Tag: Taranto

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2012/10/09/partners/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2012/07/10/disturbi-di-personalita/

Bibliografia, sitografia, emerografia (psicologia on-line).

BIBLIOGRAFIA (psicologia on-line).ettore-zinzi-psigologo-taranto.com-_Bibliografia-sitografia

  • AgugliaE.et al.,Computer:un’alternativa al dolore ed alla solitudine.Alghos-Pathos nella filogenesi dell’uomo,Veroli,16-19.5,1996.
  • APA (1995), DSM-IV, Masson, Milano 1996.
  • Baumeister, R.F. (1999), the Nature and Structure of the Self An Overview, in R.F.Baumeister (ed), the Self in Social Psychology, Cleveland, OH: Case Western Re-serve University, pp.1-20.
  • Bikson, T.K., Eveland, J.D., Gutek, B.A., (1989). “Flexibile interactive technologies for multi-person tasks: current problems and future prospects”. In: M.H. Olson (ed.), Technological support for work-group collaboration, Erlbaum, Hillsdale, NJ.
  • Boczkowski,P. (1999)Mutual shaping of users and technologies in a national virtual community. Journal of communication, Spring, pp86-108.
  • Cantelmi T., A. D’ Andrea(2000), Fenomeni psicopatologici Internet-corrèlati: osservazioni cliniche, in T. Cantelmi, M. Talli, A. D’ Andrea,C. Del Miglio, La mente in Internet. Psicopatologie delle condotte on-line, Padova, Piccin.
  • Cantelmi T.,M.Talli, C.Del Miglio, A.D’Andrea, La mente in internet, psicopatologie delle condotte on-line. Padova, Piccin,2000.
  • Cantelmi T.,L.Giardina Grifo,La mente virtuale. L’affascinante ragnatela di internet,Milano,ed. S. Paolo,2002.
  • Tonino Cantelmi, Simonetta Putti, Massimo Talli, @psychotherapy. Risultati preliminari di una ricerca sperimentale italiana, Roma, Edizioni Universitarie Romane, 2001.
  • Cantelmi T.,M.Talli ,A.D’Andrea, Comunicazione virtuale e cyberpsicoterapie: problematiche psicopatologiche e note critiche,Formazione Psichiatrica, n. 1-2, 1998.
  • Caretti V., Psicodinamica della trance da videoterminale, in T. Cantelmi, M. Talli, A. D’ Andrea, C. Del Miglio, La mente in Internet. Psicopatologie delle condotte on-Iine, op. cit.
  • Craig Broad “Technostress: the uman cost of computer revolution”edito nel 1984 da Addison Wesley

  • Galimberti U., Dizionario di Psicologia, UTET, Torino 1992.
  • Giuliano, L. (1997), I padroni della menzogna. Il gioco delle identità e dei mondi virtuali, Roma: Melterni.
  • Goffman, E. (1988). Il Rituale dell’Interazione, Il Mulino, Bologna.
  • Goffman, E. (1959), The Presentation of Self in Everyday Life, Harmondsworth: Penguin Books.
  • Griffiths M.D., Nicotine, tobacco and addiction, Nature, 384, 18,1996.
  • Griffiths M.D., Psychology of computer use: XLIII. Some comments on ‘ Addictive use of the Internet’ by Young, Psychological Reports,80,81-82,1997.
  • Griffiths M.D., Technological addictions, Clinical Psychology Forum,76,14-19,1995.
  • Young K. S., Presi nella rete. Intossicazione e dipendenza da Internet, Calderoni,edizioni, Bologna, Milano, Roma, 2000.
  • Young K.S., Psychology of computer use: XL. Addictive use of the Internet: a case that breaksthe stereotype, Psychol. Rep. n. 79, pp, 899-902, 1996.
  • Levy P. ( 1998) , Cybercultura, Feltrinelli Editore, Milano, 1999.
  • Lea, M. (ed.), Contexts of Computer-Mediated-Communication. Hemel Hempstead, Harvester Weatsheaf, 1992
  • Lea, M., Spears, R. (1991). Computer-Mediated-Communication, de-individuation and group decision-making. In: International Journal of Man-Machine Studies, 34, pp.283-301.
  • Marshall McLuhan, La Galassia Gutemberg, Armando, 1991.
  • Marshall McLuhan, Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore, 1967.
  • Mininni e Ligorio, Costrutti identitari e interazioni virtuali nella comunicazione via MOO,Sistemi intelligenti,IX;3,pp.417-443. 1997.
  • Mininni G.;Virtuale.com,La parola spiazzata,Idelson-Gnocchi, Sorbona, 2002.
  • Mantovani, G. New communication environments. From everyday to virtual. London, Taylor and Francis, 1996.
  • McGuire, W.J. (1983). A contextualist theory of knowledge. In: Berkowitz, L. (ed.), Advances in experimental social psychology, 16, Academic Press, New York.
  • Patricia Wallace “La psicologia di Internet” ,Raffaello, Cortina editore, 2001.
  • Pezzullo, L. (1998). Internet per Psicologi, Unipress, Padova.
  • Poole,M.S; DeSanctis,G. Understanding the use of group decision support systems: The theory of adaptive structuration, in J.Fulk;C.W.Steinfield, Organizations and communication technology, newbury park,CA: Sage, pp.173-193.
  • Rice, R.R.(1993), Media Appropiateness-using social presence theory to compare traditional and new organizational media, human communication research,19,pp.451-484.
  • Stone A., R., Desiderio e tecnologia, il problema dell’ Identità nell’era di
  • Internet, Feltrìnellì. Editore, Milano 1997.
  • Sherry Turkle, Il secondo io. Milano, Frassinelli, 1985.
  • Sherry Turkle, La vita sullo schermo. Nuove identità e relazioni sociali nell’ epoca di Internet. Milano, Apogeo, 1997.
  • Sproull, L., Kiesler, S. Connections: New ways of working in the networked organizations. MIT Press, Cambridge, MA.., 1991.
  • Watzlavick P., Beavin J. H., Jackson D. D., Pragmatica della comunicazioneumana, Astrolabio, Roma, 1971.
 
SITOGRAFIA
 
   http://go.giallo.it/clck_canali/http://blog.virgilio.it/home/home.php (Blog; ultima visita 5/7/2003)
   http://go.giallo.it/clck_canali/http://www.weblogs.com (Blogs; ultima visita 5/7/2003)
   http://www.idearium.it/nuke/article.php?sid=149  (Fabrizio Ulisse;Blogs,monologo esteriore, fuffa e cultura2003; ultima visita 5/7/2003)
   http://www.idearium.it/nuke/article.php?sid=28 (Gioacchino La Vecchia, il Web che pensa,12/2002; ultima visita 4/7/03)
   http://www.splinder.it/node/view/24  (Cos’è un blog; ultima visita 4/7/03)
   http://www.telecomitalia.it/bit_about/articoli/index.asp  (Weblog: un modo diverso di fare informazione Luciano Lombardi e Barbara Roncarolo – Totem ; ultima visita4/6/2003)
   http://www.opsonline.it/risorse/articoli/psicologiaeinternet/Ol.asp (”la pragmatica della comunicazione in internet:effetti psicologici individuali e interpersonali” articolo scritto da Alessandro Gamba; ultima visita26/07/2002)
   http://www.pitt/-ksy   (Young K., Internet Addiction: The emergence of a new clinical disorder, ultima visita 2000).
   http://www.netaddiction.com (Young K., sito del Center for on-line addiction, ultima visita 2003-09-06)
   http://www.fumelli.it/corso/materiali/presentazStoriaNet/sld001.htm (La storia di internet.Come e nata e come si è sviluppata la “grande rete globale” dell’informazione; ultima visita 4/7/2003)
   http://www.mediamente.it/conoscersiinrete (Rino Genovese”conoscersi in rete”; ultima visita 12/3/02)
   http://www.mala.bc.ca/~soules/turkle/links.htm (Collegament a Sherry Turkle; ultima visita 12/8/03)
   http://www.sinopsis.it/sinopsis/atti-conv/brescia2000/r-pezzu.htm (Luca Pezzullo“Comunicazione e costruzione dell’identità nei gruppi telematici”; ultima visita 29/8/03)
   http://publinet.it/pol/ital/docusesso1.htm  (Rossi M. D., Sex.net: il cyberorgasmo garantito..,ultima visita 1999)
   http://cmc.huji.ac.il/vol3/issue2/biocca2.htm  (BlOCCA, F. (1997), The Cyborg’s Dilemma: Progressive Embodiment in Virtual Environment. Journal of Computer Mediated Communication (online), 3 (2) ultima visita 2000)
   http://www.on-linesexaddict.com/osaq.html (Questionario OSA-Q di Putnam O. E.).
   http://www .newsweek.com/nw-srv/tnw/today/ex/ex01071.htm. (Internet Addiction Quiz di M. H. Orzack)
   http://www.sexualrecovery .com/cyber.htm  (Cyber-Addiction Checklist del Sexual Recovery Institute)
   http://ifap.bepr .ethz.ch/-egger/ibq/res.htm  (Internet Behavior Questionnaire di O, Egger)
   http://www .stresscure,com/hrn/addiction.htm  (Internet Stress Survey di M, C. Orman)
   http://net-addict.herts.ac. uk/   (Internet Activities Attitudes and Addiction Questionnaire di H. Petrie e D. Gunn).
   http://www.1.rider.edu/-suler/psycyber/addictionqx.html  (Internet Addiction Questionnaire di John Suler)
   http://www.hyperarchive.lcs.mit.edu/HyperArchive/Archivi/game/word/eliza60.hqx  (Archivio nel quale è presente l’ultima versione di Eliza per mac)
   http://www.apa.org/ethics/stmnt01.html (linee guida etiche rivolte alle organizzazioni che offrono servizi sanitari in rete , American Psychological Association)
   http://www.nbcc.org/ethycs/wcstandars.htm (linee guida etiche rivolte alle organizzazioni che offrono servizi sanitari in rete ,National Board of Certifield Counselor,1997)
   http://www.ordpsicologier.it ( Sito dell’ordine degli psicologi dell’Emilia Romagna).
   http://www.cmhc.com/prospectives/articles/art01971.htm (Mental Healt Magazine)
   http://www.psy.it  (sito dell’Ordine Nazionale degli Psicologi).
   http://www.censis.it (Sito ufficiale del CENSIS, centro studi sull’investimento sociale)
   http://www.iucf.indiana.edu/brown/hyplan/addict.htlm (Goldberg, IAD, 1995.)
EMEROGRAFIA
 
  • Laura Kiss, “Con i blog in rete i giornali<fai da te>”7/7/03 “Affari e finanza” inserto del lunedi’ de La Repubblica.
  • Holland, N. The Internet Regression, Psychomedia Telematic Review, 1996.
  • Young K.S., Psychology ofcomputer use: XL. Additive use of the In ternet: a case that breaks the stereotype, Psychologlcal Reports 1996;1. 79: 899-902.
  • Steuer, J. Defining Virtual Reality: Dimensions determining Telepresence, Journal of communication, 1992. 42(4),pp.73-93.
  • Cantelmi T. e Talli M., Fenomeni correlati all’Internet Addiction Disorder: prime esperienze in Italia, aspetti clinici e note critiche, Psicologia Contemporanea, Novembre, 1998.
  • Cantelmi T., Talli M. e Putti S.,Nuove frontiere della psicoterapia, il paziente on-line, Psicologia Contemporanea, Luglio-Agosto, 2000.
  • Talli M.,D’ Andrea A., Cantelmi T ., Strumenti per la valutazione della IAD-PCU: review on-line, Formazione Psichiatrica, n. 1-2, pp. 77-84,1998.
  • Bricolo F., Marconi P.L., Conte G.L. Oi Giannantonio M., Oe Risio S.,Internet Addiction Oisorder: una nuova dipendenza? Studio su un campione di giovani utenti, Società Italiana di Psichiatria: Bollettino, Scientifico e di Informazione, n. 1-2, anno IV, marzo-luglio, 1997.
  • Ainsworth M.,Grohol J., Credential check, ,1997. Disponibile all’ indirizzo http//www.cmhc.corn/check
 
 

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/09/02/bibliografia-sitografia-emerografia-psicologia-on-line/

ALZHEIMER

La demenza è una malattia a carattere degenerativo del sistema nervoso, in cui le cellule del sistema nervoso centrale vengono colpite progressivamente morendo (Galimberti U., 1999).

Vari cambiamenti e modificazioni nell’uso delle abilità cognitive avvengono a causa delle demenze:

  • deficit mnesici
  • deficit spazio-temporali
  •  deficit percettivi (agnosie)
  • deficit aprassici
  •  deficit dell’attenzione e delle funzioni di esecuzione.

Varie modificazioni di carattere comportamentale ed emotivo:

  • aggressività
  • allucinazioni
  • deliri
  • irritabilità
  • ripetitività
  • eccessivo attaccamento
  • disturbi dell’umore (depressione ed ansia)
  • disinibizione
  • alterazione del ciclo sonno-veglia
  • memoria
  • emozione
  • linguaggio
  • pensiero
  • orientamento.

Non bisogna dimenticare come spesso diverse malattie vengono confuse con la demenza e viceversa:

il delirium, la depressione, la demenza multi-infartuale, la demenza vascolare sottocorticale, la demenza frontotemporale.

Per offrire un quadro concreto delle variabili demografiche e della loro correlazione consultare “la ricerca Alzheimer”:una ricerca pilota di “Analisi statistico descrittiva effettuata su di un campione di 801 pazienti afferenti nell’arco di anni che và dal 2001 al 2008 per valutazione neurocognitiva (per sospetta demenza) all’Azienda Sanitaria Locale D.S.M. Servizio di Psicologia dell’età adulta ed evolutiva di Taranto (Chiloiro D., Scapati F., Battaglia D., Cetera N., Zinzi E. 2010,138-140) .

Anche se sin ad oggi non si è ancora riusciti a trovare una vera e propria cura per questa malattia, svariati tentativi sia in campo farmacologico che riabilitativo “cercano” di rallentarne il suo decorso.

Per questo si cercherà di agire sulla riabilitazione delle varie funzioni.

I metodi utilizzati sono il frutto di una integrazione tra tecniche pure di riabilitazione e quelle di natura Psicoterapeutica, con un approccio “centrato sulla persona” (Carl Rogers 1997).

Ci sono anche difficoltà affrontate dalla famiglia del malato per fronteggiarne i cambiamenti dementigeni e ci sono suggerimenti utili per riuscire ad affrontare al meglio la malattia, oltre che padroneggiare in modo più abile ed adeguato con i propri ed altrui vissuti emozionali.

La demenza rappresenta una delle emergenze sanitarie del prossimo futuro (The italian Longitudinal Study on Anging Working Group, 1997; Solfrizzi et al., 2004; Di Carlo et al., 2002). Nell’ultimo decennio stanno aumentando le evidenze a favore del valore della riabilitazione neurocognitiva che riguardano: l’orientamento, la memoria e la gestione del comportamento.  Una nuova era sta iniziando. Attraverso studi controllati come nel caso della  Reality Orientation Therapy tradizionale (ROT) si potrà acquisire una nuova identità attraverso la quale la persona viene posta al centro dell’attenzione nella sua globalità, nella convinzione che competenza cognitiva e fattori psicosociali contribuiscano alla realizzazione del malato come persona.

BIBLIOGRAFIA (ricerca alzheimer)

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/28/morbo-di-alzheimer/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/11/le-emozioni/

Paul Ekman (l’innatismo delle emozioni)

La teoria di Paul Ekman sull’innatismo delle emozioni si fonda su un esperimento di analisi e raffronto interculturale (Ekman et. al., 1972).

E’ stato infatti osservato come una espressione emozionale all’interno di una specifica popolazione era interpretata correttamente e uniformemente all’interno di qualunque altra cultura, e viceversa (Stati Uniti e Nuova Guinea)

Il raffronto consisteva nel mostrare delle foto di espressioni emozionali facendole quindi riconoscere.

In concreto l’esperimento scoprì per esempio che l’espressione facciale legata alla rabbia veniva interpretata come rabbia all’interno di tutte le popolazioni analizzate.

Visualizza la bibliografia sulle emozioni

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/10/paul-ekman-innatismo-delle-emozioni/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/10/rabbia/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/10/disgusto-e-disprezzo/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/10/sorpresa/

Permalink link a questo articolo: https://www.psicologo-taranto.com/2011/06/02/i-gruppi-di-psicoterapia/

Carica altro