Tag: psicologia

La dipendenza da GAP (gioco d’azzardo patologico) è correlata a delle alterazioni cerebrali

La dipendenza da gioco d’azzardo patologico (GAP) sembra essere correlata a delle alterazioni cerebrali in aree che gestiscono l’elasticità cognitiva.

E’ questo quanto si afferma un nuovo studio pubblicato il 4 Aprile 2017 sulla rivista Translation Psychiatry, condotto presso l’Università di Kyoto dal team del Dottor Hidehiko Takahashi, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche di Inage-Ku (Giappone).

A Fujimoto1,2, K Tsurumi1, R Kawada1, T Murao1, H Takeuchi1, T Murai1 and H Takahashi1,2

  1. Department of Psychiatry, Kyoto University Graduate School of Medicine, Kyoto, Japan
  2. Department of Functional Brain Imaging, National Institute of Radiological Sciences, National Institutes for Quantum and Radiological Science and Technology, Chiba, Japan

Correspondente: Professor H Takahashi, Department of Psychiatry, Kyoto University Graduate School of Medicine, 54 Shogoin-Kawara-cho, Sakyo-ku, Kyoto 606-8507, Japan. E-mail: hidehiko@kuhp.kyoto-u.ac.jp
Received 27 November 2016; Revised 19 January 2017; Accepted 10 February 2017
http://www.nature.com/tp/journal/v7/n4/full/tp201755a.html

I vari giochi in denaro attirano ormai nella loro dannosa rete migliaia di persone. E’ risaputo ormai che questi giochi sono creati proprio per creare dipendenza. Chiunque può rischiare di diventare dipendente ma soprattutto i soggetti tendenti alla compulsione i quali anche quando stanno palesemente compromettendo la loro vita con le perdite continuano a giocare.

Il disturbo d’azzardo (GAP) è spesso considerato come un problema di tipo prettamente psicologico. Tuttavia, i sintomi di GAP non possono essere completamente compresi in questa visione.

Nello studio è stato ipotizzato che i pazienti affetti da GAP abbiano anche avuto problemi di discontrollo degli impulsi con una non adeguata valutazione del rischio causata da un diverso funzionamento della corteccia cerebrale.

I ricercatori hanno studiato 50 soggetti di cui 29 erano il gruppo di controllo (HC) quindi persone con alcun disturbo di dipendenza da gioco e 21 erano il gruppo (GD) ossia soggetti che in base al DSM-IV-TR sono classificati come dipendenti da gioco d’azzardo (addicted).

Tutti i coinvolti nello studio hanno partecipato ad un gioco multistep, quindi a più livelli, nel quale lo scopo era di guadagnare punti facendo scelte di gioco graduali.

Per la valutazione del desiderio compulsivo di gioco ai giocatori sono stati somministrati due questionari di autovalutazione GACS (Gambling Craving Scale) e il BIS/BAS (Behavioral Inhibition/Avoidance Scales) e contemporaneamente è stato condotto un esperimento di imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Dall’analisi comportamentale dei giocatori è emerso che il gruppo di “gambling addicted” ha la tendenza rigida al rischio infatti tutti i giocatori d’azzardo hanno preferito scelte rischiose anche quando queste erano scelte non ottimali nella riuscita del gioco.

Dall’analisi fMRI  è  emerso un diminuito funzionamento della corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC), che è fortemente implicata nell’adattamento cognitivo.

 Questo studio quindi lascia dedurre che i comportamenti di tipo compulsivo dei giocatori d’azzardo sono correlati anche a una scarsa valutazione del rischio non riuscendo quindi ad adattarsi in modo ottimale alla realtà, e questa alterazione appare evidente dalle indagini di neuroimaginging; infatti esse evidenziano alterazioni in quelle aree implicate nella gestione della elasticità cognitiva.

 

Fonte:

  1. Takahashi et al., “Deficit of state-dependent risk attitude modulation in gambling disorder”, articolo pubblicato su Translational Psychiatry, 04 Aprile 2017

www.nature.com/tp/journal/v7/n4/full/tp201755a.html

Bibliografia della ricerca

  • Hodgins DC, Stea JN, Grant JE. Gambling disorders. Lancet 2011; 378: 1874–1884. | Article | PubMed |
  • Shaffer HJ, Martin R. Disordered gambling: etiology, trajectory, and clinical considerations. Annu Rev Clin Psychol 2011; 7: 483–510. | Article | PubMed |
  • APADiagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5®). American Psychiatric Association Publishing: Arlington, VA, USA, 2013.
  • Potenza M. Perspective: behavioural addictions matter. Nature 2015; 522: S62. | Article | PubMed | CAS |
  • Holmes D. Addiction: 4 big questions. Nature 2015; 522: S63. | Article | PubMed |
  • Brevers D, Bechara A, Cleeremans A, Noel X. Iowa Gambling Task (IGT): twenty years after – gambling disorder and IGT. Front Psychol 2013; 4: 665. | Article | PubMed |
  • Cavedini P, Riboldi G, Keller R, D’Annucci A, Bellodi L. Frontal lobe dysfunction in pathological gambling patients. Biol Psychiatry 2002; 51: 334–341. | Article | PubMed |
  • Potenza MN. The neural bases of cognitive processes in gambling disorder. Trends Cogn Sci 2014; 18: 429–438. | Article | PubMed |
  • Clark L, Averbeck B, Payer D, Sescousse G, Winstanley CA, Xue G. Pathological choice: the neuroscience of gambling and gambling addiction. J Neurosci 2013; 33: 17617–17623. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Van Holst RJ, van den Brink W, Veltman DJ, Goudriaan AE. Brain imaging studies in pathological gambling. Curr Psychiatry Rep 2010; 12: 418–425. | Article | PubMed |
  • De Ruiter MB, Veltman DJ, Goudriaan AE, Oosterlaan J, Sjoerds Z, van den Brink W. Response perseveration and ventral prefrontal sensitivity to reward and punishment in male problem gamblers and smokers. Neuropsychopharmacology 2009; 34: 1027–1038. | Article | PubMed | ISI |
  • Reuter J, Raedler T, Rose M, Hand I, Glascher J, Buchel C. Pathological gambling is linked to reduced activation of the mesolimbic reward system. Nat Neurosci 2005; 8: 147–148. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Kessler RC, Hwang I, LaBrie R, Petukhova M, Sampson NA, Winters KC et al. DSM-IV pathological gambling in the National Comorbidity Survey Replication. Psychol Med 2008; 38: 1351–1360. | PubMed |
  • Lorains FK, Cowlishaw S, Thomas SA. Prevalence of comorbid disorders in problem and pathological gambling: systematic review and meta-analysis of population surveys. Addiction 2011; 106: 490–498. | Article | PubMed |
  • De Wilde B, Goudriaan A, Sabbe B, Hulstijn W, Dom G. Relapse in pathological gamblers: A pilot study on the predictive value of different impulsivity measures. J Behav Addict 2013; 2: 23–30. | Article | PubMed |
  • Caraco T, Martindale S, Whittam TS. An empirical demonstration of risk-sensitive foraging preferences. Anim Behav 1980; 28: 820–830. | Article |
  • Inagaki HK, Panse KM, Anderson DJ. Independent, reciprocal neuromodulatory control of sweet and bitter taste sensitivity during starvation in Drosophila. Neuron 2014; 84: 806–820. | Article | PubMed | CAS |
  • St Onge JR, Floresco SB. Dopaminergic modulation of risk-based decision making. Neuropsychopharmacology 2009; 34: 681–697. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Kolling N, Wittmann M, Rushworth MF. Multiple neural mechanisms of decision making and their competition under changing risk pressure. Neuron 2014; 81: 1190–1202. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Symmonds M, Bossaerts P, Dolan RJ. A behavioral and neural evaluation of prospective decision-making under risk. J Neurosci 2010; 30: 14380–14389. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Fujimoto A, Takahashi H. Flexible modulation of risk attitude during decision-making under quota. Neuroimage 2016; 139: 304–312. | Article | PubMed |
  • Rushworth MF, Noonan MP, Boorman ED, Walton ME, Behrens TE. Frontal cortex and reward-guided learning and decision-making. Neuron 2011; 70: 1054–1069. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Wager TD, Jonides J, Reading S. Neuroimaging studies of shifting attention: a meta-analysis. Neuroimage 2004; 22: 1679–1693. | Article | PubMed | ISI |
  • Buckley MJ, Mansouri FA, Hoda H, Mahboubi M, Browning PG, Kwok SC et al. Dissociable components of rule-guided behavior depend on distinct medial and prefrontal regions. Science 2009; 325: 52–58. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Okasha S, Binmore K. Evolution and Rationality: Decisions, Co-operation and Strategic Behaviour. Cambridge University Press: Cambridge, UK, 2012.
  • Stephens DW, Krebs JR. Foraging Theory. Princeton University Press: Princeton, NJ, USA, 1986.
  • Ma N, Liu Y, Li N, Wang CX, Zhang H, Jiang XF et al. Addiction related alteration in resting-state brain connectivity. Neuroimage 2010; 49: 738–744. | Article | PubMed | ISI |
  • Hu Y, Salmeron BJ, Gu H, Stein EA, Yang Y. Impaired functional connectivity within and between frontostriatal circuits and its association with compulsive drug use and trait impulsivity in cocaine addiction. JAMA Psychiatry 2015; 72: 584–592. | Article | PubMed |
  • Limbrick-Oldfield EH, Mick I, Cocks RE, McGonigle J, Sharman SP, Goldstone AP et al. Neural substrates of cue reactivity and craving in gambling disorder. Transl Psychiatry 2017; 7: e992. | Article | PubMed |
  • Young MM, Wohl MJ. The Gambling Craving Scale: psychometric validation and behavioral outcomes. Psychol Addict Behav 2009; 23: 512. | Article | PubMed |
  • Carver CS, White TL. Behavioral inhibition, behavioral activation, and affective responses to impending reward and punishment: the BIS/BAS scales. J Pers Soc Psychol 1994; 67: 319. | Article | ISI |
  • McLaren DG, Ries ML, Xu G, Johnson SC. A generalized form of context-dependent psychophysiological interactions (gPPI): a comparison to standard approaches. Neuroimage 2012; 61: 1277–1286. | Article | PubMed | ISI |
  • Goudriaan AE, Oosterlaan J, de Beurs E, van den Brink W. Neurocognitive functions in pathological gambling: a comparison with alcohol dependence, Tourette syndrome and normal controls. Addiction 2006; 101: 534–547. | Article | PubMed | ISI |
  • Leppink EW, Redden SA, Chamberlain SR, Grant JE. Cognitive flexibility correlates with gambling severity in young adults. J Psychiatr Res 2016; 81: 9–15. | Article | PubMed |
  • Naqvi NH, Rudrauf D, Damasio H, Bechara A. Damage to the insula disrupts addiction to cigarette smoking. Science 2007; 315: 531–534. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Droutman V, Read SJ, Bechara A. Revisiting the role of the insula in addiction. Trends Cogn Sci 2015; 19: 414–420. | Article | PubMed |
  • Clark L, Bechara A, Damasio H, Aitken MR, Sahakian BJ, Robbins TW. Differential effects of insular and ventromedial prefrontal cortex lesions on risky decision-making. Brain 2008; 131: 1311–1322. | Article | PubMed | ISI | CAS |
  • Clark L, Studer B, Bruss J, Tranel D, Bechara A. Damage to insula abolishes cognitive distortions during simulated gambling. Proc Natl Acad Sci USA 2014; 111: 6098–6103. | Article | PubMed |
  • Schacter DL, Addis DR, Buckner RL. Remembering the past to imagine the future: the prospective brain. Nat Rev Neurosci 2007; 8: 657–661. | Article | PubMed | CAS |
  • Barbey AK, Krueger F, Grafman J. Structured event complexes in the medial prefrontal cortex support counterfactual representations for future planning. Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci 2009; 364: 1291–1300. | Article | PubMed |
  • Balaguer J, Spiers H, Hassabis D, Summerfield C. Neural mechanisms of hierarchical planning in a virtual subway network. Neuron 2016; 90: 893–903. | Article | PubMed | CAS |
  • Miedl SF, Peters J, Buchel C. Altered neural reward representations in pathological gamblers revealed by delay and probability discounting. Arch Gen Psychiatry 2012; 69: 177–186. | Article | PubMed |

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2017/05/18/la-dipendenza-gap-gioco-dazzardo-patologico-correlata-delle-alterazioni-cerebrali/

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO, teorie di: Jean Piaget, Sigmund Freud, Erik Erikson

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2017/02/10/psicologia-dello-sviluppo/

L’esposizione agli inquinanti causa l’abbassamento del rendimento scolastico.

L’esposizione alle sostanze tossiche presenti nell’aria causa l’abbassamento del rendimento scolastico.

Questo è quanto emerge da una ricerca svolta studiando dei bambini delle scuole di El Paso in Texas, negli Stati Uniti d’America, spesso troppo esposti a inquinanti provenienti dal traffico veicolare:

Residential exposure to air toxics is linked to lower grade point averages among school children in El Paso, Texas, USA. Clark-Reyna SE1, Grineski SE2, Collins TW3.

ricerca-texas-inquinamento psiche zinzi-rendimento-scolastico-zinzi1Department of Sociology and Anthropology, University of Texas at El Paso, 500 W University Ave, El Paso, TX 79902, USA; seclarkreyna@miners.utep.edu.
2Department of Sociology and Anthropology, University of Texas at El Paso, 500 W University Ave, El Paso TX 79902, USA.
3Department of Sociology and Anthropology, University of Texas at El Paso, 500 W University Ave, El Paso TX 79902, USA; twcollins@utep.edu.

Lo studio frutto di una ricerca partita nel 2012 sulla salute respiratoria del bambini   “Residential exposure to air toxics is linked to lower grade point averages among school children in El Paso, Texas, USA” pubblicato su Population and Environment da un team di ricercatori dell’università del Texas – El Paso (Utep) evidenzia che i bambini che sono residenti e frequentano scuole in quartieri a basso reddito tendono ad essere sproporzionatamente esposti alle sostanze tossiche presenti nell’aria. Questo è motivo di preoccupazione, perché l’esposizione a inquinanti tossici ambientali incide negativamente sulla salute, lo studio svolto in Texas ha rilevato infatti un abbassamento del rendimento accademico. Fino ad oggi, non si conosceva la correlazione tra sostanze tossiche presenti nell’aria e rendimento scolastico. Gli studiosi dell’Utep hanno analizzato il rendimento scolastico e i dati socio-economici di 1.895  scolari dell’ El Paso Independent School District (EPISD) e hanno utilizzato il National Air Toxics Assessment (NATA) dell’ Environmental Protection Agency (Epa), per studiare l’esposizione dei bambini ai contaminanti tossici nell’aria, quali le emissioni di  diesel nei dintorni delle loro abitazioni. Il gruppo utilizzando il National Air Toxics Assessment ha effettuato un stima del rischio dell’esposizione al particolato presente nel diesel a carico dell’apparato respiratorio.
I dati individuali, raccolti attraverso un sondaggio fatto per posta elettronica, hanno per la prima volta evidenziato che i bambini esposti a sostanze tossiche presenti nell’aria, in particolare quelli provenienti da fonti mobili quindi veicolari, sono in associazione statisticamente significativa con l’abbassamento delle medie dei voti degli studenti che frequentano il quarto e quinto anno di 58 scuole elementari di El Paso (Texas, USA, distretto EPISD). Questa ulteriore ricerca lascia diversi spunti di riflessione.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2016/11/27/inquinamento-rendimento-scolastico/

LA FOTOTERAPIA

LA FOTOTERAPIA.
L’utilizzo delle foto in psicoterapia, utile strumento per rileggere la propria storia
.   

LA FOTOTERAPIA. L’utilizzo delle foto in psicoterapia, utile strumento per rileggere la propria storia. Avete notato quante emozioni vi suscita riguardare delle vostre vecchie foto? Quanti ricordi che pensavate di aver dimenticato affiorano? Talvolta riemergono gli odori, i suoni, i colori e tutto quello che esse rappresentano per noi!!

Abbiamo foto appese in camera, nei cassetti, abbiamo foto di famiglia incorniciate in salotto, smartphone pieni di attimi belli e brutti, momenti di vita ormai trascorsi e che comunque rimangono parte di noi. Sono tanti i significati che le fotografie hanno nella nostra vita così come sono tante le mutazioni che esse hanno nella società: Sembra buffo al giorno d’oggi pensare che un tempo, per avere un proprio ritratto bisognava ricorrere ad un ritrattista pittore, invece oggi grazie all’avvento delle macchine fotografiche digitali, ed ancor più dei telefonini il concetto di fotografia è radicalmente cambiato. Da quando la fotografia nacque nel XIX secolo, quando era chiamata “dagherrotipia” dal nome del suo inventore Louise Jacque Mondè Daguerre ad oggi, l’avvento e diffusione del digitale ha allontanato la fotografia del suo originario significato. Lo scopo iniziale delle fotografie era quello di essere il mezzo con il quale congelare degli attimi, delle emozioni, degli eventi importanti, dei ricordi, sono stata utilizzate anche in ambito clinico per vari scopi; oggi invece l’attuale significato della fotografia sembra essere più vicino al mondo dell’artefatto che a quello della realtà. E’ ovvio infatti dedurre e notare che le foto odierne dovendo essere utilizzate nella realtà virtuale e spesso nei social network vengono realizzate al fine di mostrarsi e quindi attirare “like”, “retweett”, “pin” ecc.[1], sembrando quindi appartenere ad un mondo illusorio. Data la diffusione degli smartphone ormai ovunque è possibile avere una macchina fotografica a portata di mano, infatti, se non si ha una corretta educazione nell’uso del telefonino in molti casi si può cadere in un atteggiamento compulsivo nell’utilizzo degli scatti fotografici.

In molte circostanze di vita quotidiana, assistiamo a scene in cui le persone utilizzano i loro obiettivi, spinti da personali bisogni, si sorride osservando le varie reazioni delle persone di fronte ad uno scatto: c’è chi insicuro scatta selfie in continuazione controllandone compulsivamente la riuscita; c’è chi più narcisista riguardando la foto con amici ripete più volte di essere venuto male attendendosi di essere contraddetto e gratificato; c’è chi di indole più evitante è convinto di essere venuto male in foto, pertanto non la guarda nemmeno; c’è chi più introverso e con più bassa autostima riguardando la fotografia in modo furtivo e imbarazzato chiede di cancellarla; c’è chi essendo ancora un bambino quindi con un sé ancora in evoluzione, ama rivedersi mostrandosi soddisfatto e divertito.

Ognuno di noi riguardando una foto ha una sua differente reazione e vissuto; per ognuno di noi la fotografia con il suo realismo e catarsi assume un senso simbolico unico e soggettivo e che spesso è dipendente al periodo di vita in cui la si guarda, dagli odori memorizzati, colori, ricordi… che ne riaffiorano.

[1] Aprendo una parentesi “leggera” per comprendere meglio l’uso e significato attuale delle foto ed in particolare dei selfie nei social network, è utile citare una comica e abbastanza satirica (anche se forse troppo scurrile nel linguaggio) serie amatoriale chiamata “Behind A Selfie”.e realizzata da uno “youtuber” di nome Federico Clapis

Spesso in un percorso di psicoterapia chiedo ai miei clienti di raccontarmi la loro storia. Oltre alla narrazione personale fatta di parole utilizzo anche quella per immagini. Chiedo di frugare negli album di famiglia, nei cassetti, nei telefonini, nei pc…  e di cercare foto che possano aiutarci a raccontare e ricostruire la loro storia  di vita. Chiedo di ordinare le foto partendo da quelle dei primi anni di vita sino al presente, in un racconto fatto di foto e ricordi che possano mettere ordine alla loro storia. Si possono scegliere le foto più significative, e se il cliente ne porta tante, verranno scelte alcune foto da conservare ed alcune da mettere in sfondo non utilizzandole e dando un senso al materiale scelto.

Il lavoro sugli album fotografici offre tanti spunti per lavorare. Nel raccontarsi emergono nuove consapevolezze su se stessi, sulla propria famiglia, sul proprio ruolo e modo di “essere” nei vari momenti di vita e durante la costruzione della propria identità personale.

Personalmente, ritengo che in Psicoterapia, l’utilizzo di questa tecnica è molto utile in tuttle le sue fasi:

  • Fase autonoma di scelta delle foto. Quando ci si troverà a casa soli, o nella casa dei propri genitori a frugare nei cassetti, album ecc. cercando foto, si potrà avere la possibilità di iniziare in modo intimo e personale a raccogliere le varie tracce di sè notandone nuove chiavi di lettura.

  • Fase di lavoro psicoterapeutico vero e proprio. Quando le foto verranno mostrate in seduta esse potranno offrire vari spunti di riflessione, potranno essere utilizzate come via per l’accesso a ricordi ed emozioni da esplorare e rielaborare assumendo un grande valore psicoterapeutico. L’atto del narrarsi offre la possibilità di rispecchiarsi nel terapeuta che a sua volta ne restituisce la sua “unicità”. Il compito principale del terapeuta è quello di facilitare e guidare il paziente nel percorso di scoperta e crescita personale attraverso l’esplorazione e interazione con le sue foto, cartoline, immagini di riviste, biglietti d’auguri, amuleti ecc. Le fotografie in terapia possono facilitare il cliente nel divenire più consapevole della propria identità fisica e psichica quindi rafforzare la propria autostima. A volte una foto viene considerata un’immagine definita e limitata con un suo significato preciso, altre volte banale o addirittura piena di significati nuovi e diversi.

 

BREVI CENNI DI STORIA dell’utilizzo DELLE FOTO in TERAPIA

Uno dei pionieri nell’utilizzo della fotografia in ambito psichiatrico fu Hugh Diamond, fotografo e psichiatra del “manicomio” del Surrey County Lunatic Asylum dal 1848 al 1858. Diammond fotografò tutti i suoi pazienti. Inizialmente provò ad utilizzare le foto a scopo diagnostico, egli cercava di catturare con l’obbiettivo tratti caratteristici delle varie psicopatologie quasi come fece Lombroso nei suoi studi di fisiognomica criminale. Successivamente si rese conto che i suoi pazienti quando si riguardavano in foto acquisivano maggiore consapevolezza di se stessi, presentando diversi progressi psico-fisici.

Negli stessi anni circa, Jacob Levi Moreno, ideatore dello Psicodramma, usava spesso le fotografie per iniziare delle sedute di gruppo. Lo Psicodramma di Moreno sembra essere stato un utile spunto per i successivi progetti di Fototerapia avviati negli anni 80’ da Jo Spence. Egli, altro pioniere della fototerapia consiglia di: “utilizzare la fotografia per curare noi stessi, prendendo sempre in considerazione la possibilità della trasformazione attiva”, in pratica suggerisce l’esplorazione delle proprie fotografie di vita come strumento per acquisire maggiore consapevolezza e quindi utilizzarle per modificare delle parti di sé, al fine di migliorarsi.

Carl Ramson Rogers, padre della psicoterapia ad approccio umanista, non-direttivo e centrato sul cliente, sempre intorno alla metà degli anni 40’, durante le sue terapie si serviva delle fotografie utilizzandole come stimoli introspettivo-esplorativi.

Già negli anni 60’, l’ideatrice della tecnica proiettiva dello “scenotest” Gerhild Von Staabs, nelle sue terapie utilizzava vari “oggetti simbolici” come bambole, corde, ecc., ma anche le fotografie al fine di far costruire ai suoi clienti delle scene che poi venivano analizzate.

Nel 1967 Marshall McLuhan, lamentava il fatto che nel 900 nonostante la fotografia avesse ormai preso piede “raccontando” l’esistenza di diverse persone e famiglie, essa era ancora poco utilizzata in psicologia e nel percorso di conoscenza del sé, ma non per questo era un mezzo meno potente di esplorazione interiore.

Negli anni 70’, lo psicoanalista Heinz Kohut, specialista in disturbi narcisistici di personalità, approfondiva grazie all’ausilio di fotografie portate dal paziente, lo studio anamnestico, di valutazione e di diagnosi del paziente potendone cogliere anche gli aspetti salienti della sua infanzia.

Era il 1975 quando la psicologa e arte-terapista, Judy Weiser, scrisse il primo articolo J. Weiser, Photography as a verb in “The BC photographer”, 1975, (disponibile al link: www.phototherapy-centre.com) nel quale utilizzando la parola  “Fototerapia”, spiegava come appunto l’impiego della foto in psicoterapia potesse essere un utile strumento di comunicazione intima e interpersonale per comprendere meglio la propria storia personale attraverso  la narrazione di sé . Dopo che nel 1979, negli Stati Uniti si svolse il primo convegno internazionale di Fototerapia la J. Weiser e nel 1982 aprì un “Photo Teraphy Centre” a Vancouver in Canada, archivio e sede dei corsi in cui venivano insegnate le tecniche da utilizzare in psicoterapia con l’ausilio delle foto.

Judy Weiser e Linda Berman (1993) hanno usato la “Fototerapia” in un setting di psicoterapia, al fine di facilitare la crescita e l’esplorazione del vissuto emotivo interiore mettendolo anche in rapporto al contesto famigliare.

Successivamente sia in letteratura che in pratica sono stati molti gli studiosi che si sono espressi favorevoli e convinti del potere terapeutico che hanno le foto. Oggi, sono davvero tante e varie le tecniche utilizzate in seduta a fini terapeutici. Gli scatti sono spesso usati all’interno del setting come stimolo psicoterapeutico, in quanto facilitante l’esplorazione del proprio mondo emozionale intimo, familiare ed anche del mondo extrafamigliare ristretto.

 

 

Bibliografia

  • Bermann L., La fototerapia in psicologia clinica. Metodologia e applicazioni. Edizioni Erikson, 1996
  • Carl Ramson Rogers, Terapia centrata sul cliente, Psycho (2000)
  • Demetrio D., Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé, Raffaello Cortina, Milano, 1996
  • Gerhild von Staabs, The Scenotest: A Practical Technique for Understanding Unconscious Problems and Personality Structure, Hogrefe & Huber (1991)
  • Heinz Kohut, Potere, coraggio e narcisismo, Astrolabio-Ubaldini (1986)
  • Jacob Levi Moreno, Manuale di Psicodramma: il teatro come terapia, Astrolabio (1985)
  • Jo Spence, Putting Myself in the Picture: a Political, Personal and Photographic Autobiography, Camden Press (1986)
  • Jung C. G., L’uomo e suoi simboli, Longanesi, Milano, 1980
  • Marshall McLuhan, The Medium is the Massage: An Inventory of Effects with Quentin Fiore, produced by Jerome Agel 1967; 1st ed. Random House; reissued by Gingko Press, 2001. ISBN 1-58423-070-3.
  • Piccini F., Ri-Vedersi, guida all’uso dell’autoritratto fotografico per la scoperta e la costruzione del sè, Red Edizioni, Milano 2008
  • Piccini F., Tra Arte e Terapia, utilizzi clinici dell’autoritratto fotografico, Cosmopolis, Torino 2010.
  • Terry Dennett, The Wounded Photographer: The Genesis of Jo Spence’s Camera Therapy, Afterimage nov-dec (2001)
  • Tucker J., ‘Diamond, Hugh Welch (1809–1886) ’, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, accessed 2 Oct 2013
  • Terry Dennett, Jo Spence’s camera therapy: personal therapeutic photography as a response to adversity, European Journal of Psychotherapy & Counselling (2009)
  • Weiser J., PhotoTherapy Tecnique, exploring the secrets of personal snapshots and family albums, PhotoTherapy Centre Publischers, Vancouver 1999. (Fototerapia. Metodologia e applicazioni cliniche, Franco Angeli, 2013)
  • Weiser J., Photography as a verb in “The BC photographer”, 1975, disponibile al link: phototherapy-centre.com.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2016/10/21/fototerapia/

Gomorra – La serie, tra intrapsichico e reale

Gomorra – La serie

La serie televisiva italiana è ispirata dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano e da lui ideata con Stefano Bises, Leonardo Fasoli, Ludovica Rampoldi e Giovanni Bianconi. Diretta da Francesca Comencini, Claudio Cupellini, Claudio Giovannesi e Stefano Sollima; inoltre sembra che alla stessa Comencini sia stato affidato il compito di sviluppare e gestire la presenza delle donne in azione nella seconda stagione dove sino ad ora (puntata 3 della seconda serie) esse prendono grande spazio sulla scena. I primi 12 episodi sono andati in onda nel 2014; la seconda serie è invece in onda su Sky Atlantic a partire dal 10 Maggio 2016. La serie è prodotta da Sky, Cattleya e Fandango con la collaborazione di Beta Film.La prima serie si è focalizzata su due gruppi opposti nella guerra della Camorra, il clan dei Savastano e l’alleanza degli Scissionisti, in lotta per il controllo della zona e dei vari traffici di stupefacenti e armi, proprio come accade da sempre nella maggior parte delle realtà criminali.

gomorra zz ok taranto psicologia ZinziLa serie ha ottenuto un grande successo in tutto il mondo ed è stata venduta in più di 120 paesi, merito di tutto questo, è sicuramente la trama, la qualità del prodotto e degli attori ma anche degli “agganci” che a livello intrapsichico la serie ci offre. Viviamo infatti in un’era in cui siamo molto scoraggiati dal nostro paese, dalle istituzioni, dalla corruzione, dalla mafia, dal lavoro… ormai la possibilità di informarci e studiare qualsiasi argomento ci interessi, ci ha portato ad essere informati anche sulla realtà criminale. Gomorra infatti ci “materializza e ci fa vivere” quello che è nascosto ma che noi già sappiamo o comunque abbiamo intuito a livello cognitivo sulla nostra “realtà” e sui suoi meccanismi perversi; è noto che il “pensiero per immagini” (quindi anche quello cinematografico) si differenzia dal pensiero realistico o concettuale, proprio perché è molto più vicino alle sorgenti pulsionali dell’individuo. Tale pensiero seppur talvolta si discosta dal piano di realtà e quindi dall’Io cosciente sembra essere invece vissuto come più reale sul piano emotivo.

Così come la serie ci romanza, anche la nostra società è intrisa da atti di forza e prepotenza, dalla legge del più potente (che naturalmente non significa il più corretto) e da tante umiliazioni e costrizioni illegittime che spesso lasciano trionfare il “Male”. Tale situazione ci lascia impotenti anche se abbiamo il desiderio represso di reagire. E’ noto che gli spettacoli che attirano più pubblico sono proprio quelli che smuovono quei desideri più profondi, intimi e nascosti che non vogliamo o possiamo soddisfare nella vita reale, ma a cui non riusciamo del tutto a rinunciare.

L’intera narrazione della serie con il suoi intrigo di storie e tradimenti rappresentano tutto quello che noi disprezziamo della realtà, l’indicibile, quello che nessuno vorrebbe mai esistesse ma che purtroppo è il “male dei nostri tempi” e come si vede sullo schermo è trasversale in tutti i campi sociali. La psicoanalisi e molti studiosi di cinema e teatro hanno collocato “le rappresentazioni visive” all’interno del mondo onirico, evidenziando il fatto che, lo spettatore viene quasi suggestionato nel rivivere ed immedesimarsi nei personaggi e nelle loro emozioni, riuscendo a raggiungere in questo modo, un certo grado di” appagamento psichico”. Sia il sogno che il cinema rappresentano, infatti, delle forme di evasione dal mondo reale in cui si vivono esperienze che nella realtà potrebbero farci soffrire o comunque che il controllo cosciente non ci dovrebbe permettere di compiere.

Come confermato dagli studi classici di origine psicoanalitica a livello psicologico lo spettatore subisce una duplice influenza psichica:

  1. Proiezione, ossia quel meccanismo tramite il quale lo spettatore ripone nei vari personaggi della trama i suoi desideri, idee ed aspirazioni

  2. Identificazione, ossia quel meccanismo tramite il quale lo spettatore assume e vive l’atteggiamento e le emozioni dei protagonisti.

Il risultato di questi due meccanismi psicodinamici sul pubblico sono: la catarsi e la suggestione.

Nell’intera serie appaiono raramente figure buone, tutti gli episodi sono animati da soli personaggi malvagi, doppiogiochisti e tutti intenzionati a raggiungere livelli di “Potere” sempre più malvagio. Pertanto, attraverso la catarsi, riusciamo ad accettare questo mondo sprezzante e violento riuscendoci quindi ad identificare con dei personaggi che, seppur siano lontani dal nostro modo di essere, gli si avvicinano, nei desideri frustrati di vendetta e giustizia personale repressi. Quindi visto che in Gomorra l’identificazione diretta con i personaggi della serie è quasi impossibile in quanto lontana dalla nostra coscienza e dai nostri valori più civili, essa comunque trova spazio nel nostro lato oscuro, più nascosto e ombroso, dove vengono riposti tutti quegli istinti non accettati dalla società ed anche da noi stessi.

Altro elemento catartico e suggestivo della serie è proprio la lingua napoletana. La suggestione offerta dalla lingua dialettale è quella di farci vivere le scene come più vere e integrando lo spettatore nella storia a cui assiste. E’ evidente come tutte le forme di dialetto riescano ad esprimere concetti anche complessi in modo molto semplice e diretto si pensi alle ormai celebri frasi: “Stai senza pensier !”, “stai cundent !”, “i sordi fann l’omm onest”, “vieniti a piglià u perdon”

Il mondo descritto nella serie ispirata da Saviano è intriso di elementi inaccettabili contraddittori e conflittuali: Gennaro da agnellino si trasforma in un feroce animale, Ciro e Genni da migliori amici a nemici, Ciro da figlio prediletto di Savastano a pecora nera traditrice, Ciro da marito premuroso a carnefice, molti personaggi da parenti diventano serpenti ecc. Questi elementi conflittuali hanno lo stesso sapore della nevrosi dei nostri tempi, con la fame di denaro e notorietà che spingono i più a fare di tutto per affermarsi.

Non ci resta che vedere come andrà a finire…………….

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2016/05/24/gomorra-e-psicologia-la-serie-intrapsichico-reale/

Ipocondria-Disturbo d’Ansia di malattia

Continua preoccupazione di essere affetti da una malattia?
Ipocondria (DSM IV-Tr)?
Disturbo d’Ansia di malattia (DSM V)?
Guarire dalla “malattia che non c’è” è possibile!

Ipocondria--ansia-di-malattia-dr.E.Zinzi-psicologo-taranto

Il termine ipocondria deriva dal greco ὑποχόνδρια, essa è una parola composta dal suffisso ὑπό che significa sotto e χονδρίον che significa cartilagine del diaframma costale: quindi già in antichità a conferma di quanto oggi sappiamo con certezza, il malore riguarda quindi l’addome sede delle principali emozioni, come la melanconia. Un disturbo caratterizzato dalla convinzione di avere una malattia, nonostante tutti gli esami medici siano negativi. Spesso il soggetto, nella sua mente, trasforma dei fisiologici lievi sintomi fisici, in segni caratteristici di qualche grave patologia. L’attenzione si focalizza sul sentire le proprie sensazioni corporee o segni fisici, producendo dubbi sulla loro natura, con il risultato di trovare similitudini con sintomi di malattie gravi. La preoccupazione riguardo la propria salute è costante, tendenzialmente catastrofica e difficile da regolare. La persona ha fatica a pensare ad altro, appare assorbito dai dubbi di malattia. Solitamente chi ne soffre pensa di essere una persona fragile, vulnerabile, debole, con basse difese fisiche. Si tratta tutto sommato di una credenza, che però, condiziona il senso della propria identità. Questa paura si sviluppa nella prima infanzia, a contatto con le figure significative di riferimento che, spesso, confermano questa immagine di fragilità. Si può manifestare in qualsiasi momento di vita ma compare spesso nella prima età adulta e nel passaggio all’età senile.
In psicologia e psichiatria tale disturbo è molto noto, nel 1958 lo psichiatra E. Wulff ipotizzò che negli ipocondriaci il corpo diventa l’espressione della paura di morire. Lo psichiatra ha evidenziato che nei pazienti studiati emerge sempre un’inquietante mancanza di fiducia nel sostegno del proprio corpo, infatti, gli ipocondriaci esigono dai medici prove, conferme e continue garanzie sulla propria salute.

DIAGNOSI
In psicologia e psichiatria tale disturbo viene trattato e nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM IV-Tr i criteri diagnostici per l’Ipocondria sono i seguenti:

  1. La preoccupazione legata alla paura di avere, oppure alla convinzione di avere, una malattia grave, basate sulla erronea interpretazione di sintomi somatici da parte del soggetto.
  2. La preoccupazione persiste nonostante la valutazione e la rassicurazione medica appropriate.
  3. La convinzione di cui al Criterio A non risulta di intensità delirante (come nel Disturbo Delirante, Tipo Somatico) e non è limitata a una preoccupazione circoscritta all’aspetto fisico (come nel Disturbo di Dismorfismo Corporeo).
  4. La preoccupazione causa disagio clinicamente significativo oppure menomazione nel funzionamento sociale, lavorativo, o in altre aree importanti.
  5. La durata dell’alterazione è di almeno 6 mesi.
  6. La preoccupazione non è meglio attribuibile a Disturbo d’Ansia Generalizzato, Disturbo Ossessivo-Compulsivo, Disturbo di Panico (Senza Agorafobia e Con Agorafobia), Episodio Depressivo Maggiore, Ansia di Separazione, o un altro Disturbo Somatoforme.

Specificare se con Scarso Insight:
se, per la maggior parte del tempo durante l’episodio in atto, la persona non è in grado di riconoscere che la preoccupazione di avere una malattia grave è eccessiva o irragionevole.

Nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali in versione aggiornata DSM V, l’ipocondria è stata definita “Disturbo d’Ansia di malattia”. Distinto a seconda dell’intensità della preoccupazione di avere/contrarre una grave malattia, in assenza di sintomi somatici o se presenti solo in forma lieve. I i criteri diagnostici sarebbero i seguenti:

  1. Preoccupazione di avere o contrarre una grave malattia.
  2.  I sintomi somatici non sono presenti, o se presenti solo di lieve entità. Se è presente un’altra condizione medica o vi è un rischio elevato di svilupparla (per esempio in presenza di importante familiarità), la preoccupazione è chiaramente eccessiva o sproporzionata.
  3. È presente un elevato livello di ansia riguardante la salute e l’individuo si allarma facilmente riguardo al proprio stato di salute.
  4. L’individuo attua eccessivi comportamenti correlati alla salute (es: controlla ripetutamente il proprio corpo cercando segni di malattia) o presenta un evitamento disadattivo(per es., evita visite mediche o ospedali).
  5. La preoccupazione per la malattia è presente da almeno 6 mesi ma la specifica patologia temuta può cambiare nel corso di tale periodo di tempo
  6. La preoccupazione riguardante la malattia non è meglio spiegata da un altro disturbo mentale come il disturbo da sintomi somatici, il disturbo di panico, il disturbo d’ansia generalizzata, il disturbo di dismorfismo corporeo, il disturbo ossessivo compulsivo o il disturbo delirante (tipo somatico).

Specificare quale:
Tipo richiedente l’assistenza
Tipo evitante l’assistenza

AUTOVALUTAZIONE LIVELLO DI ANSIA DI MALATTIA
Scarica il test
anteprima-test-KFG-petry-azzardo-dr-ZinziNel testo “Conosci la tua personalità” di Hans Eysenck e Glenn Wilson -2000, Tradotto da Magliano L. Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli (collana Superbur benessere), viene presentato un semplice e veloce strumento di autovalutazione del proprio livello di ipocondria rispondendo ad un elenco di domande. Ecco il riadattamento del Test  effettuato dal Dr.Zinzi.

 

PENSIERI E REAZIONI PSICOLOGICHE
I pensieri e le reazioni psicologiche che caratterizzano questo disturbo sono svariati; i più comuni possono essere:

  • Convinzione di non essere in salute

  • Si tende ad esagerare su vari sintomi.

  • Si ha la consapevolezza di essere disturbati da questi problemi ma non ci si riesce a controllare

  • Non si è consapevoli che si tratta di un disturbo psichico ma si è convinti di avere una seria malattia

  • La malattia che spesso ossessiona il soggetto ipocondriaco interessa le più importanti funzioni vitali.

– Il Cuore; si teme di avere un disturbo cardiaco, paura di avere un infarto, ictus ecc.
– Il cervello; si teme di avere delle funzioni cognitive compromesse.
– I polmoni, si teme di avere insufficienze respiratorie, pertanto si può rischiare di soffocare.
– Il soma; si teme di avere un grave problema alla pelle.
– L’apparato muscolare e scheletrico; si teme di avere una malattia invalidante avendo paura di non riuscire più a muoversi.
– La Vista; si teme di diventare cechi.
– Il sistema immunitario; si teme di essere contagiosi, di poter essere contagiati o di contagiare gli altri.
  • Si è completamente assorbiti dal disturbo e si passa diverso tempo a parlarne e a caccia della malattia. Si chiede a diverse persone o si ricerca in internet informazioni sui sintomi.

  • Rispetto al sottoporsi ad uno specialista ci sono due possibili reazioni. Una è quella di effettuare tutte le visite mediche possibili. Spesso l’ipocondriaco si reca dallo specialista certo di aver trovato la sua autodiagnosi precisa. Altra reazione può essere caratterizzata da evitamento delle possibili visite diagnostiche sicuri e impauriti di ricevere notizie nefaste.

  • Si cambiano diversi medici, con la convinzione che non siano bravi a trovare una malattia.

  • Il soggetto cerca e riesce a trovare persone che possano rassicurarlo, ma egli stesso non ne trae alcun giovamento, se non momentaneo.

COSA FARE
1. Non cambiare il proprio medico di riferimento dato che egli non riesce a risolvere la problematica,  infatti si tratta di un disturbo di natura psicologica non medica.
2. Evitare di cadere in “overload of informations” effettuando continue ricerche in internet, condizione che favorisce l’aggravarsi e la comparsa di nuovi sintomi disturbanti (cybercondria).
3. Evitare i vari media (tv, giornali ecc…) nei quali si affrontano malattie gravi.
4. Rivolgersi il prima possibile ad uno Psicologo specializzato in Psicoterapia. Lo psicoterapeuta potrà aiutare il cliente nella gestione dell’ansia e delle ossessioni, e successivamente lavorare per eliminarne le cause.
5.Qualora i pensieri fossero persistenti tanto da rendere impossibile al soggetto la gestione della sua normale vita quotidiana, appare opportuno rivolgersi ad uno psichiatra al fine di farsi prescrivere dei farmaci per alleviare la pervasività psicologica del disturbo e riuscire quindi ad affrontare un percorso Psicoterapeutico. Gli psicofarmaci generalmente somministrati sono i cosiddetti antidepressivi. I più utilizzati sono gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) – come per esempio la fluoxetina, la fluvoxamina e la paroxetina – e gli antidepressivi triciclici, come per esempio la clomipramina e l’imipramina.
6. Qualora il cliente non avesse la vera e propria coscienza della malattia ma solo il dubbio, inizialmente si rivolgerà ai familiari i quali possono aiutarlo offrendo una visione più oggettiva di quanto accade. In tal caso il paziente si sarà rivolto a ogni genere di medico specialista senza rivolgersi ad alcun professionista della salute mentale, pertanto i familiari, dovranno proporre uno psicoterapeuta nel modo più empatico possibile, evitando le ormai obsolete stigmatizzazioni (es.: sono pazzo, cosà dirà la gente ecc…).
LA PSICOTERAPIA
La tendenza generale è quella di maledire il proprio disturbo e i vari sintomi, invece dovrebbe essere condiviso il fatto che i sintomi psicosomatici devono essere “ringraziati” visto che essi rappresentano l’unico modo che il nostro corpo e la nostra mente sono riusciti a trovare per avvisarci delle nostre trascurate difficoltà. Spesso, la preoccupazione di avere una malattia si configura come una vera e propria ossessione, o se più lieve, rimane comunque correlata all’ansia e/o depressione.
In Psicoterapia, la cura dell’ipocondria è molto praticata. Le varie scuole di pensiero hanno ideato diversi modelli di intervento rivendicandone la paternità e l’efficacia. Ogni individuo è differente dall’altro, pertanto, ogni specifico approccio è più indicato ad un cliente o un altro.
Rivolgersi ad uno Psicoterapeuta ad approccio Integrato appare la scelta più semplice e indicata, proprio perché tale approccio tende a dare spazio alle varie tecniche dei differenti modelli, adattandole al cliente e alle sue particolarità, così come un abito viene cucito da un sarto.
La Terapia Integrata offre buone possibilità di prognosi e come in tutte le psicoterapie è necessaria la collaborazione da parte del cliente, il quale deve credere nel percorso che vuole affrontare, oltre che ovviamente, nel professionista e anche nella psicologia. Qualora il cliente si affacci alla psicoterapia con la convinzione che non potrà guarire, ogni sforzo di cura diverrà vano, lo stesso vale se “vuole essere guarito” delegando al terapeuta tutto il lavoro da fare senza mettersi quindi in gioco.
Lo Psicoterapeuta lavorando a livello cognitivo si occuperà quindi delle distorsioni cognitive. Cercherà di fare emergere nel cliente la consapevolezza degli errori di valutazione fatti circa i suoi stati psicofisici.
Anche attraverso tecniche di Psicoeducazione si affrontano le stesse tematiche insegnando al cliente e alla sua famiglia le caratteristiche principali del disturbo psichico in atto e i metodi migliori per guarire. I familiari, inoltre, vengono sostenuti offrendo loro dei consigli su come è meglio comportarsi nei confronti del loro parente.
In psicoterapia il problema viene anche affrontato a livello comportamentale cercando di costruire risposte alternative agli stimoli ansiogeni, oltre che le classiche strategie di evitamento. Si lavora inoltre su nuove sperimentazioni “sane” alternative e sostitutive dei comportamenti.
Attraverso l’esplorazione interna si cerca rielaborare elementi di vita traumatici e poco affrontati dal cliente che rappresentano le cause profonde del disturbo.
Come nella Psicoterapia Rogersiana tutto questo percorso viene affrontato cercando di essere il più vicini possibile ai bisogni del cliente, rispettandolo e stimolandolo nel suo percorso evolutivo di crescita intima.
Bibliografia
  • American Psychiatric Association (2000). DSM-IV-TR Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders , Fourth Edition, Text Revision. Edizione Italiana: Masson, Milano.
  • American Psychiatric Association (2014) Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali Quinta edizione (DSM 5). Cortina Editore
  • BASAGLIA F. (1956): Il corpo nell’ipocondria e nella depersonalizzazione, Riv. Sper. Fren. 80, 159.
  • Taylor S., Thordarson D.S., Jang K.L., Asmundson G.J.G. (2006). Genetic and environmental origins of health anxiety; a twin study. World Psychiatry, 5, pp. 47-50
  • Taylor, S., Asmundson, G.J.G. (2009) “Hypochondriasis and Health anxiety” in Martin, M.A., Stein, M.B. (a cura di) Oxford Handbook of Anxiety and Related Disorders, Oxford University Press.
  • Taylor, S., Asmundson, G.J.G. (2004) Treating Health Anxiety. A Cognitive-behavioral approach. New York, Guilford Press.
  • Taylor, S., Asmundson, G.J.G. (2005) It’s not all in your head. How worrying about your health could be making you sick and what you can do about it. New York, Guilford Press
  • Wells, A. (1999) Trattamento cognitivo dei disturbi d’ansia, Mc Graw Hill

 

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2016/01/19/ipocondria-disturbo-dansia-di-malattia/

Sportello informativo Alzheimer e Demenze correlate ASPIS

L’ASSOCIAZIONE ASPIS Onlus ed Alzheimer Italia vi aspetta il 18 Maggio 2017 alle ore 20,00 presso la PARROCCHIA SAN PASQUALE (corso Umberto, Taranto) con la Compagnia ” MAGAZZINI TEATRALI”  presenta “VOCI NELLA NOTTE”, monologhi su vari temi, un viaggio nella realtà: gioie, paure, ossessioni, violenza e amore.
Regia di Chicco Passaro e Federico Passariello Jr.

E’ ripartito da Marzo  il
GRUPPO DI POTENZIAMENTO COGNITIVO
La palestra per la mente — Attività utile ad incrementare le funzioni residue e rallentare la perdita funzionale

L’attività prevede 5 incontri e si svolge ogni lunedì
dalle 16.00 alle 17.30
Sede : Parrocchia San Pasquale Baylon
Via Pitagora n° 32 —Taranto

Il corso sarà tenuto dall’Equipe dell’Associazione ASPIS
Per info: cell. 334 9662325
Email: associazioneaspis@libero.it; aalba.taranto@libero.it

L’ASSOCIAZIONE ASPIS vi aspetta il 26/1/2017 alle ore 20,00 presso la PARROCCHIA SAN PASQUALE (corso Umberto, Taranto) con la Compagnia teatrale “ONDA ANOMALA” del centro Basaglia di Spazi Nuovi che presenta: “IO RICORDO”, opera teatrale sulla Shoah in occasione della Giornata della Memoria

L’associazione A.S.P.I.S. ONLUS
(Associazione per il Sostegno e l’ Inclusione Sociale)
Giovedì 3/11/2016 ha dato il via al
GRUPPO DI POTENZIAMENTO COGNITIVO
La palestra per la mente
Attività utile ad incrementare le funzioni residue e rallentare la perdita funzionale
L’attività prevede 5 incontri e si svolge
ogni giovedì dalle 16.00 alle 17.30
Sede : Parrocchia San Pasquale Baylon
Via Pitagora n° 32 —Taranto
Il corso sarà tenuto dall’Equipe dell’Associazione ASPIS
Per info: cell. 334 9662325
Email: associazioneaspis@libero.it; aalba.taranto@libero.it
locandina-potenziamento-cognitivo-aspis-taranto
ASPIS-ALZHEIMER-incontro-presentazione-28-aprile-2015Presentazione Sportello informativo Alzheimer e Demenze correlate

L’associazione A.S.P.I.S. ONLUS (Associazione per il Sostegno e l’ Inclusione Sociale) in collaborazione con l’associazione ALZHEIMER ITALIA il giorno 28/4/2015 presso la Provincia di Taranto nella “Sala Giunta” (4°piano in Via Anfiteatro 4, 74100 Taranto), presenterà l’apertura di un nuovo SPORTELLO INFORMATIVO SULL’ ALZHEIMER E LE DEMENZE CORRELATE.

All’evento interverranno :

Dott.ssa Katia Pinto – Vicepresidente Alzheimer Italia
Dott. Pietro Schino – Presidente Alzheimer Italia sede di Bari
Dott.ssa Simona Semeraro – Assesore ai Servizi Sociali del Comune di Taranto
Dott. Vincenzo Baio – Assesore alla Salute ed Ambiente del Comune di Taranto
Padre Tonino Nisi – Parroco della chiesa San Pasquale che offrirà gli spazi per la sede dello sportello informativo
Dott.ssa Daniela Battaglia – Presidente A.S.P.I.S. Onlus

Lo sportello avrà luogo nei locali della prestigiosa PARROCCHIA SAN PASQUALE, in Via Pitagora 32 – 74123 Taranto (TA).

SERVIZI DELLO SPORTELLO
– Colloqui di accoglienza e informativi sulla demenza
– Rilevazione della domanda
– Informazioni sulla rete dei servizi presente sul territorio
– Invio centri specializzati
-Parere Giuridico

SERVIZI SU RICHIESTA
– Valutazione neuropsicologica
– Consulenze specialistiche
– Assistenza domiciliare
– Riabilitazione cognitiva
– Consulenza legale

---ASPIS alzheimer sportello locandina completa zinzi 2015

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’Associazione A.S.P.I.S. Onlus chiamando il numero 334.9662325
oppure
scrivendo ad associazioneaspis@libero.it

Rassegna stampa:

  • LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO del 27/04/2015

gazzetta-sportello-alzheimer-taranto-aspis-28-4-15

  • LA GAZZETTA DI TARANTO del 6-5-2015

aspis - Alzheimer Italia 6-5-2015

  • NUOVO DIALOGO 12 giugno 2015 Taranto

nuovo dialogo 12 giugno 2015 taranto ASPIS alzheimer

  • NUOVO DIALOGO 3 febbraio 2017 Taranto

 

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2015/04/25/sportello-informativo-alzheimer-e-demenze-correlate/

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/16/ipotesi-sugli-effetti-psicologici-dellinquinamento-a-taranto/

Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

ti_svegli_la_mattina_respirando_la_diossina S.L.C. 2008 zzUno dei banner di sensibilizzazione creativa apparsi nel 2008 a cura del gruppo Sensibilizzazioni Libere e Concrete
Il Caso (ILVA e non solo) Taranto.

Il caso di Taranto, città in cui c’è la più grande acciaieria d’Europa; ILVA s.p.a. e non solo (Cementir, raffineria Eni, inceneritore…), offre diverse evidenze sui possibili effetti psicologici, conseguenti all’esposizione continua e prolungata ad agenti inquinanti ed eventi traumatici. Come già evidenziato in premessa, anche i fenomeni psicologici di questo territorio sono degni di interesse e dovrebbero essere maggiormente studiati. Le ricerche effettuate in questa direzione possono essere utili, anche in virtù di una adeguata valutazione del danno e del possibile risarcimento che l’azienda, nello specifico la famiglia Riva ed alcuni suoi collaboratori, dovrebbero offrire ai cittadini e ai suoi operai (per il momento sussiste la presunzione di innocenza).
Intorno a questa vicenda (Ilva) si sono sviluppati negli anni diversi “scenari”, a tonalità emotiva negativa, quindi stressogena per la psiche. Questi eventi appaiono veramente numerosi e gravi, spesso incongrui alla realtà e quindi difficili da elaborare in un sistema di pensiero chiaro e coerente, sia dal punto di vista cognitivo che emotivo.
Esistono di fatto degli Enti che si occupano della salvaguardia della salute pubblica; essi hanno sviluppato specifiche tabelle contenenti valori soglia per ogni singola sostanza inquinante, specificando gli effetti tossici in relazione alla dose assorbita. Sono molti gli organismi nazionali e internazionali che si occupano di studi di prevenzione e di tossicità. Qui di seguito alcuni dei più importanti: 1’EPA e l’FDA per gli USA; l’EFSA a livello europeo; il Ministero della Sanità in Italia, in collaborazione con l’Istituto Superiore della Sanità, l’INES; a livello regionale, l’ARPA; a livello locale le ASL territoriali. Questi enti hanno evidenziato quanto il territorio di Taranto rappresenti un esempio di ambiente devastato dall’uomo, tanto da essere inserito nell’elenco dei siti di interesse nazionale (SIN); nella tabella 2 vengono infatti riportate le aree interessate dall’inquinamento e le sostanze tossiche ritrovate nel territorio di Taranto.

-inquinati taranto-zinziTabella 2 Sostanze inquinanti a Taranto. Schede di Caratterizzazione dei Siti di Interesse Nazionale “SIN” delle aree contaminate estese, classificate più pericolose dallo Stato italiano e che necessitano di interventi di bonifica del suolo, del sottosuolo e/o delle acque superficiali e sotterranee, per evitate danni ambientali e sanitari. `

Complessivamente, poi, il profilo di mortalità della popolazione residente nel1’area di Taranto mostra anche un andamento temporale e una distribuzione geografica in linea con la cronologia e la distribuzione spaziale dei processi produttivi ed emissivi che caratterizzano l’area industriale di questo SIN da molti decenni.
Qui di seguito riporterò alcune tabelle riassuntive del progetto SENTIERI “Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento”, finanziato dal Ministero della Salute nell’ambito della ricerca finalizzata 2006, e condotto sotto il coordinamento dell’Istituto Superiore di Sanità, Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria. Il Progetto SENTIERI iniziato nel 2007 si è concluso nel dicembre 2010 ed i risultati sono stati pubblicati in un supplemento della rivista “Epidemiologia e Prevenzione”, nel dicembre 2011.

Tabella-3-del-progetto-SENTIERI-2011Tabella 3 del progetto SENTIERI 2011.
Mortalità e le principali cause di morte. Numero di casi osservati (OSS), rapporto standardizzato di mortalità grezzo (SMR) e corretto per deprivazione (SMR ID); IC 90%: intervalli di confidenza 90%; riferimento regionale (1995-2002). Uomini e donne.

 

Tabella-4-del-progetto-SENTIERI-2011Tabella 4 del progetto SENTIERI 2011. Numero di casi osservati (OSS), rapporto standardizzato di mortalità grezzo (SMR) e corretto per deprivazione (SMR ID); IC 90%: intervalli di confidenza al 90%; riferimento regionale (1995-2002). Uomini e donne. Cause con evidenza di associazione con le esposizioni ambientali Sufficiente o Limitata.

 

Tabella-5-del-progetto-SENTIERI-2011Tabella 5 del progetto SENTIERI 2011.
Numero di casi osservati (OSS), rapporto standardizzato di mortalità grezzo (SMR) e corretto per deprivazione (SMR ID; IC 90%: intervalli di confidenza al 90%), riferimento regionale (1995-2002). Totale uomini e donne. Cause con evidenza Sufficiente o Limitata di associazione con le esposizioni ambientali.

Sulla base dei risultati relativi alle principali cause di decesso (elencate nelle tabelle 3,4,5 del progetto SENTIERI 2011) e alle cause per le quali vi è a priori un’evidenza Sufficiente o Limitata di connessione con le fonti di esposizione ambientale e del SIN, emerge il seguente profilo di mortalità di Taranto:

  • eccesso tra il 10% e il 15% nella mortalità generale e per tutti i tumori in entrambi i generi;
  • eccesso di circa il 30% nella mortalità per tumore del polmone, per entrambi i generi;
  • eccesso, in entrambi i generi, dei decessi per tumore della pleura, che permane, sebbene ridotto;
  • eccesso compreso tra il 50%(uomini) e il 40%(donne) di decessi per malattie respiratorie acute, anche quando si tiene conto dell’ID, associato a un aumento di circa il 10% nella mortalità per tutte le malattie dell’apparato respiratorio;
  • eccesso di circa il 15% tra gli uomini e 40% nelle donne della mortalità per malattie dell’apparato digerente, anche quando si tiene conto dell’ID;
  • incremento di circa il 5% dei decessi per malattie del sistema circolatorio, soprattutto tra gli uomini; quest’ultimo è ascrivibile a un eccesso di mortalità per malattie ischemiche del cuore, che permane, anche tra le donne, dopo correzione per ID.

Per quanto qui sopra esposto, si assiste a Taranto, giorno per giorno, alla morte di diverse persone a causa di tumore o comunque per patologie, verosimilmente, se non chiaramente conseguenti all’esposizione continua e prolungata ad agenti inquinanti.
Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sono particolarmente sentiti dai gruppi di popolazione considerati a rischio: anziani, persone affette da malattie respiratorie e cardiovascolari, bambini e coloro che abitano vicino ad insediamenti industriali e di smaltimento rifiuti. I trasporti poi rappresentano uno dei settori che concorrono al peggioramento della qualità dell’aria nelle città. Infatti, è da essi che proviene la gran parte delle emissioni di ossido di azoto, monossido di carbonio, composti organici volatili, polveri sottili in città non industrializzate.
In alcune città maggiormente (vedi Taranto), l’industrializzazione, e non solo, ha avuto un grosso impatto ambientale ed ha causato modificazioni negli equilibri naturali; la presenza di molte sostanze nocive nell’aria ha un effetto indiretto, psicologico, anche per disagi psichici derivanti della difficile elaborazione dei lutti familiari ed extra familiari.
E’ innegabile che i cittadini di Taranto si sentano costretti a vivere questa malsana condizione, ed il senso di frustrazione diviene sempre più invasivo per la psiche.
Spesso è accaduto ed accade che quando i diritti dei singoli vengono lesi e si ha frustrazione; il non essere rispettati miete diverse vittime.
Anche a livello legislativo-amministrativo si assiste a diverse contraddizioni (vedi il parere dei giudici: viene spesso messo in discussione, a tutela della grande industria?), che otre a minare l’etica della giustizia creano nei cittadini forti conflitti intrapsichici nel dover ricostruire in modo coerente la realtà e quindi un forte senso di rassegnazione.
Sono ormai tanti i conflitti psichici per i cittadini e le contraddizioni che caratterizzano la vicenda dell’ILVA a Taranto; a tal proposito è utile riportare quanto accaduto nel gennaio del 2014:
Il giudice Pietro Genoviva ha dato ragione ad un cittadino del quartiere “Tamburi” che aveva fatto causa all’Ilva, al patron Emilio Riva e all’ex direttore dello stabilimento, Luigi Capogrosso, per il deprezzamento della sua casa. Una riduzione di valore causata proprio dall’inquinamento prodotto dal colosso siderurgico. Per far valere le sue ragioni, nel maggio del 2010, un residente di via Mannarini (frontista del grande polo siderurgico) si era rivolto all’avvocato Aldo Condemi. A distanza di circa tre anni è arrivata la sentenza, racchiusa in venti pagine, che condanna Ilva, Riva e Capogrosso ad un risarcimento di 13.880 euro (circa il 20% del valore dell’immobile). Nella sentenza il giudice afferma di ritenere sufficientemente provato e accertato il nesso causale esistente “tra le illecite (nonché penalmente rilevanti) condotte poste in essere da Emilio Riva e Luigi Capogrosso” e il “disperdersi delle polveri che si depositavano in gran quantità sulle abitazioni, sulle auto, sulle strade del quartiere Tamburi e che, anche per la loro composizione fisico-chimica, erano indonee non solo ad imbrattare, ma anche a cagionare molestia alle persone, mettendone in pericolo la salute”, nella rilevante misura di “21.362 tonnellate annue, pari al 94,9% delle emissioni complessive delle più importanti aziende dell’area industriale”.
Quindi è facile pensare che è possibile condannare i dirigenti del polo siderurgico ad un risarcimento danni per aver, attraverso l’illecito inquinamento, fatto perdere il valore alle case vicine all’industria, ed ancora oggi questo “cagionare molestia alle persone, mettendone in pericolo la salute” non viene riconosciuto in modo inequivocabile! Questo è un vero e proprio conflitto intrapsichico per tutte quelle persone che subiscono tale situazione.
Qualora non si volesse pensare alla connessione che c’è tra l’elevato inquinamento e lo sviluppo di disturbi psicofisici, si rifletta, almeno, sull’ansia di un genitore, in particolare di una mamma in attesa di un figlio, costretta ad inalare inquinanti. Si consideri la deprivazione sensoriale e alle conseguenze sul nascituro che non potrà essere allattato al seno della mamma, portatrice di latte contaminato.
In virtù di quanto accade a Taranto, e quindi riflettendo sull’inquinamento subìto dai suoi cittadini, appare necessario, data la gravità della situazione, iniziare a dare importanza anche alle possibili conseguenze di natura psicopatologica che emergono, data l’elevata esposizione dei Tarantini agli “stressors”.

Continua leggendo:Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

 Bibliografia INQUINA-MENTE


Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.
ISBN: 9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/13/inquinamento-psicologia/

Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

Ambiente e identità.
Gli effetti psicologici dell’inquinamento
Data la complessità dell’argomento verranno affrontati le seguenti tematiche:

1. Identità di sé
2. Identità sociale
3. Identità di luogo
4. Stress ambientale/Frustrazione
5. Stress e impotenza appresa
6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
sulla fisiologia
sulle relazioni interpersonali
sui compiti cognitivi
sui comportamenti
sulla psiche
7. -adattamento allo stress
8. -percezione del rischio

Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

“Il pensiero ecologico (…) rivela un sé nobilitato ed esteso, in quanto parte del paesaggio e dell’ecosistema, la bellezza e la complessità della natura sono in continuità con noi (…), dobbiamo affermare che il mondo è un essere, una parte del nostro proprio corpo” (Shepard, 2006). Per approfondire al meglio gli effetti psicologici dell’Ambiente inquinato, e, quindi, la connessione diretta che c’è tra psiche e ambiente, è opportuno conoscere prima la “psiche”, quindi i Processi di identità e successivamente comprendere i disturbi psicologici che l’inquinamento crea su di noi.
La maggior parte degli studi empirici sull’identità condotti fino ad ora hanno evidenziato l’importanza di tre principali aspetti dell’identità:

  1. Identità di Se’ (Teoria dell’identità, Stryker & Burke, 2000). I comportamenti che hanno maggiore probabilità di essere messi in atto sono quelli che hanno con l’identità in questione, una serie di significati sociali (Sparks & Shepherd, l992). L’identità delle persone infatti è legata anche agli ambienti che si “sperimentano”, poiché i processi psicologici che la strutturano e definiscono comprendono anche le relazioni con gli oggetti, le persone, i luoghi e i simboli.
    Es.: è molto probabile che chi “ama la vita”, se informato e quindi consapevole del male che l’ambiente sta subendo, assuma posizioni contrastanti con un grosso polo siderurgico che non rispetta le prescrizioni legislative italiane ed europee, che limitano le emissioni di inquinanti nell’ambiente.
  2. Identità sociale (Teoria dell`identità Sociale, Tajfel, 1981; Tajfel & Turner, 1979; Capozza & Brown, 2005). L’identificazione con un gruppo può predire la messa in atto di comportamenti volti a perseguire o a difendere gli interessi di tale gruppo (Terry, Hogg & White, 1999).
    Es. Se nel mio gruppo/famiglia ci sono casi di tumore io cercherò di difendere la salute combattendo le cause di tali incidenze.
  3. Identità di luogo. (Proshansky, Fabian & Kaminoff, 1983; Bonaiuto, Twigger & Breakwell 2004). Quando il comportamento pro-ambientale, connesso con un certo luogo, acquisisce un valore positivo per il gruppo, esso potrebbe essere visto come funzionale al mantenimento di un‘identità di luogo (e sociale) positiva (Uzzel et al. 2002).
    Le persone si dovrebbero impegnare per proteggere il proprio ambiente, in quanto parte integrante della propria identità.
    Secondo Proshansky, Fabian e Kaminoff (1983), l’identità di luogo è un costrutto centrale della Psicologia Ambientale, che recentemente è stato contemplato anche all’interno delle teorie dell’identità sociale (Bonaiuto et al., 2004). Con identità di luogo si intende una sub-struttura cognitiva dell’identità, che favorisce le funzioni integrative del Sé e che si alterna tra dimensione individuale e sociale. L’esperienza riguarda sempre ambienti fisici connotati da significati e credenze sociali A livello psicologico, riferendoci alla “Teoria dell’Attaccamento” di Bowlby (1969), che ha catalizzato l’interesse della Psicologia Ambientale sulla natura affettivo-emozionale del rapporto uomo\ambiente, possiamo parlare di “attaccamento di luogo” riferendoci a quei condizionamenti positivi, a volte inconsapevoli, che si acquisiscono nel tempo, grazie ai legami comportamentali, affettivi e cognitivi tra gli individui e/o i gruppi e i loro ambiente socio-fisico (Brown e Perkins, 1992). Dunque, i sentimenti che noi sentiamo nei riguardi dei “nostri” luoghi (e delle relative comunità di cui facciamo parte) definiscono meglio la nostra identità, e danno un significato alla nostra esistenza (Giuliani, 2003).
    L’ attaccamento di luogo ha importanti funzioni, come dare stabilità, sicurezza e difesa all’identità personale; questo è un processo dinamico, in quanto le trasformazioni dei luoghi, delle persone e delle attività causano cambiamenti nelle modalità di attaccamento, le quali si creano e ricreano continuamente.
    L’ambiente residenziale è tra i luoghi con cui una persona sviluppa una relazione di attaccamento, senza subbio il più importante (e quindi il più studiato), per la sua salienza relazionale e temporale nell’arco di vita di una persona. Cosi come per la soddisfazione residenziale, anche l’attaccamento residenziale, può riferirsi ad un continuum su scala territoriale sempre più esteso, andando dalla propria abitazione alla propria città e assume significati sempre più sociali quando investe territori di scala più ampia (la propria regione e il proprio stato; cfr. Mura, 2005).
    L’identità di luogo ha un effetto di attenuazione sulla percezione della pericolosità di una fonte inquinante locale, infatti ci sono studi empirici che hanno messo in evidenza come l’ identificazione regionale (un`identità di luogo specifica) sia in grado di mediare la percezione dell’inquinamento del proprio ambiente: i soggetti più identificati con la propria regione hanno una minore percezione di inquinamento, mostrando una tendenza simile a quella dell’identità sociale, percependo soprattutto gli aspetti positivi del proprio gruppo, per mantenere un livello elevato di autostima (Bonaiuto et al., 1999).
    Identificarsi fortemente o essere particolarmente attaccati ad un determinato luogo porta le persone a mettere in atto comportamenti protettivi verso quel luogo… A livello psicologico si può parlare anche di difesa, al fine di rendere meno terrificante la realtà e difenderci quindi dalle “somatizzazioni”. Le persone si impegnerebbero a proteggere il proprio ambiente in quanto parte integrante della propria identità (Bonnes, Carrus & Passafaro, 2006; Carrus et al. 2005; Stedman, 2002). Da quanto detto si può quindi ipotizzare che la popolazione di Taranto sottostimi l’inquinamento prodotto dai grossi insediamenti come ILVA, Cementir, Inceneritori, Cantieri Navali della Marina Militare, Eni ecc., non ribellandosi a questa ingiusta situazione, anche a causa dell’effetto delle “difese interne” che agiscono per mantenere una adeguata identità di luogo e proteggono l’individuo dalla “frantumazione dell’io”.
    Nonostante i cittadini mettano in atto delle difese, comunque l’inquinamento atmosferico può effettivamente causare uno stato ansioso e di paura, in quanto esso attacca i processi di percezione “sana” dell’identità. La percezione di una minaccia, che non è ben chiara o che non viene adeguatamente spiegata pubblicamente, può determinare alcune malattie psicosomatiche e forme maniacali. Queste malattie, tra 1’altro, dovrebbero avere maggiore frequenza (a causa dell’effetto “impotenza appresa” che approfondiremo in seguito) in città in cui, soprattutto per scelta politica od economica, si tende a nascondere un eventuale pericolo o addirittura dei dati di fatto, al fine di tutelare la posizione di pochi piuttosto che l’intera comunità. Questo avviene perché tali scelte politiche, sbagliate, mettono il cittadino nella condizione di avvertire maggiore senso di “malessere” a causa della sua impotenza. Vedi il caso il caso ILVA: nonostante gli elevati valori degli inquinanti emessi, si tende ad insabbiare la reale situazione del territorio. A tal proposito appare emblematico ricordare come lo stesso dirigente dell’azienda ILVA, Emilio Riva, in una intercettazione telefonica abbia definito il suo addetto alle pubbliche relazioni, Girolamo Archinà, “maestro degli insabbiamenti”.
  4. E’ ormai di uso comune parlare di stress ambientale, per definire una “condizione ambientale fisica e sociale che la persona percepisce come attualmente o potenzialmente rischiosa dannosa o deprivante” (Lepore & Evans, 1996, p.350).Esempi di stressors sono l’Inquinamento cronico dell`aria, il rumore, l’affollamento, il cambiamento climatico, gli incidenti, i disastri ambientali (Lepore & Evans, 1996).Peron e Saporiti, nel 1995 individuano 5 stressori principali dovuti all’ambiente urbano:1. rumore2. affollamento3. traffico4. variazioni di temperatura5. inquinamento dell’ariaSi stanno diffondendo nei paesi industrializzati e nelle grandi città, manifestazioni di panico da parte delle persone che si trovano costrette ad inalare area rarefatta, sostanze tossiche ecc. Basta immaginare luoghi molto affollati come metro, autobus, treni ecc. In queste situazioni la causa degli attacchi di panico è da attribuire senza dubbio a tanti fattori, ma soprattutto all’inquinamento atmosferico, in particolare alla presenza di anidride carbonica e polveri sottili in quantità eccessive, che influisce sui chemiorecettori cerebrali, responsabili dell’eccessiva stimolazione del sistema nervoso attraverso i sensi e quindi degli attacchi di panico.Lo stress ambientale ha diversi effetti psicologici negativi.
  5. Seligman già nel 1975 parlava di “Stress e impotenza appresa” proprio per descrivere quella situazione in cui, persone o animali sperimentano un evento che non sono in grado di controllare e quindi sviluppano l’aspettativa di una mancanza di controllo in situazioni analoghe.
    Oggi è possibile parlare di “frustrazione”: essa viene definita come reazione a quelle situazioni in cui viene a trovarsi una persona quando è ostacolata, temporaneamente o in modo permanente, rispetto alla possibilità di soddisfare i suoi bisogni. Le caratteristiche fisiche del contesto di vita possono influenzare la soddisfazione dei bisogni di singoli individui o di interi gruppi. L’incontrare ostacoli al soddisfacimento dei bisogni è solitamente da considerarsi la normalità nel corso dell’esistenza, ma esistono dei casi, vedi l’inquinamento di Taranto che causa continui decessi, in cui tale condizione non può essere definita “normale”.
    Riveste un ruolo fondamentale quindi la percezione di controllo o la self efficacy. Per self efficacy si intende la convinzione che le persone hanno circa la loro efficacia personale di organizzare e dirigere le loro abilità e risorse per mettere in atto un`azione che li condurrà alla conseguenza desiderata (Bandura, 1977).
    Se il rischio è quindi imposto dall’esterno, vedi l’inquinamento di Taranto, esso è percepito come più intollerabile e grave, rispetto ad un rischio a cui ci si espone volontariamente (per esempio il fumare sigarette).
    L’impotenza appresa assume quindi il significato di Incapacità acquisita (Learned helplessness), cioè esposizione incontrollata agli stimoli negativi. L’andamento dei fenomeni non desiderati viene considerato del tutto indipendente dalle azioni, quindi vi è un abbassamento nella motivazione, con evidenti ripercussioni a livello di stress cognitivo e quindi con conseguenti effetti (Seligman, 1975) sull’umore.
  6. In base a quanto teorizzato e spesso rilevato sino ad oggi in letteratura e ricerca sul campo, si possono ipotizzare, e in molti casi confermare, diversi

    effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale:

    sui compiti cognitivi
    • diminuzione dell’attenzione nei compiti di vigilanza (Hockey,1979; Herzog, 1997);
    • diminuzione della memoria nei compiti cognitivi che coinvolgono l’attenzione, la memoria a breve termine, la memoria incidentale (Hockey,1979);
    sulle relazioni interpersonali
    • altruismo e cooperazione (unirsi per difendere la causa);
    • aggressività (Herzog, 1997). Le conseguenze dello stress si estendono poi anche alle relazioni interpersonali e agli affetti. In particolare è stato dimostrato che in condizioni di stress spesso recede il livello di altruismo e di cooperazione tra gli individui e si registra un incremento delle condotte aggressive (Cohen,1980);
    sulla fisiologia:
    • mutazioni genetiche;
    • cambiamento dei livelli ormonali a causa di sostanze tossiche o come semplice conseguenza del1’alterazione del benessere psicofisico (aumento delle catecolamine e corticosteroidi, sviluppo di cellule tumorali);
    • attivazione del sistema nervoso autonomo (aumento della pressione sanguigna, della conduttanza cutanea, della frequenza respiratoria, della tensione muscolare, variazione del battito cardiaco) (Evans e Cohen,1987);
    • malattie respiratorie acute e croniche, neoplasie, compromissione di altri organi (vedi tabella 2,3,4), disfunzioni varie all’apparato cardiovascolare, apparato gastroenterico, sistema neuro-immunoendocrino, sistema nervoso centrale, apparato respiratorio, altri organi e apparati;
    • aumento di probabilità nel contrarre il raffreddore, l’influenza, e le infezioni batteriche (Cohen,Tyrrell e Smith, 1991; Cohene Williamson, 1991);
    sui comportamenti:
    • comportamenti malsani;
    • riduzione delle ore di sonno;
    • mancanza di attività fisica;
    • poca attenzione e rispetto della natura (grazie all’acquisizione del “modello negativo”);
    sulla psiche:
    la sintomatologia psicosomatica conseguente si sviluppa per stadi progressivamente sempre più gravi, mano a mano che si è sottoposti agli stressors ambientali;
    • disturbi dell’attenzione e della memoria, quindi autopercezione di non essere all’altezza delle situazioni;
    • stress;
    • sindrome da impotenza;
    • rabbia/paura (nervosismo, ansia, attacchi di panico…);
    • nevrosi e idee ossessive;
    • depressione, rassegnazione;
    Il tempo di durata e l’intensità dello stress ambientale fanno sì che, cosi come accade con tutti gli stimoli continui ed incontrollabili subiti dall`uomo/bersaglio, a seconda delle qualità dello stimolo, si tende ad avere risposte differenti.

  7. Abbiamo infatti visto la reazione di “impotenza appresa”, ma si potrebbe anche avere una risposta di adattamento allo stress. L’effetto di adattamento è comunemente riscontrabile in tutte le ricerche che si sono occupate di rischio tecnologico (nelle ricerche sul nucleare, per esempio effettuate da Melber, Nealey, Hammersla e Rankin, 1977; Van der Pligt, 1992). E’ di estrema importanza sottolineare che nelle specifiche ricerche sul nucleare questo effetto è spiegato in termini di assenza di esperienze negative immediatamente riscontrabili come conseguenti all’installazione della centrale, quindi di riduzione della dissonanza cognitiva o di adattamento cognitivo. In breve, l’adattamento è molto più difficile quando si assiste alla presenza di esperienze negative, come tumori conseguenti ad esposizione prolungata agli inquinanti (vedi il caso di Marghera in Veneto o l’Ilva a Genova e Taranto). Nella ricerca di Lima (2004), sull’installazione di un inceneritore, si osserva l’effetto di adattamento sul livello di percezione del rischio, ma allo stesso tempo un aumento dei sintomi psicologici (ansia, depressione e stress) riportati dai residenti. Questi risultati sono interpretati dall’autrice come conseguenza delle continue “suggestioni” prodotte da danni derivanti dal vivere nei pressi dell’istallazione nucleare.
    Pensando al caso Taranto, quindi, è possibile ipotizzare che le persone, essendo consapevoli che l’aria che respirano non è sana, quindi consapevoli di essere continuamente sottoposti ad inquinanti, presentino un aumento di sintomi psicologici, come stress e depressione.
    Riassumendo schematicamente, l’adattamento allo stress, che spesso ha effetti di conservazione della specie, ha in questi casi conseguenze negative, quali:
    abitudine. Quindi abbassamento della sensibilità allo stress e relativa conseguente esposizione agli stressors, senza corretta valutazione del rischio, sottostimando il pericolo;
    generalizzazione della risposta. L’individuo adotta la modalità di adattamento (per es. abbassa la sensibilità a quello stress) anche in altre situazioni, per esempio in assenza dello stimolo o difronte a stimoli simili anche se nocivi;
    disturbi fisici e psichici a lunga durata quindi sensibilità alle malattie e abbassamento delle difese immunitarie;
    comportamenti aggressivi e vandalici (Moser, 1992) a causa del senso di impotenza nel controllo della fonte di inquinamento, processo di pensiero altamente frustrante a livello psichico.
  8. Bisogna anche considerare, in questo panorama di effetti e cause dell’inquinamento atmosferico, l’importante influenza che ha livello psicologico la percezione del rischio.
    Lazarus e Folkman (1984) hanno osservato che, in generale, le conseguenze sulla salute psichica delle persone che vivono in un ambiente stressante dipendono in primo luogo dalla valutazione della minaccia e in secondo luogo dalle risorse che le persone hanno per affrontarla.
    In questa prospettiva, la percezione del rischio delle persone che vivono nei pressi di un impianto industriale è collegata a un basso senso di controllo e a una bassa conoscenza della minaccia esistente. Questo porterebbe, di conseguenza, ad un aumento dello stress psicologico e psicofisico (Lima, 2004) e una modificazione della qualità della vita delle persone (Spedden, 1998). Se prima il concetto di rischio era inteso solo in termini di eventi di origine esclusivamente naturale (inondazioni, terremoti…), sin dal diciassettesimo secolo si include anche la responsabilità umana agli eventi di origine naturale; durante il periodo illuminista il concetto è stato affiancato a quello di probabilità di esiti negativi o positivi (Lupton, 2003). Attualmente il termine rischio viene legato a parole come pericolo, minaccia, azzardo e danno, quindi oggi non è più associato, come in epoca illuminista, ad eventuali esiti positivi, ma quasi esclusivamente a quelli negativi. Deplano G. in “la percezione del rischio” (2011) evidenzia come il rischio è elaborato dal nostro sistema cognitivo attraverso due vie:a) la via analitica (logica);
    b) la via esperienziale (emotiva).a) La via analitica, situata nella neocorteccia, ci permette di elaborare le informazioni in maniera logica. Questa forma di elaborazione è lenta e richiede un grande impegno cognitivo, quindi non è adatta quando si deve prendere una decisione velocemente (come accade nella maggior parte dei nostri comportamenti quotidiani), ma è più indicata quando si vuole valutare e ponderare con calma un rischio che si deve affrontare (per esempio nel caso di impatto ambientale delle industrie nella propria città).b) La via esperienziale è, invece, veloce ed automatica. Secondo alcune ricerche sembrerebbe che questa via funzioni tramite le reazioni emotive che sono associate al rischio; se la reazione è positiva allora l’oggetto non è rischioso. Gli individui creano con l’esperienza una serie di connessioni in memoria; esse sono il frutto del rapporto tra il rischio e le emozioni associate: in questo modo si dà vita ad un processo automatico di reazione al rischio. Spesso queste reazioni sono veicolate da immagini che possediamo nella nostra mente: “le informazioni sul rischio hanno un impatto sul nostro comportamento solo se riescono a creare nella nostra mente immagini cariche di emotività” (Savadori, 2003, pag.233). Questo processo di creazione di immagini è quindi influenzato dalle caratteristiche che il rischio stesso possiede.Sulla base di quanto detto si può affermare che se una tecnologia mette in pericolo la vita a breve termine, in particolare dei bambini, questa è percepita dalla gente comune come più rischiosa rispetto ad una tecnologia che invece può colpire più lentamente, in tarda età.
    Per questa ragione, lo studio di come le persone percepiscono un rischio diventa centrale, al fine di comprendere come gli individui lo affrontano. I primi studi scientifici sulla percezione del rischio sono stati condotti da Starr nel 1969. Slovic e colleghi, a partire dal 1978 (Fischoff et al. 1978, 1983; Slovic et al. 1980, 1985; Slovic et al. 2005; Slovic & Peters, 2006) hanno sviluppato il paradigma psicometrico. Lo scopo principale di questo ambito di ricerca è quello di identificare le strategie mentali, o euristiche, che i cittadini comuni utilizzano per formulare i giudizi sul rischio (Slovic, 1987). Attraverso questo paradigma sono state individuate una serie di caratteristiche variabili del rischio (vedi tabella 1) che esercitano un impatto sui processi di codifica e sui conseguenti comportamenti, come la distinzione fra rischi comuni e terrificanti, oppure cronici e catastrofici.
    TABELLA-le-caratteristiche-del-rischio-de-planoTabella 1 (modificata Deplano G. La percezione del rischio, 2011) (Fischoff et al. 1978, 1983; Slovic et al., 1980, 1985; Slovic et al., 2005; Slovic & Peters, 2006) .
    Approfondendo il concetto di “percezione del rischio” i dati Istat del report “popolazione e ambiente” (si veda successivamente nel capitolo “ricerche”) hanno evidenziato, attraverso percentuali precise, “come e cosa” gli Italiani nel 2012 consideravano pericoloso per la loro salute. La popolazione percepiva come rischioso ai primi posti l’emergenza “inquinamento dell’aria, acqua, suolo, produzione e smaltimento rifiuti, cambiamenti climatici ecc., emergenze queste dovute tutte al comportamento dell’uomo e quindi da esso dipendenti.
    Anche una equipe di studiosi Cinesi e Nederlandesi (per approfondimenti si rimanda a Zhengtao Lia, Henk Folmera, Jianhong Xueb nel capitolo “ricerche”) nel loro costrutto teorico considerano cruciale, per essere felici, una bassa percezione del rischio ambientale.
    Danon (2006) parla di casi di depressione, evidenziandoli come risultato della “sensazione di mancanza del futuro indotta dall’emergenza ambientale” e anche a causa dei “lutti non riconosciuti e non superati, relativi a disastri ambientali: come è successo a volontari in Galizia, dove le spiagge sono diventate nere di petrolio; operatori umanitari in Amazzonia, rimasti sconvolti dallo scempio; operatori antincendio in Liguria: situazioni in cui non si è riuscito ad evitare la distruzione dei territori che si amano (molte persone vivono con sofferenza la sostituzione di boschi, campi e natura incontaminata con distese di cemento) .
    Come afferma quindi anche Perussia:” L’immagine della natura che portiamo dentro di noi influenza le nostre scelte e i nostri comportamenti, determina il nostro stile, si riflette sugli stati d’animo e interagisce con le dinamiche profonde della personalità” (1989, p. 7).
Bibliografia INQUINA-MENTE
_____________________________________________
Scarica l’EBOOK:
INQUINA-MENTE-copertina-dr-Zinzi-NARCISSUS“INQUINAMENTE”. Psiche ed inquinamento. Immaginazione o realtà?
“Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

ISBN:
9786050369953

Editore: Narcissus Self Publishing
Data di pubblicazione:  2015

Per approfondimenti sulla possibile connessione tra la psiche e l’inquinamento leggi anche gli articoli:

1 – Psicologia Ambientale. Interdipendenza tra ambiente e uomo.
2 – Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento

  1. Identità di sé
    2. Identità sociale
    3. Identità di luogo
    4. Stress ambientale/Frustrazione
    5. Stress e impotenza appresa
    6. Effetti dovuti allo stress/inquinamento ambientale
    -sulla fisiologia
    -sulle relazioni interpersonali
    -sui compiti cognitivi
    -sui comportamenti
    -sulla psiche
    7. adattamento allo stress
    8. percezione del rischio Ambiente e identità. Gli effetti psicologici dell’inquinamento.

3 – Ecco qui di seguito una raccolta delle poche ricerche scientifiche sull’argomento:

4 – Il Caso (ILVA e non solo) Taranto (INQUINA-MENTE)

Immaginazione o realtà? “Ipotesi” sulle cause ed effetti psicologici dell’inquinamento a Taranto.  Stimoli ed eventi traumatici subiti e “possibili” reazioni psicologiche dei cittadini.

Permanent link to this article: http://www.psicologo-taranto.com/2014/12/08/ambiente-e-identita-effetti-psicologici-inquinamento/

Load more