, in Kellert S. K.,Zelson M., The biophilia hypothesis, Shearwater Books, Washington D.C. IslandPress
  • Ulrich, R.S., Simons, R.F., Losito, B.D., Fiorito, E., Miles, M.A., Zelson, M. (1991). Stress recovery during exposure to natural and urban environment. Journal of Environmental Psychology, 11, 201-230.
  • Unesco Mab (1988), Man belongs to the Earth, Unesco, Paris
  • Urry, J. (2002). The tourist gaze. London: Sage.
  • Uzzell, D. (1989). People, nature and landscape: An environmental psychological perspective. Report for the Landscape Research Group. Guildford (UK): University of Surrey.
  • Wells, N.M. 2000. At home with nature: Effects of “greenness” on children’s cognitive functioning. Environment and Behavior, 32, 775 795.
  • Whyte A. (1984), Integration of natural and social sciences in environmentalresearch. A case study of the Mab Programme, in Di Castri, Barker, Hadley,Ecology in practice, Tycooly, Dublin, vol.2, pp. 298-323
  • Widmann C. (1997), Ecologicamente. Psicologia del rapporto uomo-ambiente, Longo Editore
  • Wright G. (1947), Terrae Incognitae: the place of imagination in geography, inAnnals of the Association of American Geographers, 37, pp.1-15
  • Zhengtao Lia, , Henk Folmera, b, , Jianhong Xueb, “To what extent does air pollution affect happiness? The case of the Jinchuan mining area, China”. Original Research Article “Ecological Economics”, Volume 99, March 2014, Pages 88-99.
  • Zingarelli N. Lo Zingarelli 2012. Vocabolario della lingua italiana. Zanichelli, 2011

 

Bibliografia della ricerca:

Early Postnatal Exposure to Ultrafine Particulate Matter Air Pollution: Persistent Ventriculomegaly, Neurochemical Disruption, and Glial Activation Preferentially in Male Mice.
  • Allen JL, Conrad K, Oberdörster G, Johnston CJ, Sleezer B, Cory-Slechta DA. 2013. Developmental exposure to concentrated ambient particles and preference for immediate reward in mice. Environ Health Perspect 121:32–38; doi:10.1289/ehp.1205505.
  • Allen JL, Liu X, Weston D, Conrad K, Oberdörster G, Cory- Slechta DA. 2014a. Consequences of developmental exposure to concentrated ambient ultrafine particle air pollution combined with the adult paraquat and maneb
    model of the Parkinson’s disease phenotype in male mice. Neurotoxicology 41:80–88.
  • Allen JL, Liu X, Weston D, Prince L, Oberdörster G, Finkelstein JN et al. 2014b. Developmental exposure to concentrated ambient ultrafine particulate matter air pollution in mice results in persistent and sex-dependent behavioral neurotoxicity and glial activation. Toxicol Sci 140:160–178.
  • Balschun D, Wetzel W, Del Rey A, Pitossi F, Schneider H,Zuschratter W, et al. 2004. Interleukin-6: a cytokine toforget. FASEB J 18:1788–1790.
  • Barttfeld P, Wicker B, Cukier S, Navarta S, Lew S, Sigman M.2011. A big-world network in ASD: dynamical connectivity analysis reflects a deficit in long-range connections and an excess of short-range connections. Neuropsychologia 49(2):254–263.
  • Becerra TA, Wilhelm M, Olsen J, Cockburn M, Ritz B. 2013.Ambient air pollution and autism in Los Angeles County, California. Environ Health Perspect 121:380–386; doi:10.1289/ehp.1205827. Air pollution, ventriculomegaly, and neurochemical disruption Environmental Health Perspectives • volume 122 | number 9 | September 2014 945
  • Benes BM, Berretta S. 2001. GABAergic interneurons: implications for understanding schizophrenia and bipolar disorder. Neuropsychopharmacology 25:1–27.
  • Benes FM, Kwok EW, Vincent SL, Todtenkopf MS. 1998. A reduction of nonpyramidal cells in sector CA2 of schizophrenics and manic depressives. Biol Psychiatry 44:88–97.
  • Bigler ED. 1987. The clinical significance of cortical atrophy and ventricular enlargement in schizophrenia. Arch Clin Neuropsychol 2(4):385–392.
  • Block ML, Calderón-Garcidueñas L. 2009. Air pollution: mechanisms of neuroinflammation and CNS disease. Trends Neurosci 32:506–516.
  •  Boyle CA, Boulet S, Schieve LA, Cohen RA, Blumberg SJ, Yeargin-Allsopp M. 2011. Trends in the prevalence of developmental disabilities in US children, 1997–2008. Pediatrics 6:1034–1042.
  • Cao RY, St Amand T, Li X, Yoon SH, Wang CP, Song H, et al. 2012. Prostaglandin receptor EP4 in abdominal aortic aneurysms. Am J Pathol 181(1):313–321. Centers for Disease Control and Prevention. 2007. Prevalence of autism spectrum disorders—autism and developmental disabilities monitoring network. MMWR Surveill Summ 68:1–11.
  • Clancy B, Finlay BL, Darlington RB, Anand KJ. 2007. Extrapolating brain development from experimental species to humans. Neurotoxicology 28:931–937.
  • Cohen G. 1983. The pathobiology of Parkinson’s disease: biochemical aspects of dopamine neuron senescence. J Neural Transm Suppl 19:89–103.
  • Cook EH. 1990. Autism: review of neurochemical investigation. Synapse 6:292–308.
  • Cory-Slechta DA, Virgolini MB, Thiruchelvam M. Weston DD, Bauter MR. 2004. Maternal stress modulates the effects of developmental lead exposure. Environ Health Perspect 112:717–730; doi:10.1289/ehp.6481.
  • Cory-Slechta DA, Weston D, Liu S, Allen JL. 2013. Brain hemispheric differences in the neurochemical effects of lead, prenatal stress, and the combination and their amelioration by behavioral experience. Toxicol Sci 132(2):419–430.
  • Deverman BE, Patterson PH. 2009. Cytokines and CNS development.Neuron 64:61–78.
  • Erskine HE, Ferrari AJ, Polanczyk GV, Moffitt TE, Murray CJ,Vos T, et al. 2014. The global burden of conduct disorderand attention-deficit/hyperactivity disorder in 2010. J Child Psychol Psychiatry 4:328–336.
  • Fannon D, Tennakoon L, Sumich A, O’Ceallaigh S, Doku V, Chitnis X, et al. 2000. Third ventricle enlargement and developmental delay in first-episode psychosis: preliminary findings. Br J Psychiatry 177:354–359.
  • Fogal B, Hewett SJ. 2008. Interleukin-1β: a bridge between inflammation and excitotoxicity? J Neurochem 106:1–23.
  • Gilmore JH, Smith LC, Wolfe HM, Hertzberg BS, Smith JK, Chescheir NC, et al. 2008. Prenatal mild ventriculomegaly predicts abnormal development of the neonatal brain. Biol Psychiatry 64(12):1069–1076.
  • Gilmore JH, van Tol J, Kliewer MA, Silva SG, Cohen SB, Hertzberg BS, et al. 1998. Mild ventriculomegaly detected in utero with ultrasound: clinical associations and implications for schizophrenia. Schizophr Res 33:133–140.
  • Gilmore JH, van Tol JJ, Lewis Streicher H, Williamson K, Cohen SB, Greenwood RS, et al. 2001. Outcome in children with fetal mild ventriculomegaly: a case series. Schizophr Res 48(2–3):219–226.
  • Goshen I, Yirmiya R. 2009. Interleukin-1 (IL-1): a central regulator of stress responses. Front Neuroendocrinol 30:30–45.
  • Grace AA. 2012. Dopamine system dysregulation by the hippocampus: implications for the pathophysiology and treatment of schizophrenia. Neuropharmacology 62:1342–1348.
  • Graham DG. 1978. Oxidative pathways for catecholamines in genesis of neuromelanin and cytotoxic quinones. Mol Pharmacol 14(4):633–643.
  • Griffiths PD, Reeves MJ, Morris JE, Mason G, Russell SA, Paley MN, et al. 2010. A prospective study of fetuses withisolated ventriculomegaly investigated by antenatal sonography and in utero MR imaging. AJNR AM J Neuroradiol 31(1):106–111. Hastings TG. 1995. Enzymatic oxidation of dopmaine: the role of prostaglandin H synthase. J Neurochem 64(2):919–924.
  • James HE. 1992. Hydrocephalus in infancy and childhood. Am Fam Physician 45:733–742.
  • Kirkbride JB, Errazuriz A, Croudace TJ, Morgan C, Jackson D, Boydell J, et al. 2012. Incidence of schizophrenia and other psychoses in England, 1950–2009: a systematic review and meta-analyses. PLoS One 7(3):e31660; doi:10.1371/journal. pone.0031660.
  • Kittelson DB. 2004. Nanoparticle emissions on Minnesota highways. Atmos Environ 38:9–19.
  • Kuban K, Sanocka U, Leviton A, Allred EN, Pagano M, Dammann O, et al. 1999. White matter disorders of prematurity:
    association with intraventricular hemorrhage and ventriculomegaly. The Developmental Epidemiology Network. J Pediatr 134(5):539–546.
  • Kyriakopoulou V, Vatansever D, Elkommos S, Dawson S, McGuinness A, Allsop J, et al. 2014. Cortical overgrowth
    in fetuses with isolated ventriculomegaly. Cereb Cortex 24(8):2141–2150. Laskin MD, Kingdom J, Toi A, Chitayat D, Ohlsson A. 2005. Perinatal and neurodevelopmental outcome with isolated fetal ventriculomegaly: a systematic review. J Matern Fetal Neonatal Med 18(5):289–298.
  • Lim YH, Kim H, Kim JH, Bae S, Park HY, Hong YC. 2012. Air pollution and symptoms of depression in elderly adults. Environ Health Perspect 120:1023–1028; doi:10.1289/ehp.1104100.
  • Lisabeth LD, Escobar JD, Dvonch JT, Sanchez BN, Majersik JJ, Brown DL, et al. 2008. Ambient air pollution and risk for ischemic stroke and transient ischemic attack. Ann Neurol 64:53–59.
  • Mandell JG, Neuberger T, Drapaca CS, Webb AG, Schiff SJ. 2010. The dynamics of brain and cerebrospinal fluid growth in normal versus hydrocephalic mice. J Neurosurg Pediatr 6:1–10.
  • Manfredi R, Tognolini A, Bruno C, Raffaelli R, Franchi M, Pozzi Mucelli R. 2010. Agenesis of the corpus callosum in fetuses with mild ventriculomegaly: role of MR imaging. Radiol Med 115(2):301–312.
  • Movsas TZ, Pinto-Martin JA, Whitaker AH, Feldman JF, Lorenz JM, Korzeniewski SJ, et al. 2013. Autism spectrum disorder is associated with ventricular enlargement in a low birth weight population. J Pediatr 163(1):73–78. Oberdörster G. 2000. Toxicology of ultrafine particles: in vivo studies. Philos Trans A Math Phys Eng Sci 358(1775):2719–2740.
  • Pedersen CB, Raaschou-Nielsen O, Hertel O, Mortensen PB. 2004. Air pollution from traffic and schizophrenia risk. Schizophr Res 66:83–85.
  • Power MC, Weisskopf MG, Alexeeff SE, Coull BA, Spiro A III, Schwartz J. 2011. Traffic-related air pollution and cognitive function in a cohort of older men. Environ Health Perspect 119:682–687; doi:10.1289/ehp.1002767.
  • Sanfilipo M, Lafargue T, Arena L, Rusinek H, Kushner K, Lautin A,et al. 2000. Fine volumetric analysis of the cerebral ventricular system in schizophrenia: further evidence for multifocalmild to moderate enlargement. Schizophr Bull 26(1):201–216.
  • Schneider H, Pitossi F, Balschun D, Wagner A, del Rey A, Besedovsky HO. 1998. A neuromodulatory role of interleukin-1β in the hippocampus. Proc Natl Acad Sci USA 95:7778–7783.
  • Schulz JB, Lindenau J, Seyfried J, Dichgans J. 2000. Glutathione, oxdiative stress and neurodegeneration. Eur J Biochem 267:4904–4911.
  • Schulz SC, Koller MM, Kishore PR, Hamer RM, Gehl JJ, Friedel RO. 1983. Ventricular enlargement in teenage patients with schizophrenia spectrum disorder. Am JPsychiatry 140(12):1592–1595.
  • Schwarz JM, Sholar PW, Bilbo SD. 2012. Sex differences in microglial colonization of the developing rat brain. J Neurochem 120:948–963.
  • Segman RH, Meltzer A, Gross-Tsur V, Kosov A, Frisch A, Inbar E, et al. 2002. Preferential transmission of interleukin-1 receptor antagonist alleles in attention deficit hyperactivity disorder. Mol Psychiatry 7:72–74.
  • Siddique S, Banerjee M, Ray MR, Lahiri T. 2011. Attentiondeficit hyperactivity disorder in children chronically exposed to high level of vehicular pollution. Eur J Pediatr 7:923–929.
  • Tatli B, Ozer I, Ekici B, Kalelioglu I, Has R, Eraslan E, et al. 2012. Neurodevelopmental outcome of 31 patients with borderline fetal ventriculomegaly. Clin Neurol Neurosurg 114:969–971.
  • Virgolini MB, Rossi-George A, Lisek R, Weston DD, Thiruchelvam M, Cory-Slechta DA. 2008. CNS effects ofdevelopmental Pb exposure are enhanced by combinedmaternal and offspring stress. Neurotoxicology 29:812–827.
  • Volk HE, Hertz-Picciotto I, Delwiche L, Lurmann F, McConnell R. 2011. Residential proximity to freeways and autism in theCHARGE study. Environ Health Perspect 119:873–877;doi:10.1289/ehp.1002835.
  • Volk HE, Lurmann F, Penfold B, Hertz-Picciotto I, McConnell R. 2013. Traffic-related air pollution, particulate matter, andautism. JAMA Psychiatry 70:71–77.
  • Volpe JJ. 2001. Neurobiology of periventricular leukomalacia inthe premature infant. Pediatr Res50(5):553–562.
  • Volpe JJ. 2003. Cerebral white matter injury of the prematureinfant—more common than you think. Pediatrics 112(1 Pt 1):176–180.
  • Volpe JJ. 2005. Encephalopathy of prematurity includes neuronal abnormalities. Pediatrics 116(1):221–225.
  • Wellenius GA, Burger MR, Coull BA, Schwartz J, Suh HH,Koutrakis P, et al. 2012. Ambient air pollution and the risk of acute ischemic stroke. Arch Intern Med 172:229–234.
  • Westerdahl D, Fruin S, Sax T, Fine PM, Sioutas C. 2005. Mobile platform measurments of ultrafine particles and associatedpollutant concentrations on freeways and residentialstresses in Los Angeles. Atmos Environ 39:3597–3610.
  • Weuve J, Puett RC, Schwartz J, Yanosky JD, Laden F, Grodstein F. 2012. Exposure to particulate air pollution and cognitive decline in older women. Arch Intern Med 172:219–227.
  • Wright IC, Rabe-Hesketh S, Woodruff PW, David AS, Murray RM, Bullmore ET. 2000. Meta-analysis of regional brain volumes in schizophrenia. Am J Psychiatry 157(1):16–25.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/01/24/bibliografia-inquina-mente/

INQUINAMENTO E PSICOLOGIA

Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

 


L’allarme INQUINAMENTO.

L’uomo per seguire il percorso di “evoluzione” ha cambiato e continua a cambiare ulteriormente gli equilibri naturali del sistema terra, compromettendo in vario modo la vivibilità di molti spazi di vita ed avendo un effetto diretto sia a breve che a lungo termine anche sull’uomo. Oltre agli effetti dannosi prodotti su scala planetaria dai principali inquinanti con conseguenze a livello climatico, come ad esempio “l’effetto serra”, ancor più preoccupante è 1’azione distruttiva di queste miscele chimiche su scala locale ed in particolare sulla salute umana, intendendo per salute: “…una condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo l’assenza di malattia o di infermità” (Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS). Secondo il Decreto del Presidente della Repubblica n. 203/88, che recepisce 4 diverse direttive CEE, è definibile come inquinamento atmosferico: “Ogni modificazione della normale composizione o stato fisico dell’aria atmosferica, dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell’aria; tanto da costituire pericolo ovvero pregiudizio diretto o indiretto per la salute dell’uomo; da compromettere le attività ricreative e gli altri usi legittimi dell’ambiente; da alterare le risorse biologiche e gli ecosistemi ed i beni materiali, pubblici e privati. Le principali fonti di’ inquinamento sono distinte in base alla loro causa di origine:
  1. Cause naturali (esalazioni naturali, decomposizioni, ceneri vulcaniche, calamità ecc.)
  2. Cause antropiche derivanti da attività dell’uomo. Quindi emissioni industriali(Centrali termoelettriche, le raffinerie di petrolio, le cokerie, i cementifici e gli inceneritori di rifiuti sono le principali fonti di emissioni industriali) e civili (quelle derivanti dagli impianti di riscaldamento civile e soprattutto dal traffico auto e motoveicolare con particolare riferimento alle emissioni di benzene e PM10).  
Come sostiene Danon (2006) è proprio “la logica del profitto, dell’egoismo fatto legge, dell’incapacità di pensarsi parte di un contesto più vasto…” che ci sta portando verso l’autodistruzione.

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
-sulla fisiologia
-sulle relazioni interpersonali
-sui compiti cognitivi
-sui comportamenti
-sulla psiche
7. adattamento allo stress
8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.
3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà?

“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Bibliografia INQUINA-MENTE


Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015
 

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2013/11/11/inquinamento-e-psiche/